TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Ricercatori: la maggior parte degli indumenti restituiti viene scartata

Ordinate tre taglie diverse e restituite le due che non vanno bene? Forse hai una cattiva coscienza su ciò che il trasporto fa al clima? È stato recentemente pubblicato dall’International Environmental Institute dell’Università di Lund Indagine qualitativa Ciò ha mostrato un’altra cosa deludente: la maggior parte dei vestiti e molti dispositivi elettronici che vengono restituiti non vengono mai curati in modo che possano essere offerti a nuovi clienti.

In alcuni casi vanno in beneficenza e di seconda mano. In molti casi finiscono direttamente in discarica.

– Si tratta principalmente di vestiti economici ed elettronica di cui potresti avere troppe scorte e dove hai molte entrate. Poiché i prodotti sono relativamente economici, mentre la manodopera per prendersi cura del prodotto e rimetterlo in vendita è costosa, ha più senso economico smaltire i prodotti, spiega Carl Dahlmar.

Stimato per distruggere i vestiti ed elettronica per 200 miliardi di corone svedesi in Europa. Forse per di più, secondo Carl Dahlmar che esorta coloro che hanno l’abitudine di tornare:

– Non aspettarti di riutilizzare il prodotto che rispedisci.

Carl Dalhammar, docente presso l’International Environmental Institute, insieme ai colleghi Hedda Roberts, Leonidas Milios e Oksana Mont, hanno analizzato le ricerche disponibili in questo settore e intervistato qualitativamente undici persone chiave del settore. Le persone sono anonime, ma le loro posizioni centrali sono note. E danno tutti la stessa immagine:

– Il nostro studio, intervistando persone anonime nella filiera dell’elettronica e dell’abbigliamento in Europa occidentale, conferma l’immagine molto disposta. Nella ricerca, abbiamo esaminato in parte quale fosse il problema e in parte se esistessero strumenti politici che potessero essere utilizzati per affrontarlo.

READ  Le famiglie stanno affrontando un inverno rigido.
Carlo Dalmar

Foto: stampa

I ricercatori di Lund credono Che i regolamenti sono necessari per affrontare il problema del ritorno.

– Anche la Commissione UE sta indagando sulla portata del problema per avere una base per la legislazione, afferma Karl Dahlmar e continua:

Ritiene che “i produttori potrebbero dover segnalare quanto buttano via e, a lungo termine, potrebbero esserci anche divieti di scartare i prodotti funzionanti”.

Molti vestiti poco costosi vengono buttati via, ma anche gli oggetti di lusso finiscono nella spazzatura.

“Le aziende di lusso preferiscono distruggere i prodotti perché non vogliono cannibalizzare il loro mercato”, spiega Karl Dahlmar.

Il sondaggio vale per tutti Europa occidentale, non solo Svezia. La Svezia di solito si distingue per avere un profilo relativamente alto quando si tratta di e-commerce. E quindi probabilmente abbiamo anche più ritorni, stima Karl Dahlmar.

– In Francia è vietato buttare i resi senza prima aver verificato se possono essere devoluti in beneficenza o altro. Ma non funziona bene. È chiaro che le aziende non distribuiscono prodotti di lusso ai mendicanti. Non interromperanno le loro vendite regalando prodotti. Un altro problema è che non puoi portare cinque camion carichi di prodotti nel tuo negozio dell’usato locale.

I ricercatori dell’Università di Lund vedono due diverse vie d’uscita dal problema delle entrate dell’e-commerce. Uno dei quali è la legislazione che dovrebbe costare al consumatore un ritorno. Quindi le persone saranno più attente al momento dell’ordine.

– Se ordini sempre due taglie perché sai che puoi tornare indietro, è facile. Ma se sai che devi pagare 40 SEK quando restituisci un pacco, potresti cambiare il tuo comportamento a lungo termine.

Il secondo è la legislazione sulla qualità dei prodotti in modo che i prodotti durino più a lungo e siano riparabili.

– Potremmo essere in grado di regolamentare i prodotti che sono più recuperabili e poi, si spera, tornare a un sistema in cui acquistiamo meno prodotti, ma di qualità superiore.