TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Unione europea: un pacchetto di aiuti del valore di 3 miliardi di euro per una Bielorussia democratica

Christian Danielson, presidente della Commissione europea in Svezia, era nella sua casa di campagna quando, domenica, ha saputo che all’aereo Ryanair era stato ordinato di atterrare a Minsk.

Ero scioccato e pensavo che ora avessero attraversato il confine. Si tratta di un volo interno all’interno dell’Unione Europea, tra Atene e Vilnius. Dice che questo è contro la sovranità europea.

Più tardi, ho capito che era anche un problema di sicurezza aerea. Usano un importante meccanismo di emergenza per abbattere un aereo.

Il presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, avrebbe detto: Questo è il modo in cui funziona una dittatura quando combatte la libertà di espressione e arresta un giornalista associato all’opposizione.

Christian Danielson Dall’anno scorso è di stanza a Stoccolma, ma ha lavorato a lungo a Bruxelles. Anni 2013-2020 è stato direttore generale della politica di vicinato dell’Unione europea, che comprende la Bielorussia. Danielson descrive le relazioni dell’UE con la Georgia, la Moldova e l’Ucraina come profonde e buone.

Le relazioni con la Bielorussia erano più limitate. Molti dicono che sia uno stato autoritario. Abbiamo sempre espresso il modo in cui vogliamo vedere la Bielorussia, come libere elezioni e liberi prigionieri politici.

Christian Danielson all’incontro dell’Unione europea nel 2019.

Foto: Alamy

Dalle elezioni dell’agosto dello scorso anno e dalle proteste di massa e dagli arresti che ne sono seguiti, le relazioni dell’UE con la Bielorussia sono state scarse. In autunno, l’Unione europea ha inasprito le sanzioni contro individui e aziende.

Invece, cerca di unirsi Stabilire contatti con la società civile e cooperare con l’opposizione.

Abbiamo contatti molto stretti, non da ultimo con il leader dell’opposizione Svjatlana Tsichanouskaja, dice Danielson.

I contatti hanno portato la Commissione europea a sviluppare un pacchetto di investimenti e riforme pari a 3 miliardi di euro, ovvero circa 30 miliardi di corone svedesi. Il denaro deve essere pronto il giorno in cui la Bielorussia diventerà una democrazia. In parole povere, si tratta di prestiti e sovvenzioni per organizzare la traballante economia della Bielorussia, riformare la magistratura, l’amministrazione e le imprese per creare fiducia negli investimenti esteri. E così via.

– Tutto dipende dal fatto che in Bielorussia esiste la volontà di muoversi in una direzione democratica. Con il sistema attuale, le prospettive sono molto limitate, per usare un eufemismo.

Primo ministro del Regno Unito Boris Johnson ha invitato Svjatlana Tsichanouskaja a una riunione del G7 di giugno in Cornovaglia.

Ciò mostra chiaramente che la comunità internazionale vuole vedere il cambiamento in Bielorussia, afferma Christian Danielson.

All’ultimo vertice dell’Unione europea 27 capi di Stato e di governo hanno acconsentito Riguardo a nuove misure contro la Bielorussia. Tra le altre cose, le compagnie aeree del paese sono state sospese dall’operare nei paesi dell’Unione europea.

Il vertice ha anche chiesto proposte per imporre sanzioni economiche mirate al paese. Quando i ministri degli esteri dell’Unione europea si sono incontrati giovedì, il principale carburante, minerali e prodotti esportati dalla Bielorussia, il carbonato di potassio, è stato menzionato come potenziali obiettivi.

Un’azione rapida e unificata nei confronti della Bielorussia dovrebbe essere vista come un’innovazione nella politica estera dell’UE?

Non abbiamo mai incontrato prima questo tipo di lavoro inaccettabile. Sulla base di questo approccio, è difficile parlare di interruzioni di direzione. Christian Danielson afferma che è chiarissimo che l’Unione europea può agire in modo aggressivo e brusco.

Il vertice ha anche concordato una dichiarazione congiunta sulla Russia: indica un maggiore coordinamento?

Penso che sia una chiara espressione del consenso tra gli Stati membri, che è stato visto negli ultimi mesi quando si tratta di Russia. Le conclusioni del vertice sono molto nette, sia per quanto riguarda la descrizione della situazione, sia per indicare le basi della nostra politica.

Già al vertice di giugno, i paesi dell’Unione europea discuteranno nuovamente delle relazioni con la Russia. Fino ad allora, il ministro degli Esteri dell’UE e della Commissione europea, Josep Borrell, presenterà alternative politiche ai principi che guidano oggi l’Unione europea nelle sue relazioni con la Russia.

Pensa che in futuro l’Unione europea sarà più unita nella politica estera?

– Dipende dai problemi in giro. Alcune questioni sono più difficili, come il Medio Oriente. Lì, le conclusioni del 2009 rimangono valide.

Per saperne di più: Perché il regime di Lukashenko costringe i suoi nemici a “confessare”

Leggi di più. Michael Winarsky: L’hacking di Lukashenko non è il momento giusto per Putin

READ  Base dell'Unione europea: feriti e soli ad Ankara