TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il rischio di malattie cardiovascolari può essere ridotto mangiando più pesce grasso

Il rischio di malattie cardiovascolari può essere ridotto mangiando più pesce grasso

immagine:

Titolo:

Karen Linder Foto: Anders Eriksson

Ora arriva un ampio studio internazionale che dimostra che è probabile che sia particolarmente importante per le persone con malattie cardiovascolari nella loro storia familiare. Le malattie cardiovascolari esaminate dai ricercatori erano malattie coronariche fatali e non fatali come angina instabile, infarto e arresto cardiaco, nonché infarto cerebrale (ictus).

La malattia cardiovascolare è in una certa misura ereditaria e studi sui gemelli lo hanno dimostrato, ma è stato difficile trovare i geni che la controllano. L’ipotesi forte, dice, è che si tratti di una combinazione di genetica e ambiente Karen Linderdocente e docente di epidemiologia in Istituto di Medicina AmbientaleUnità di Epidemiologia e Nutrizione Cardiovascolare, Karolinska Institutet e Responsabile della ricerca dello studio.

Pertanto, lei e i suoi colleghi ricercatori hanno studiato l’effetto dell’interazione tra la storia familiare e l’assunzione alimentare. In questo studio, hanno raccolto dati per più di 40.000 persone che non soffrono di malattie cardiovascolari. Durante il periodo di follow-up, circa 8.000 di loro erano affetti da qualche forma di malattia cardiovascolare. Nella loro analisi, i ricercatori hanno potuto dimostrare che coloro che avevano una malattia cardiovascolare in un parente stretto come un genitore o un fratello, e avevano anche bassi livelli di acidi grassi omega-3 EPA/DHA, avevano un rischio maggiore di malattia cardiovascolare di più superiore al 40%. Malattia cardiovascolare. L’aumento del rischio per coloro che avevano “solo” malattie cardiovascolari in parenti stretti era del 25%.

– Lo studio indica che le persone con malattie cardiovascolari in famiglia hanno molto da trarre beneficio dal consumo di più pesce grasso rispetto ad altri, dice Karen Linder.

READ  Regione Västernorrland - Aumento dell'afflusso di pazienti Covid all'ospedale di Sundsvall

Acidi grassi saturi nel corpo

I livelli di EPA/DHA sono stati misurati in tutti i partecipanti allo studio. Poiché questi acidi grassi non possono essere prodotti nel corpo, secondo Karen Linder i loro livelli rappresentano una misura affidabile dell’assunzione alimentare di pesce grasso.

Il fatto che le misurazioni degli acidi grassi nel sangue e nei tessuti siano oggettive, a differenza dei dati auto-riferiti sulle abitudini alimentari, è un vantaggio importante, afferma.

Sebbene si tratti di uno studio osservazionale in un settore in cui esistono già numerosi studi clinici randomizzati, questi risultati significano conoscenze completamente nuove, secondo Karen Linder.

Dice: – Siamo i primi a studiare l’effetto della combinazione della storia familiare e del consumo di pesce grasso utilizzando le misurazioni degli acidi grassi.

Lo studio è stato condotto all’interno della rete di ricerca FORCE (Federation for Fatty Acids Research and Outcomes), che comprende più di 100 ricercatori ed esperti in tutto il mondo. Lo studio include dati provenienti da 15 studi condotti in dieci paesi diversi.

I ricercatori affermano che non esiste alcun conflitto di interessi. La ricerca è stata finanziata dal Consiglio svedese delle ricerche e dalla Fondazione Heart and Lung.

Editoria

“Il ruolo dei grassi polinsaturi nel modificare il rischio cardiovascolare associato ad una storia familiare di malattie cardiovascolari. Sintesi di nuovi risultati da 15 studi osservazionali.” F. Laguzzi, A. Åkesson, M. Marklund, F. Qian, B. Gigante, T. M. Bartz, J. K. Bassett, A. Birukov, H. Campos, Y. Hirakawa, F. Imamura, S. Jäger, M. Lankinen, R. A. Murphy, M. Senn, T. Tanaka, N. Tintle, J. K. Virtanen, K. Yamagishi MD, M. Allison, I. A. Brouwer, U. De Faire, G. Eiriksdottir, L. Ferrucci, N. G. Forouhi, J. M. Geleijnse, A. M. Hodge, H. Kimura, M. Laakso, Yu. Reseros, A.C. van Westing, S. Bandinelli, A. Baylin, J.G. Giles, V. Gudnason, H. Esso, R. N. Lemaître, T. Ninomiya, W. S. Post, P. M. Basati, J. T. Salonen, M. B. Schulze, M. Y. Tsai, M. Uusitupa, N. J. Wareham, S. W. Oh, A. C. Wood, W. S. Harris, D. Siscovick, D. Mozaffarian, K. Leander, Circulation, trans. Internet 4 dicembre 2023, doi: 10.1161/CIRCOLAZIONEAHA. 123.065530

READ  Il miglior medico sulla tripla infezione: "Davvero grave"