TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Progressi nella rilevazione dei primi segni della malattia di Alzheimer

Progressi nella rilevazione dei primi segni della malattia di Alzheimer

immagine:

Titolo:

Da sinistra: Amit Kumar, specialista della ricerca; Miriam Scarpa, Postdoctoral Fellow e Agneta Nordberg, Professore presso il Dipartimento di Geriatria Clinica, NVS. Foto: Privat, Igor Fontana e Lennart Otberg.

Le proteine ​​aiutano le cellule cerebrali a comunicare

I ricercatori hanno esaminato una proteina specifica chiamata SV2A, coinvolta nel modo in cui le cellule cerebrali comunicano. Nella malattia di Alzheimer, la perdita di comunicazione e di cellule cerebrali rappresenta una parte importante del problema.

UCB-J è come uno strumento di rilevamento in grado di tracciare l'SV2A e mostrare se c'è un problema. Nello studio, l'hanno testato sul cervello di persone affette da malattia di Alzheimer e li hanno confrontati con cervelli normali. I risultati sono stati promettenti, poiché l'UCB-J è stata in grado di rilevare problemi nel cervello dei pazienti affetti da Alzheimer.

Tuttavia, lo studio ha anche scoperto che l'UCB-J potrebbe dover affrontare alcuni problemi derivanti dall'interazione con altre proteine ​​nel cervello dei pazienti affetti da Alzheimer. Ciò significa che i ricercatori devono prestare attenzione quando utilizzano questo strumento negli studi futuri.

Diverse tecniche per studiare la mente

I ricercatori hanno utilizzato tecniche specializzate per studiare il cervello, come l’imaging cerebrale post mortem e test per rilevare proteine ​​specifiche. Il tessuto cerebrale studiato è raro e non facile da ottenere, il che rende questa ricerca ancora più importante.

In termini semplici, questo studio ci aiuta a comprendere meglio i cambiamenti cerebrali associati alla malattia di Alzheimer (perdita sinaptica) e come possiamo rilevarli precocemente. È come trovare un nuovo strumento che potrebbe essere utile in futuro per aiutare le persone con problemi di memoria. I ricercatori sono entusiasti di questi risultati e credono che potrebbero rappresentare un passo avanti verso modi migliori per gestire la malattia di Alzheimer.

READ  I ricercatori trovano tratti comuni nei centenari

Editoria

Monitoraggio della perdita di sinapsi nel cervello del morbo di Alzheimer utilizzando il tracciante SV2A PET UCB-JAmit Kumar, Miriam Scarpa, Anita Nordberg. Malattia di Alzheimer e demenza, online il 16 febbraio 2024. DOI: 10.1002/alz.13720.

Per ulteriori informazioni contattare:

Amit Kumarspecialista in ricerca,
Dipartimento di Geriatria Clinica, Dipartimento di Neuroscienze, Scienze sanitarie e sociali, Karolinska Institutet
E-mail: [email protected]

Miriam Scarpaborsista postdottorato,
Dipartimento di Geriatria Clinica, Dipartimento di Neuroscienze, Scienze sanitarie e sociali, Karolinska Institutet
E-mail: [email protected]

Agneta NordbergSig,
Dipartimento di Geriatria Clinica, Dipartimento di Neuroscienze, Scienze sanitarie e sociali, Karolinska Institutet
Telefono: +46 8-524 827 52
E-mail: [email protected]