TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Scania settentrionale |  Manuale della Commissione europea: giovedì 17 giugno

Nora Skin | Cinque soldati morti in un incidente in elicottero

“I talebani hanno preso il controllo di Mazar-i-Sharif”, ha detto Afzal Hadid al governo locale.

Aggiunge che la capitale della provincia di Balkh sembra essere caduta senza combattere da quando le forze di sicurezza hanno spostato le attrezzature verso il confine con l’Uzbekistan. Secondo Hadid, ci sono ancora battaglie sporadiche.

La forza internazionale ISAF, che includeva la forza svedese, era parzialmente di stanza a Mazar-i-Sharif.

E la seconda e la terza città più grandi dell’Afghanistan, Kandahar nel sud e Herat nel nord-ovest, caddero nelle mani dei talebani, che in linea di principio assediarono e isolarono Kabul. Il movimento fondamentalista ha allestito accampamenti a circa 50 chilometri dalla capitale, facendo temere un imminente attacco.

“Al momento, Kabul non è sotto minaccia diretta, ma allo stesso tempo è chiaro a tutti che i talebani stanno cercando di isolare la città”, ha detto venerdì John Kirby, portavoce del quartier generale del Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti.

Huma Ahmadi ha detto all’agenzia di stampa che sabato i talebani hanno preso il controllo della provincia di Logar, a sud della capitale. AP. Secondo Ahmadi, i combattenti talebani hanno raggiunto un’area a soli 11 chilometri a sud di Kabul.

Kabul, Jalalabad, Gardez e Khost sono attualmente le uniche grandi città del paese non controllate dai talebani.

Ashraf Ghani ha anche detto che non avrebbe permesso alla gente di soffrire più morte e distruzione all’indomani della guerra.

“Come vostro presidente, il mio obiettivo è prevenire ulteriore instabilità, violenza e la deportazione forzata del mio popolo”, ha detto Ghani a Reuters.

Ghani non ha mostrato alcun segno di soddisfare le richieste dei talebani di dimettersi.

Il Qatar ha anche annunciato di aver invitato i talebani a cessare il fuoco.

Gli sviluppi hanno spinto molti paesi a limitare o a ricorrere del tutto al personale diplomatico. La Svezia è tra i Paesi che hanno deciso di inviare a casa parte del personale dell’ambasciata a Kabul.

Il servizio stampa del ministero degli Esteri svedese ha riferito che il ministero degli Affari esteri ha ridotto il numero del personale dell’ambasciata a Kabul a un “numero minimo di personale”.

Il Dipartimento di Stato ha scritto in una e-mail a TT e continua:

“Il punto di partenza è che l’ambasciata è aperta purché sia ​​compatibile con gli interessi svedesi e la situazione della sicurezza”.

Il ministero degli Esteri svedese ha annunciato che l’evacuazione del personale dell’ambasciata svedese potrebbe diventare rilevante a breve termine.

All’ambasciata degli Stati Uniti, il personale è invitato a distruggere materiali sensibili durante l’arrivo delle forze statunitensi per garantire l’evacuazione del personale e dei civili.