TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Vittoria o autunno - Il 2022 un anno fatidico per Emmanuel Macron

Vittoria o autunno – Il 2022 un anno fatidico per Emmanuel Macron

Il 2022 sarà un anno fatidico per Macron. Continuare a combattere l’epidemia e il cambiamento climatico. L’economia deve essere in grado di sostenere e investire. I conflitti scuotono il mondo esterno. La caccia ai terroristi in Africa viene messa in discussione in assenza di risultati, con colpi di stato interni e timori di coinvolgimento mercenari russi.

Le relazioni con gli inglesi furono tese dalle liti di caccia e dal movimento degli immigrati. L’amicizia di Joe Biden ha preso una brutta piega quando l’Australia ha deciso di ritirarsi dai sottomarini francesi convenzionali ai sottomarini nucleari americani e britannici. L’industria della difesa francese ha perso un affare gigantesco. Tradimento di un partner strategico, considerato un francese arrabbiato. Biden si è scusato e il segretario di Stato francofono Anthony Blinken è stato inviato a Parigi per un viaggio di riconciliazione.

Ma ha cementato la convinzione di Macron, in coincidenza con l’approvazione di Biden, di rendere l’UE politicamente, economicamente e militarmente più forte e meno dipendente. Oltre alla gestione delle crisi sulla scia della pandemia, si prevede che gli sforzi di riforma vedranno la prima metà della presidenza francese del Consiglio europeo.

Gli sviluppi possono determinare le elezioni presidenziali

La presidenza della repubblica coincide con le elezioni presidenziali francesi previste per il 10 e 24 aprile. Macron dovrebbe essere rieletto, ma ha rivali sia nell’estrema destra che nel Partito Repubblicano. L’evoluzione durante i mesi invernali può essere decisiva per chi vincerà.

Interrogato sui rischi dell’utilizzo della presidenza del Consiglio Ue per promuovere la sua campagna nazionale, Macron ha risposto il 9 dicembre che Parigi “non ha scelto il calendario” e che questo è “il frutto dell’attuazione della Brexit”. “Dobbiamo svolgere il nostro ruolo con spirito di responsabilità”, ha aggiunto. euractiv.com.

READ  La politica di coesione dell'UE in prima linea nella ripresa: approvati in soli quattro mesi 34 miliardi di euro per regioni e città - Politica regionale

Sulle priorità della Francia in un momento di “crescente disuguaglianza globale” e di “aumento delle tensioni”, ha sottolineato che “il passaggio da un’Europa basata sulla cooperazione entro i nostri confini a un’Europa forte nel mondo, pienamente sovrana, libera di fare le proprie proprie scelte e per controllare il proprio destino.” Vuole un migliore “controllo” dei confini europei. È una “premessa indispensabile” per accettare la sfida delle migrazioni, affrontare guerre “ibride” ed evitare “drammi umani”.

Ha chiesto la riforma dello spazio Schengen senza frontiere basato sul modello della zona euro, con l’istituzione di un comitato direttivo politico e incontri regolari tra i ministri. La Francia, secondo Macron, sosterrà anche la creazione di un “meccanismo di sostegno alle frontiere di emergenza” in collaborazione con l’agenzia europea per le frontiere Frontex.

Vuole portare avanti il ​​pacchetto di migrazione

Credeva che ciò avrebbe consentito il rapido dispiegamento delle forze dell’ordine e delle attrezzature al confine, se necessario. Il francese ritiene che la reazione di oggi sia troppo tardiva. È desideroso di “portare avanti il ​​pacchetto europeo sull’immigrazione”. Ciò avverrà continuando a lavorare con i paesi di origine e di transito e armonizzando le norme.

Nel campo della difesa, ha visto “significativi progressi”, riferendosi in particolare all’avvio del Fondo europeo per la difesa nel 2017. Ora questo fondo dovrebbe “entrare in una fase più operativa” e rendere la Presidenza dell’Ue un “momento da definire” la strategia strategica. Bussola Ue: cooperazione in materia di sicurezza e difesa, secondo Macron.

Il presidente francese Emmanuel Macron incontrerà il nuovo cancelliere tedesco Olaf Schulz in occasione del recente vertice dell’UE a Bruxelles, che riguardava in gran parte la minaccia militare russa alla vicina Ucraina. Foto: John Tess

Il francese è stato il primo leader straniero a ricevere la visita del nuovo cancelliere tedesco, Olaf Scholz. Hanno una visione simile su come l’UE dovrebbe andare avanti e sui problemi interni dell’Unione in cui paesi come la Polonia e l’Ungheria non accettano lo stato di diritto comune. Jaroslaw Kaczynski, leader del partito Diritto e Giustizia del governo conservatore nazionale polacco, afferma che la Germania sotto Schulz sta cercando di trasformare l’Unione europea in un “Quarto Reich tedesco” federale.

Cooperazione centrale nella politica europea

La cooperazione franco-tedesca è centrale nella politica europea e nei confronti di Russia e Cina. Macron ha anche stabilito legami più stretti con l’Italia e il primo ministro Mario Draghi. Il giorno prima della vigilia di Natale, hanno invitato Bruxelles a rinnovare le sue regole di politica fiscale per consentire un aumento della spesa per investimenti.

“Proprio come non si può permettere che le regole ostacolino la nostra risposta alla pandemia, così non dovrebbero impedirci di fare tutti gli investimenti necessari”, hanno scritto. Financial Times. sito web.

Con la diffusione delle infezioni, le nuove restrizioni, i periodi di tempo più brevi tra le vaccinazioni e le potenziali minacce di guerra nell’Europa orientale, Macron è diventato il volto unificante dell’Unione europea. Prospera sotto i riflettori come statista, ma ha un prezzo in molte crisi complesse e imprevedibili.

Per saperne di più: I paesi partner dell’Est sperano nell’UE – Putin sulla Cina

Per saperne di più: Rivolte franco-britanniche dopo la tragedia dei migranti

Per saperne di più: Continua la rissa di caccia – I britannici convocano un ambasciatore francese

Per saperne di più: Analisi: mostra disaccordo e divisione