TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Quasi un milione di persone lasciano la Russia dopo l'inizio della guerra: la star della pallavolo Lori Kerminen descrive il prezzo della rottura di un contratto come uno shock.

Quasi un milione di persone lasciano la Russia dopo l’inizio della guerra: la star della pallavolo Lori Kerminen descrive il prezzo della rottura di un contratto come uno shock.

Lori Kerminin è stato più o meno costretto a rimanere per tutta la primavera alla Dinamo Mosca, ha dichiarato in un’intervista a STT. Le richieste dei vertici del club sono state uno shock.

La guerra di invasione russa in Ucraina ha immediatamente suscitato polemiche sugli atleti stranieri nei club russi. Per la parte finlandese, l’obiettivo principale era sui giocatori di hockey sul ghiaccio: molti di loro hanno corso dritto e alcuni hanno giocato nei playoff del KHL.

Il difensore della Coppa del Mondo Mikko Lehtunen ha riportato alla fine del mese scorso somme stimate in due milioni di euro per interrompere la stagione allo SKA di San Pietroburgo.

Ora, la più grande stella della pallavolo finlandese Lori Kerminen sta chiaramente dando un’immagine simile. In un’intervista con STT, Kermenin ha detto che il suo club, la Dynamo Mosca, aveva messo un prezzo alto per rimanere dopo l’inizio della guerra.

– Volevo rompere il contratto e tornare in Finlandia. Ho chiamato il mio capo per la prima volta. Poi ho parlato con il presidente del club e il direttore generale e ho chiesto la risoluzione dell’accordo. Hanno dato il via libera e così sono venuto in sala il giorno dopo per firmare il contratto e strapparlo.

Poi ci fu ancora un altro suono nella corteccia. Dal posto più alto del club c’era l’ordine di non consentire a Kerminen di interrompere la cooperazione.

– Poi ho scoperto che dovevo pagare. L’importo non era lontano da un milione di euro. Ovviamente, questa richiesta è stata uno shock. L’importo era così grande che ho dovuto rimanere in Russia per motivi finanziari.

READ  La Russia non è una potenza economica

Kerminen crede che la FIVB avrebbe potuto aiutare i giocatori. Nel calcio, ad esempio, i giocatori hanno dovuto lasciare i club russi con l’aiuto della FIFA.

Pubblica una foto critica

La stagione si è conclusa con applausi d’oro per la Dinamo di Mosca. Dopo la finale, Kerminen ha postato su Instagram una foto con il trofeo, un post che ha ricevuto così tante critiche che ha chiuso il campo dei commenti.

– Non potevo postare quella foto. Ero solo felice del successo sportivo.

Alcune delle critiche a Kermenen sono finite anche con i suoi cari. Incredibile, pensa il 29enne.

D’altra parte, acquista in una certa misura i messaggi che riceve.

Alcuni l’hanno presa duramente. Ad esempio, si diceva che fossi favorevole alla guerra e alcuni mi chiesero di essere imprigionato.

“Parlavo di guerra ogni giorno”

Ha detto a STT che gli ultimi mesi sono stati i più pesanti della sua vita.

Mentalmente speciale. Pensavo tutto il tempo.

Kerminin condanna l’invasione russa e dice che la guerra è stata discussa negli spogliatoi della Dinamo Mosca. La squadra comprendeva un allenatore bulgaro e italiano e giocatori russi nati in Ucraina.

– Abbiamo parlato di guerra ogni giorno e allo stesso tempo abbiamo cercato di concentrarci sullo sport. Sentivo che anche i giocatori russi non erano per la guerra.

Kreminin non è presente all’attuale incontro della nazionale, ma ha dichiarato che tornerà quest’estate. Non è chiaro dove giocherà il miglior giocatore libero in Finlandia la prossima stagione.

– Stiamo cercando una soluzione.