TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

TSMC Finflex combina diverse densità di transistor nello stesso circuito

Quando i produttori di circuiti come TSMC, Samsung e Intel sviluppano un nuovo nodo di produzione, spesso lo fanno insieme a una serie di diverse librerie di celle specificamente adattate per diverse applicazioni. Potrebbe essere, ad esempio, una libreria di densità, incentrata sia sull’elevata densità di transistor che sulla massima efficienza energetica possibile, ma compromettendo le frequenze di clock raggiunte. All’altra estremità c’è la libreria delle prestazioni, che compromette densità ed efficienza energetica per ottenere invece le prestazioni più elevate possibili su frequenze di clock elevate.

Durante la sua conferenza scientifica, TSMC sta rivelando il suo concetto finflex. Finflex è stato sviluppato per consentire ai clienti dell’azienda di integrare diverse librerie di celle durante la progettazione dei circuiti. L’applicazione pratica potrebbe essere, ad esempio, i progettisti ibridi, in cui i core dei processori ad alte prestazioni che raggiungono frequenze di clock elevate possono utilizzare la libreria delle prestazioni, mentre i core a risparmio energetico possono in alternativa utilizzare la libreria della densità per ottenere una maggiore densità di transistor e una migliore efficienza energetica. . Tutto questo può essere fatto in un cerchio monolitico senza la necessità di dividere il disegno in segmenti.

Finflex è offerto con il processo N3 e N3E di TSMC ed è offerto come librerie di celle 3-2 Fine, 2-2 Fine e 2-1 Fine. Tra queste, 3-2 Fin è la variante ad alte prestazioni, che nel suo design fornisce all’N3E prestazioni superiori del 33% e un consumo energetico inferiore del 12% rispetto all’attuale nodo N5. Nella seconda parte dello spettro troviamo la pinna 2-1, che offre un aumento delle prestazioni dell’11% in meno rispetto all’N5, ma riduce comunque la potenza fino al 30% con miglioramenti significativi nella densità dei transistor.

Il processo di produzione per TSMC N3 sarà introdotto durante la seconda metà dell’anno e il nodo raffinato N3E seguirà nel 2023. L’azienda prevede di ridurre a 2 nm alla fine del 2024 con il processo di produzione di N2.