TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Kalix fisso stipendio e assistenza domiciliare nonostante l'attacco

Kalix fisso stipendio e assistenza domiciliare nonostante l’attacco

– Verso la fine della prossima settimana, possiamo intravedere la fine di questo. “Allora potremo ricominciare a lavorare a pieno regime”, ha detto il capo del personale municipale Kenneth Bjornfoot al TT.

Proprio la vigilia di Natale, l’attività di pulizia ha preso fuoco dopo il grande attacco informatico. La notte prima del 16 dicembre, il comune è stato attaccato da un attacco hacker a tutti i servizi comunitari.

lavoro duro

– Continuiamo il giorno di Natale e il secondo giorno per proteggere i PC, abbiamo lavorato sodo con server e reti. Vediamo che molti PC sono stati colpiti, dice Björnvot, se lo descrivi in ​​questo modo.

Ciò include l’aggiornamento dei sistemi operativi e l’installazione di nuovi antivirus e altri software di sicurezza. Ci vorrà ancora qualche giorno.

Troveremo sicuramente alcuni PC che non sono così potenti con i nuovi sistemi operativi, quindi dovremo sostituirli, afferma Björnvot, aggiungendo che il problema può essere ottenere rapidamente nuovi PC e portarli sul posto di lavoro.

pagare gli stipendi

Subito dopo l’attentato si temeva che i dipendenti comunali non sarebbero stati pagati prima di Natale, e ci sono stati problemi immediati con sistemi importanti, con la programmazione, ad esempio, per il servizio di assistenza domiciliare. Ma gli stipendi venivano pagati e nel servizio di assistenza domiciliare si rendeva necessario adottare misure di routine del passato.

Sono passati al lavoro con carta e penna, afferma Kenneth Bjornfoot.

– Il lavoro è andato molto velocemente al modo di lavorare e questo significa che noi in IT abbiamo il tempo di cui abbiamo bisogno, senza stress significa che bussi costantemente e chiedi se non hai finito presto.

READ  Settimana nera della Juventus

I server sono in esecuzione

L’importante per il comune era che i server di posta elettronica potessero essere riavviati qualche giorno prima.

È stato molto bello installare e funzionare i server di posta elettronica in primo luogo, per così dire, in modo da poter fornire le informazioni giuste per tutti, afferma Kenneth Björnfoot.

L’attacco informatico ha costretto il comune anche a creare un sito web temporaneo per ottenere informazioni per i cittadini e, inizialmente, per i dipendenti.

Il digitale doveva tornare ad essere manuale nelle operazioni comunali.

L’attacco è stato chiamato attacco ransomware, ovvero un virus di estorsione in cui gli hacker bloccano un sistema informatico con una richiesta di riscatto per riaprirlo.