TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

"Un posto nell'accademia di F1 non significa solo ricevere"

“Un posto nell’accademia di F1 non significa solo ricevere”

Tutti i piloti di Formula 1 oggi hanno iniziato a karting in giovane età.

Da allora, la tendenza in questo momento è che prima i piloti possono entrare nelle grandi corse automobilistiche, meglio è. Ora iniziano a gareggiare nelle classi junior più giovani su auto di Formula quando compiono 15 anni, afferma Eje Elgh, ex pilota da corsa e commentatore televisivo di lunga data sugli sport motoristici.

Un pilota non può mai compensare se non fa i risultati. Ma per ottenere buoni risultati, sia nel karting che nelle classi principianti, è necessaria una buona economia. E poi il costo aumenta ogni anno.

– Ma questa è la strada da percorrere, tutti cercano – non puoi guidare un’auto normale o un rally e pensare di arrivare in Formula Uno. F3 e F2, è ovvio quando vedi cosa serve per ottenere una super patente.

Per essere in grado di perseverare finanziariamente fino alla Formula 1, spesso richiede il supporto di sponsor esterni o, come è comune oggi, le scuderie che supportano i giovani fin dalla tenera età nei loro programmi accademici.

Poi abbiamo giudicato che la competizione fosse così grande che le possibilità sarebbero state ancora maggiori per lui se fosse rimasto fuori

Il più recente della Svezia Elg era guidata dal pilota di Formula 1 Marcus Ericsson e aveva ricevuto offerte da diverse accademie, da Red Bull e Honda, ma ha scelto di rifiutare.

Non si tratta solo di ricevere, ma anche di dare. Il che significa che se hai l’opportunità di essere un free agent e quindi non appartieni a una squadra in particolare, hai più opzioni.

READ  Premio Nobel: "Il panico dell'inflazione è morto"

– Se avesse accettato di far parte della Red Bull Academy allora intorno al 2010, quando la scuderia aveva un’accademia molto forte, avrebbe gareggiato contro tutti quei piloti. Abbiamo visto che le possibilità erano maggiori per lui se rimaneva fuori.

Marcus Ericsson ha guidato la gara di Formula 1 per cinque stagioni.

Foto: Laszlo Balogh/AP

Ericsson ha avuto una sceltaGrazie agli sponsor, per aver proseguito per la loro strada. Da allora, il suo successo ha spianato la strada a nuovi talenti negli sport motoristici in Svezia, secondo Eje Elgh.

L’interesse dei media è aumentato quando Marcus è entrato in Formula 1. E non si è calmato quando è passato alla Indycar. L’esperto dice che l’interesse che si è guadagnato è sopravvissuto e che gli sponsor sono più interessati agli sport più visibili.

Potrebbe essere più facile spostarsi in un paese che ha un grande interesse culturale per la Formula Uno

I piloti dei paesi con stand di Formula 1 sono avvantaggiati?

– No, per esempio, è passato molto tempo dall’ultima volta che ho avuto una Ferrari italiana. Ma d’altra parte, la Ferrari è qualcosa di sacro in Italia, e l’interesse del pubblico è molto grande, il che crea un atteggiamento positivo tra gli sponsor. Si crea un effetto secondario, il che significa che può essere più facile orientarsi in un Paese di grande interesse culturale per la Formula Uno, come la Germania.

Eje Elgh cita anche la Finlandia, dove c’è quasi isteria intorno alla F1. Tutto è iniziato quando Keke Rosberg è diventato campione del mondo e lui, a sua volta, è stato guidato da Mika Häkkinen. Diversi piloti sono riusciti a seguire le loro orme e ora Kimi Räikkönen ha lo status di Elvis. I piloti finlandesi non sono migliori degli svedesi, ma il paese ha una tradizione di piloti di Formula 1 al vertice.

Una donna può tornare in Formula 1?

Non vedo un solo motivo per cui una donna non possa sopportare quello che può fare un uomo. Il problema è che ci sono pochissime persone che accettano il lavoro. Se avessimo più ragazze, sono convinto che prima o poi ne avremo una anche in Formula 1.

LEGGI ANCHE: Milla Sjostrand, 13 anni, punta al programma dell’accademia Ferrari – e alla F1