TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Qui fiorisce il sogno di costruire il prossimo miliardo di aziende

Qui fiorisce il sogno di costruire il prossimo miliardo di aziende

Il brutale edificio in cemento dove si trovava la scuola di architettura ora ospita un gruppo di giovani imprenditori con grandi ambizioni. Termini di lavoro anglosassoni come “crescita” e “pre-lancio” rimbalzano tra le pareti dell’edificio, che ora è parzialmente abitato dall’asilo della scuola. Gli imprenditori con legami con la scuola (almeno un fondatore deve essere andato o aver frequentato Handels) possono venire qui per avere la loro idea di business.

Dalla sua nascita, 20 anni fa, più di 230 aziende hanno partecipato a un programma di incubazione e il 65 percento di esse è ancora attivo o è stato acquisito.

Quando andavo a scuola, si parlava molto della scelta di una carriera bancaria o di consulenza. Ma ho già notato che l’imprenditorialità sta diventando sempre più popolare e vedo che da allora l’evoluzione è continuata, afferma Andreas Johansson, responsabile del programma incubatore.

Andreas Johansson, direttore del programma presso SSE Business Lab: “Può essere solitario essere un imprenditore, ma qui puoi ottenere supporto da altri che si trovano nella stessa situazione”.

Foto: Thomas Carlson

Una delle aziende che attualmente partecipano all’incubatore è Dibz, un servizio digitale che riunisce le code degli alloggi in un unico luogo.

Quando mi sono trasferito a Stoccolma, non c’era un modo ragionevole per trovare e iscrivermi alle liste di attesa degli alloggi. Per molto tempo mi sono spostato in posti diversi e ho vissuto in modo molto costoso. Così, ho iniziato con l’idea imprenditoriale e sono stata motivata a partecipare allo sviluppo di questo servizio, afferma Lovisa Kvarner, CEO e co-fondatrice.

L’idea è nata Quando alcuni studenti di Business e KTH si sono seduti e hanno sostenuto gli esami l’anno scorso. Richard Vallard, uno dei fondatori, è abituato a scrivere sul cellulare tutte le nuove idee di business che gli vengono in mente. Ecco gli alti e i bassi. Dal succo di mela con Resorb a quello che è diventato Dibz.

Di solito cerca di vendere tutte le idee che gli vengono in mente e probabilmente fino ad ora ha tirato fuori un centinaio di idee, e di solito finiamo per farci dei buchi. Ma non abbiamo trovato nulla di sbagliato in questa idea. Quindi ci siamo semplicemente alzati sulla scacchiera e abbiamo iniziato a disegnare. Da allora, abbiamo praticamente lavorato a tempo pieno con questo, dice Lovisa Qvarner.

Brainstorming Richard Valliard (in primo piano) ha registrato l'idea imprenditoriale dietro Dibz sul suo cellulare.

Brainstorming Richard Valliard (in primo piano) ha registrato l’idea imprenditoriale dietro Dibz sul suo cellulare.

Foto: Thomas Carlson

Dibz ha lanciato il suo servizio quest’estate e ha già acquisito più di 2.000 clienti paganti. Il prossimo passo è raccogliere capitali – circa cinque milioni secondo i fondatori dell’azienda – per crescere più velocemente.

– La visione è che non offriremo solo code per gli alloggi, ma tutti i tipi di code complesse e code esistenti. Si va dalle code della scuola e dell’asilo ai parcheggi e alle case di cura.

Un’altra azienda coinvolta nell’incubatore è Team Together. Hanno creato un servizio in cui le persone donano denaro a enti di beneficenza quando fanno acquisti online, senza pagare di più. Invece, il commerciante è responsabile della fattura.

Eravamo in un negozio chiedendo se volevamo arrotondare l’acquisto e donare in beneficenza. Mi ha fatto pensare ‘Se gli interessa davvero, perché mi chiedono di pagare di più?’. È così che è nata l’idea di base stessa, ma da allora abbiamo lavorato per tre anni per trovare il modello e la struttura di business giusti, afferma Nils Berg, CEO e co-fondatore.

foto 1 da 2
Nils Berg, co-fondatore e CEO di Team Together: “Il motivo per cui ho scelto di gestire il mio paese è perché amo la responsabilità. Nessuno dice che qualcosa è buono se non lo è”.

Foto: Thomas Carlson

foto 2 da 2
Sebastian Thunman, Nils Berg ed Emma Roslund di Team Together ipotizzano il prossimo passo per il servizio di e-commerce.

Foto: Thomas Carlson


L’azienda opera nel segmento di tendenza del “consumo guidato dall’impatto”, che consiste nel cambiare in meglio gli attuali modelli di consumo. Nils Berg spiega che la sua principale forza trainante è fare una differenza positiva.

Sono molto prezioso e voglio essere qualcuno che osa. Sento che le cose possono cambiare. Gestire la mia azienda è una piattaforma in cui posso mettere in pratica queste qualità e divertirmi molto con una squadra, dice.

Entrambe le società sperano che le loro idee imprenditoriali prendano piede e si espandano ben oltre i confini svedesi. Per Lovisa Qvarner, c’è anche un obiettivo personale nella foto.

C’è solo una femmina Fondatore e CEO che è rimasto dopo che la società è stata quotata in borsa (Pernilla Nyrensten, ndr di Revolution Race). È un viaggio che voglio fare anch’io. Ma spero di non essere la prossima donna a farlo, ma che più persone avranno tempo prima di me, dice.

Leggi di più: Le loro asce sono vendute in tutto il mondo

READ  I paesi dell'Unione Europea danno il via libera al vaccino Janssen