TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Segna in stagione con un'enfasi sulle zecche della taiga

Segna in stagione con un'enfasi sulle zecche della taiga

Dopo un primo anno in cui sono state inviate al Reporter Fästing più di 22.000 foto, si è constatato che le segnalazioni arrivavano alla SVA anche durante i mesi invernali. La novità di quest’anno è un ulteriore investimento nella sorveglianza delle zecche della taiga.

Lo scopo di segnalare un tag è scoprire hashtag insoliti e ottenere informazioni sulla nostra raccolta di hashtag locale. Sebbene le zecche vadano in letargo a temperature gelide, l'Istituto veterinario norvegese (SVA) ha ricevuto 146 reportage fotografici nei mesi di dicembre, gennaio e febbraio.

-Siamo molto grati che così tante persone abbiano mostrato interesse e vogliano contribuire a segnalare le loro scoperte sulle zecche. Ci aspettavamo che le segnalazioni si interrompessero completamente durante l'inverno. I rapporti mostrano che non vi è dubbio che la nostra zecca comune possa essere attiva anche in inverno. Non sappiamo ancora perché, ma un'ipotesi è che le zecche possano essere trovate vicino a dove dormono gli animali selvatici. Il calore degli animali può risvegliare le zecche e, ad esempio, quando un cane cammina tra i rifiuti, la zecca può rimanere intrappolata nel pelo del cane, dice Anna Omazic, ricercatrice della SVA.

Più facile da segnalare

Lo strumento è stato migliorato e le immagini sostituite per renderlo più semplice per l'utente. Molte modifiche sono state apportate anche per velocizzare il lavoro dell’assessora. Ora è disponibile anche una pagina FAQ contenente le domande più frequenti dei corsisti. Un'altra novità di quest'anno è che nei casi in cui la SVA desidera portare zecche per l'analisi degli agenti infettivi trasmessi dalle zecche, la SVA coprirà le spese di spedizione.

READ  Le proteine ​​bloccate aumentano la speranza di rallentare la crescita del cancro

– Ciò su cui stiamo ancora lavorando intensamente è la preparazione del nostro modello di analisi delle immagini, che ci aiuterà a identificare più rapidamente i tipi di zecche trovate. “Speriamo di finire questo processo durante la stagione, ma il modello deve prima essere testato e valutato in modo che i giornalisti ricevano le informazioni giuste”, afferma Anna Omazic.

Cercasi zecche della taiga nel Norrland

Con l'aiuto del pubblico, vengono segnalati i risultati delle zecche. Le informazioni vengono utilizzate per poter studiare la diffusione della popolazione di zecche nel Paese e identificare le specie presenti. Tutti in Svezia sono invitati a continuare a segnalare zecche comuni e insolite. Quest'anno l'attenzione è rivolta alle zecche della taiga e coloro che vivono a Norrbotten, Västerbotten, Jämtland e Västernorrland possono presentare tutti i risultati delle zecche alla SVA per l'identificazione delle specie e l'analisi del virus TBE. La zecca della taiga è quasi identica alla nostra zecca comune e sono necessarie analisi molecolari per distinguere tra le due specie. Ogni rapporto è importante per monitorare il segnale della taiga e la diffusione della TBE in Svezia. In questo settore il rischio di infezione da virus TBE è ancora basso, ma vogliamo ottenere informazioni in una fase iniziale se le zecche di Norland potrebbero essere portatrici del virus TBE.

– Mille grazie a tutti coloro che hanno trovato un segno di spunta e hanno utilizzato il rapporto tick! Se vedi una zecca su te stesso, su un animale o nella natura, segnalalo! Rimaniamo particolarmente interessati alle zecche insolite o strane. Possiamo quindi identificare precocemente nuove specie e creare una base per il futuro monitoraggio di nuove malattie trasmesse dalle zecche. Anche quest'anno non vediamo l'ora di importare molte zecche dalla Svezia settentrionale per acquisire nuove conoscenze sulla distribuzione delle zecche della taiga nel paese, afferma Anna Omazic.

READ  I ricercatori sollecitano cautela quando prescrivono steroidi sessuali e nitrati contemporaneamente

Il cambiamento climatico è uno dei motivi delle frequenti epidemie e della diffusione di malattie infettive in Europa. Per affrontare questa sfida è necessaria una prospettiva olistica. Il progetto UE IDAlert si concentra chiaramente sul rapporto tra animali, esseri umani e ambiente, con l’obiettivo di raggiungere una preparazione più moderna ed efficace in Europa. La mappatura delle popolazioni di zecche è importante per monitorare le malattie trasmesse dalle zecche. In collaborazione con il progetto UE OH4Surveillance, quest'anno sarà possibile monitorare la diffusione delle zecche della taiga anche nel nord e analizzare la presenza del virus TBE nelle zecche della taiga introdotte.