TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Ora Alexa può parlare come un morto. L’assistente intelligente di Amazon ottiene nuove funzionalità.

Questa settimana, Amazon ospiterà una conferenza intitolata: MARZO (Machine Learning, Automation, Robotics, and Space) a Las Vegas dove presenterà alcune novità sui prodotti e servizi imminenti dell’azienda. Tra le novità presentate c’era una nuova funzionalità dell’assistente intelligente Alexa di Amazon che consente a questa persona di parlare con la stessa voce della persona deceduta.

Affinché tutto funzioni, l’utente deve prima fornire ad Alexa una registrazione audio della voce della persona morta. Amazon quindi corregge i suoi algoritmi di intelligenza artificiale per una voce artificiale che Alexa può usare per parlare mentre la persona morta scrive a TechCrunch. Nell’esempio immaginario mostrato in re:MARCH, il ragazzo potrebbe farsi leggere una storia della buonanotte da Alexa. L’assistente intelligente ha quindi utilizzato una voce artificiale creata da una registrazione della voce della nonna defunta del ragazzo. Durante la presentazione, un portavoce di Amazon ha dichiarato:

“Ciò richiedeva invenzioni in cui dovevamo imparare a produrre un suono di alta qualità con meno di un minuto di registrazione rispetto a ore di registrazione in studio. Il modo in cui l’abbiamo raggiunto è inquadrare il problema come un compito di tradurre un suono piuttosto che un compito di un percorso di generazione del linguaggio. Viviamo senza dubbio nell’età d’oro dell’intelligenza artificiale, dove i nostri sogni e la fantascienza sono diventati realtà. “

Se o quando Amazon prevede di rilasciare la funzionalità con voci artificiali dai morti, la società non dice ancora nulla.

READ  Squadrons 'è tra i giochi del mese su PS Plus | MovieZine