TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Più raffreddori quest’autunno rispetto all’anno scorso

Durante il tardo autunno, i sintomi del raffreddore erano dilaganti e la proporzione di coloro che si stima fossero malati di cose come tosse e raffreddore è ora più che nello stesso periodo dell’anno scorso.

Il livello leggermente più alto che abbiamo ora potrebbe essere correlato al fatto che stiamo vivendo un po’ come al solito questo autunno, afferma l’epidemiologo Anasara Karnahan dell’Agenzia svedese per la sanità pubblica.

6,7 percento di sconto Si stima che la popolazione alla settimana 44, la più recente disponibile nelle statistiche, abbia sviluppato una malattia con sintomi indicativi di raffreddore. Nelle ultime quattro settimane (settimane 41-44), è variato dal 6 al 7% circa, rispetto a circa il 4,5-6 percento nelle stesse settimane dell’anno scorso. All’inizio di questo autunno, i livelli erano leggermente inferiori rispetto allo scorso anno.

– È interessante che abbiamo avuto anche un’ondata lo scorso autunno, quando eravamo nel bel mezzo di un’epidemia e avevamo molta azione. Dimostra che quando iniziano le scuole e il lavoro, ci si incontra di più. È anche molto più fresco e visto di più al chiuso, il che aiuta a diffondere l’infezione, dice Anasara Karnahan.

Anasara Karnahan è un epidemiologo presso l’Agenzia svedese per la sanità pubblica.

Foto: Lina Katharina Johansson

In Svezia non ci sono dati esatti sul raffreddore comune, ma l’Agenzia svedese per la sanità pubblica monitora i sintomi del raffreddore attraverso rapporti settimanali dei partecipanti al panel web – chiamati rapporto sulla salute. Questa fredda osservazione mostra la percentuale della popolazione svedese che si stima abbia sviluppato un’infezione respiratoria acuta, con sintomi di tosse, naso che cola, mal di gola o difficoltà respiratorie. Una piccola parte dei casi potrebbe essere COVID-19, ma Anasara Karnahan ritiene che la curva non rifletta la diffusione del COVID-19 ma piuttosto il comune raffreddore.

Il monitoraggio è iniziato l’anno scorso e quindi i numeri non possono essere confrontati con gli anni precedenti, tuttavia i predecessori del rapporto sulla salute hanno mostrato curve simili per quest’anno.

Stima della percentuale della popolazione svedese con infezione respiratoria acuta

Stima della percentuale della popolazione svedese con infezione respiratoria acuta

La quota stimata di rapporti nel rapporto sulla salute viene calcolata per il dashboard Web dell’agenzia di sanità pubblica. Attualmente partecipano al rapporto sulla salute circa 11.400 persone di età compresa tra 1 e 96 anni. Durante la pandemia, poco più dell’80% ha risposto ai sondaggi settimanali. Intervallo di confidenza al 95% per la stima di ogni settimana. L’infezione respiratoria acuta è definita come uno qualsiasi dei seguenti sintomi: naso che cola, mal di gola, difficoltà di respirazione o tosse. Grafica: DN Fonte: Agenzia svedese per la sanità pubblica.

un po’ più tardi I bambini si sono seduti ai banchi di scuola all’inizio di questo autunno e il numero di persone con sintomi come tosse e naso che cola è aumentato rapidamente, raggiungendo un picco di circa il 9,5% della popolazione all’inizio di settembre. Anche l’anno scorso, all’inizio di settembre, è stata osservata una cresta altrettanto alta. Molti raffreddori durante i mesi autunnali seguono schemi comuni.

– Quando abbiamo effettuato il monitoraggio dei sintomi nelle stagioni precedenti, circa cinque-dieci anni fa, abbiamo visto che c’erano più malattie in autunno e meno in primavera. Quindi la curva corrisponde alla conoscenza che abbiamo.

L’Agenzia svedese per la sanità pubblica sta anche esaminando le statistiche sui rinovirus – che possono causare raffreddori e altre infezioni respiratorie – dal laboratorio della Karolinska University. Anche lì si può osservare un picco durante l’autunno seguendo lo stesso percorso degli anni precedenti, ma superiore a quello dell’anno scorso. Inoltre, l’autorità analizza le chiamate al 1177 per compilare l’immagine.

– Lì possiamo anche vedere i sintomi di un raffreddore in una certa misura, ma il numero di chiamate può anche essere influenzato dalla preoccupazione per l’epidemia e dai cambiamenti nelle raccomandazioni.

Dati dell’Agenzia svedese delle assicurazioni sociali Mostra che le richieste di prestazioni parentali temporanee per l’assistenza all’infanzia (vab) negli ultimi due mesi sono state significativamente più elevate rispetto allo stesso periodo degli ultimi due anni. L’anno scorso, diverse domande di vab sono state presentate all’inizio dell’autunno, ma sono state successivamente respinte. Quest’anno l’alto livello è continuato, con alcune differenze. L’autorità sospetta che dietro la spazzatura ci sia la diffusione del virus RS.

Il numero di applicazioni vab.

Domande ricevute per un sussidio per l’assistenza all’infanzia parentale temporaneo (VAB).

Il numero di applicazioni vab.

Grafica: DN Fonte: Försäkringskassan

Perché oltre al comune raffreddore, il virus della RS si è diffuso presto, velocemente e spesso questo autunno, specialmente tra i bambini piccoli. Nelle ultime tre settimane, la diffusione dell’infezione è leggermente rallentata, ma i livelli sono ancora più alti di prima.

È ancora un grave focolaio di infezione, ma sta arrivando in Svezia, afferma l’epidemiologo Anasara Karnahan.

le ultime settimane Questa diminuzione può essere spiegata, tra l’altro, dal fatto che sono arrivate informazioni sul virus e che molti bambini si sono già ammalati, il che significa che meno persone sono esposte al virus. Il fatto che il virus si sia diffuso così tanto quest’anno è dovuto al fatto che non ha messo radici negli ultimi due inverni, secondo AnnaSara Carnahan.

All’inizio delle epidemie, molti di loro sono suscettibili all’infezione. Quest’anno c’è stato più del solito, e poi è salita velocemente e piuttosto duramente. Ora non ci sono più molti accettori, ma la curva non scende dritta a zero.

Pensa che la curva potrebbe scendere fino alle vacanze di Natale e Capodanno, ma poi sarà difficile valutare come si svilupperà l’infezione.

L’infezione di solito dura a lungo, ma non inizia nemmeno presto. Trovo difficile credere che sarà di nuovo così forte.

stagione del vomito invernale Non è ancora iniziato e la stagione influenzale non è ancora iniziata. Anasara Karnahan crede che la diffusione dell’influenza sarà simile a un normale inverno, ma dice che ci sono timori che sarà una “stagione difficile”. Più vecchio È il più colpito Della varietà attualmente più diffusa in Svezia e in Europa – A (H3N2).

Quello che stiamo facendo ora è aumentare l’importanza della vaccinazione. Ci sono molti che attualmente raccomandano una dose di ricarica di COVID-19 e il vaccino antinfluenzale e puoi prenderli allo stesso tempo. Speriamo che le cose vadano lisce e facilmente.

Dice anche che le misure contro il COVID-19 funzionano anche contro la RS, l’influenza e altre malattie.

– Pertanto è importante restare a casa al minimo sintomo, lavarsi le mani e stare lontano da sé. Non andare al lavoro e la scuola vale sempre se abbiamo il raffreddore.

Per saperne di più:

Presto più persone potranno prenotare la terza dose – programma pronto la prossima settimana

Tegnell si prepara a nuove restrizioni

READ  Studio: i funghi magici agiscono sulla depressione