TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Aslani sulle riprese con Zlatan al Paris Saint-Germain

Quando Kosovar Aslani è arrivata al Paris Saint-Germain, le è stato chiesto di girare con Zlatan Ibrahimovic.

Dopodiché, Ibra è stata rimandata nel lussuoso centro di Parigi, mentre Cousteau è stato mandato in un hotel residenziale nei bassifondi.

Era un controllo della realtà e un promemoria che una moneta ha due facce. Dice che un lato è lucido, l’altro è completamente sporco Femina.

Le condizioni economiche e le differenze tra calciatori maschi e femmine sono sempre state un argomento caldo di controversia.

Molte cose sono successe negli ultimi anni, ma molte possono ancora succedere.

In una lunga intervista alla rivista, Femina Ricorda la grande stella della squadra femminile indigeno kosovaro Ai suoi tempi al Paris Saint-Germain e ai momenti salienti di un evento con Zlatan Ibrahimovic Nel ruolo di leadership ha evidenziato chiaramente le enormi differenze.

Guida ai bassifondi

Kosei era nuovo al PSG e il club ha voluto fare una foto delle due stelle d’attacco in blu e giallo.

Al termine delle riprese, sono tornati a realtà ampiamente divergenti.

Zlatan ha presentato Kosovar Aslani al direttore sportivo del Paris Saint-Germain.

Tutti pensano che sia una gioia essere una professionista, ma è interessante sapere che aspetto ha un’atleta donna. Quando ho firmato per il PSG, i media erano grandi perché sono stato il primo giocatore svedese del club. Zlatan era presente contemporaneamente e volevano confermare che eravamo attaccanti svedesi al PSG. Siamo stati fotografati insieme e c’era molto rumore. Un’ora. Aslani dice che la prossima volta che andai in un appartamento d’albergo nei quartieri poveri di Parigi.

“lato sporco”

La squadra femminile del Paris Saint-Germain è stata fondata nel 1971, un anno dopo la squadra maschile.

READ  I politici hanno cercato di acquistare la cauzione a Drottningholm

Ma anche nel 2012 – quando accadde l’incidente di cui parlava Aslani – le differenze erano sconcertanti.

– Non ho ricevuto informazioni su dove acquistare cibo o come raggiungere la palestra. Era un controllo della realtà e un promemoria che una moneta ha due facce. Da un lato è lucido, l’altro è completamente sporco. Aslani dice che questa parte del calcio femminile è ancora scalabile, si potrebbe dire.

In qualche modo, sono stanco di parlare di problemi, in un modo che tu non fai.

Siamo un po’ come i politici che dovrebbero essere consapevoli di tutte le principali questioni relative all’uguaglianza di genere, ai diritti umani e a tutto ciò che non è correlato al calcio. Non ci sediamo mai a un’intervista e parliamo solo di tattiche come fanno i giocatori maschi. Ma vogliamo anche portare avanti il ​​mondo e siamo felici di difendere l’uguaglianza di genere e i diritti umani. Questo è molto importante per me.