TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Soldi dall'alto per accelerare l'economia

Soldi dall’alto per accelerare l’economia

Supponiamo che un elicottero stia sorvolando una comunità e che il pilota abbia lanciato molte banconote. Naturalmente, i residenti raccolgono banconote e le acquistano. È in contanti gratuito – i residenti non richiedono alcun pagamento. È anche un evento unico e irreversibile: i residenti acquistano denaro.

In breve, è così che il vincitore del premio per l’economia Milton Friedman ha descritto il termine da lui coniato: denaro in elicottero.

Il denaro “sganciato” stimolerà l’economia perché Friedman crede che il denaro che le persone ricevono gratuitamente li renda più propensi a spenderli.

Lo scopo è aumentare i consumi, e la ragione per cui questo tipo di politica dovrebbe funzionare è che non c’è solo inflazione quando viene stampato quel denaro, dice Tori Ellingsen, professore di economia alla Stockholm School of Economics.

si riferisce a Che in un mondo ideale, i prezzi diminuirebbero quando c’è una grande quantità di capacità inutilizzata nell’economia (la produzione è al di sotto del livello di picco previsto e la disoccupazione è alta). I prezzi devono scendere in modo che le famiglie consumino di più e quindi rilanci l’economia.

– Ma questo non è il mondo in cui viviamo, ma i prezzi sono molto lenti. Quindi, quando le famiglie hanno più soldi e possono consumare ai prezzi disponibili, l’attività economica aumenta: questa è l’idea, spiega Ellingsen.

“Penso che sia una procedura molto appropriata quando si ha questo tipo di malattia rara, ma è significativa”, aggiunge.

Tori Ellingsen, Professore di Economia alla Stockholm School of Economics.

Foto: Juliana Weklund

collegato Con la crisi finanziaria del 2008-2009, gli economisti, soprattutto negli Stati Uniti, hanno iniziato a chiedere denaro in elicottero. Ed è anche il paese che lo ha fatto, di recente come un modo per combattere gli effetti della pandemia sull’economia.

Diversa era l’opinione prevalente in Europa e nell’Eurozona. Per decenni, l’obiettivo qui è stato una bassa inflazione e un basso debito del governo centrale.

Ma l’epidemia non è questo.

Il tono del dibattito ha subito un cambiamento fondamentale a causa della pandemia. John Mulebauer, un professore di economia a Oxford che ha scritto diversi articoli sul denaro degli elicotteri, afferma che in Europa questa preoccupazione per l’enorme debito pubblico è scomparsa.

Vari puntoni Per l’economia durante la pandemia è stata la politica fiscale, seppur gigantesca. Si trattava di sovvenzioni, come il sostegno ai licenziamenti a breve termine, finanziate dal crescente debito del governo centrale.

Mühlbauer ha precedentemente sostenuto che i regolamenti che disciplinano la Banca centrale europea (BCE) devono essere accuratamente riscritti per consentire il denaro degli elicotteri.

Ma crede che un cambiamento nella visione di ciò che le nazioni possono e dovrebbero fare, significa che i soldi degli elicotteri non contano più.

La necessità di soldi per gli elicotteri è diminuita ora perché la politica fiscale ha preso piede. Dice che la visione dei regolamenti di politica fiscale è cambiata.

identificazione Galleggiante dell’elicottero dei soldi. A rigor di termini, è la banca centrale che “stampa più denaro” e aumenta l’offerta di moneta. L’aumento viene poi distribuito alle famiglie.

Ma la domanda è se i massicci acquisti di titoli di stato effettuati dalle banche centrali dopo la crisi finanziaria possono essere considerati solo denaro da elicottero.

Robert Bergqvist, capo economista di SEB, ritiene che l’acquisto di obbligazioni si avvicini comunque al denaro dell’elicottero perché è una partecipazione a lungo termine che aiuta a finanziare i deficit del governo centrale.

Se chiedi a una banca centrale se gli acquisti sono finanziamenti diretti del disavanzo, risponderà di no. Bergqvist dice che dicono che ridurranno le loro partecipazioni.

Robert Bergqvist, capo economista di SEB.

Robert Bergqvist, capo economista di SEB.

Foto: Jessica Gow/TT

Contemporaneamente premere È sul fattore tempo. In Giappone, la banca centrale acquista titoli di stato, vaglia cambiari del governo, per un periodo di 20 anni.

– Questo problema sarà molto importante quando vedremo come le banche centrali si occuperanno di questi enormi portafogli. Penso che continuerà e poi comincerà ad avvicinarsi a qualcosa di simile al denaro dell’elicottero, dice Bergqvist.

Ma la domanda è quanto saranno efficaci le azioni degli Stati Uniti. Lì, l’opinione è divisa tra gli economisti.

Tore Ellingsen pensa che molto del denaro sia andato in deprezzamento.

– Ma bisogna dire che gli effetti sono stati molto piccoli. Rispetto al deficit di bilancio di Trump, si tratta di piccoli frutti, dice.

Secondo Bergqvist, Che era titubante sull’azione, la Federal Reserve statunitense ha fatto una valutazione dopo l’ultimo sforzo.

– Si scopre che un terzo è andato per il consumo, un terzo per il risparmio e un terzo per il rimborso, dice.

Bergqvist pensa che quello che è successo in Svezia, con un maggiore sostegno del governo ai comuni, sia per il meglio.

Da un lato, i soldi arrivano immediatamente e, dall’altro, il settore pubblico è un settore ad alta intensità di manodopera. Dice che chi ci lavora può sentirsi sicuro che il lavoro sopravviverà e quindi sostenere il consumo e la crescita.

una cosa unisce The Three Economists – Se si deve usare il denaro dell’elicottero, è la politica fiscale, cioè i politici eletti che sono responsabili nei confronti del popolo, che controllano come vengono utilizzati.

READ  ESCLUSIVO: Jan Anderson sulla Premier League: `` un'idea fondamentale che non mi piace subito ''