TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Skånska Dagbladet | Eruzione del vulcano Covid su diverse navi da crociera

Danilov osserva che qualsiasi discorso su un’imminente invasione russa potrebbe destabilizzare l’Ucraina e mettere Putin nelle sue mani.

Putin vuole schiacciare il nostro Paese. Ci riuscirà? No, non lo farà, dice Danilov.

– I nostri cittadini continuano a proteggere il nostro paese, aggiungendo che sia l’esercito che i civili formeranno un ampio “movimento di resistenza” nazionale se la Russia lancerà l’offensiva.

Le tensioni nella regione sono aumentate dopo che gli Stati Uniti all’inizio di questo autunno hanno espresso preoccupazione per il massiccio afflusso di truppe russe al confine ucraino, accusando contemporaneamente Putin di complottare per invadere l’Ucraina.

Ma Oleksig Danilov minimizza il rischio di una forte escalation militare. Secondo lui, questa non era una “costruzione critica”.

Secondo le stime ucraine, il numero di soldati russi al confine con l’Ucraina è aumentato da circa 93.000 a ottobre a circa 104.000 attualmente.

– Non lo consideriamo un grande aumento.

Danilov ha anche affermato all’inizio di questa settimana che non crede che un’invasione sia imminente. Ha detto a Reuters che la regione di confine avrebbe bisogno di almeno 500.000 truppe in modo che la Russia potesse “controllare una possibile invasione”.

‘Fai a pezzi il nostro paese’

Oleksig Danilov, che è anche consigliere del presidente ucraino Volodymyr Zelensky, ha sottolineato nell’intervista che le autorità non volevano “spaventare la gente” con “discussioni di guerra” perché potrebbero “destabilizzare la situazione nel Paese”.

Danilov accusa il Cremlino di usare attacchi informatici e di aggravare le crisi energetiche per destabilizzare l’Ucraina dall’interno.

– Sono convinto che questo sia l’obiettivo principale di Putin.

E Danilov ha affermato che se tutto il resto fallisce, la Russia potrebbe portare le sue forze oltre il confine.

– Vogliono fare a pezzi il nostro paese in modo che non esista nei suoi confini attuali.

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha minacciato Putin di sanzioni “non ha mai visto prima” se l’Ucraina viene attaccata.

Funzionari del governo ucraino hanno anche invitato l’Occidente a fornire armi al paese. Ha inoltre chiesto l’imposizione di sanzioni preventive contro la Russia.

– La cosa più importante è fornirci le armi, afferma Danilov nell’intervista all’Agence France-Presse.

– Quando il nostro paese sarà distrutto, a chi imporrete sanzioni allora, si chiede.

Putin ha affermato che sta chiedendo agli Stati Uniti di dare alla Russia garanzie che la NATO fermerà la sua espansione verso est e che l’Ucraina non farà mai parte dell’alleanza militare occidentale.

Washington ha risposto che era pronta a discutere alcuni dei problemi di Mosca all’inizio di gennaio.

Danilov, da parte sua, mette in guardia l’Occidente dall’accettare alcuni accordi sul destino dell’Ucraina senza la partecipazione dei rappresentanti del Paese.

– Non siamo la Russia. Impossibile mettersi in ginocchio, se non altro perché i big hanno deciso qualcosa per noi.

Contesto: il conflitto in Ucraina

Nell’inverno 2013-2014, l’Ucraina è stata scossa dalle crescenti proteste contro l’allora presidente filorusso Viktor Yanukovich, che si era rifiutato di firmare un accordo di cooperazione con l’Unione europea. Il violento tentativo del presidente di sedare le manifestazioni ha suscitato grande indignazione e ha portato alla sua fuga in Russia nel febbraio 2014. L’intera élite al potere è stata sostituita ed è stato nominato un nuovo governo, nominato dagli attivisti della protesta.

La presa del potere da parte dell’opposizione filo-occidentale, a sua volta, ha fatto arrabbiare la Crimea dominata dalla Russia. La Russia ha usato questo per dirigere una ribellione e prendere il controllo della penisola con soldati in uniformi anonime. Questa occupazione si trasformò presto in un’annessione illegale. Prima di ciò, si è tenuto un referendum in cui la maggioranza della popolazione ha affermato di voler appartenere alla Russia anziché all’Ucraina. Né l’Ucraina né l’Occidente hanno riconosciuto il referendum.

Per la prima volta dalla seconda guerra mondiale, un paese europeo occupava così una parte di un altro. Le reazioni del mondo esterno sono state forti: la Russia è stata accusata di aver violato il diritto internazionale e molti accordi internazionali.

Ben presto, un’operazione simile ebbe luogo nella regione del Donbass, dominata dalla Russia, nell’Ucraina orientale. Attivisti armati filo-russi hanno occupato edifici governativi nelle città delle province di Donetsk, Luhansk e Kharkiv, forse in alcuni casi con il sostegno di soldati russi d’élite. Kharkiv riuscì a mantenere il controllo dell’Ucraina, ma i separatisti a Donetsk e Luhansk tennero dei “referendum” sull’indipendenza dall’Ucraina.

READ  I paesi del G7 vogliono sfidare la "Nuova Via della Seta" cinese con il suo gigantesco progetto

Parti delle due province oggi funzionano come repubbliche separatiste, con stretti legami con la Prussia. In prima linea ci sono regolari scontri tra le milizie locali appoggiate dalla Russia e l’esercito ucraino.

La Russia ha negato con veemenza il suo coinvolgimento a Donetsk e Luhansk e si considera pienamente avente diritto alla Crimea, citando il referendum. Tuttavia, l’Unione Europea e gli Stati Uniti si sono rifiutati di accettare la penisola come russa e di affrontare sanzioni economiche contro un gran numero di politici, militari e aziende russi e ucraini.

Più di 13.000 persone sono state uccise nel conflitto, tra cui migliaia di civili.