TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Nuovo requisito: il costruttore di case deve segnalare le emissioni

Nuovo requisito: il costruttore di case deve segnalare le emissioni

Cambiamento climatico


Il modo in cui viviamo influisce sul clima: in che misura è determinato, tra le altre cose, da come è costruita una casa, dalle sue dimensioni, dal riscaldamento e dal consumo di elettricità. Galleria fotografica. Foto: Jonas Ekströmer / TT

Clima (TT)

La necessità di nuovi metri quadrati è significativa, ma la costruzione può essere la causa del clima.

Essendo uno dei primi paesi al mondo, la Svezia introduce requisiti per le società di costruzioni per calcolare e segnalare come il clima influenzerà una nuova casa.

Viene costruito come mai prima d’ora in Svezia. Per soddisfare le crescenti esigenze, sono necessarie 59.000 nuove case ogni anno fino al 2029, secondo il National Council on Housing, Building and Planning, che afferma che è difficile conciliare il rapido ritmo di costruzione con l’obiettivo climatico della Svezia di zero emissioni nette entro il 2045 .

Il settore edile e immobiliare divora un quinto della torta delle emissioni svedesi. Gran parte delle emissioni del settore sono legate alla fase di costruzione. Ma questo potrebbe cambiare: alla fine dell’anno, è entrata in vigore una nuova legge che richiede agli sviluppatori di calcolare e segnalare l’impatto climatico di un nuovo edificio.

Ridurre l’impatto del clima

È la fase di costruzione che deve essere inclusa nella dichiarazione climatica, che tiene conto, tra l’altro, delle emissioni di gas serra derivanti dalla scelta dei mezzi di trasporto e delle attrezzature.

Lo scopo è ridurre l’impatto climatico degli edifici in costruzione, afferma Kristina Einarsson, project manager responsabile della pubblicità climatica presso il National Council on Housing, Building and Planning.

Se l’industria delle costruzioni vuole ridurre le proprie emissioni, bisogna cominciare scoprendo oggi le loro dimensioni. Se vogliamo scendere a zero netto 2045, è necessaria un’inversione di tendenza nel settore delle costruzioni, che probabilmente richiederà ulteriori misure oltre a una dichiarazione sul clima.

Ma non tutti i nuovi edifici sono interessati dalle nuove regole. Se il cliente è un privato che ha costruito o costruito un edificio, ad esempio, non è richiesta una dichiarazione climatica. Nemmeno se l’area edificabile è inferiore ai cento metri quadrati.

– Molti edifici sono coperti dal requisito della Dichiarazione sul clima, ma non tutti. Einarsson dice che le regole significano un cambiamento abbastanza significativo nel settore delle costruzioni, quindi c’è motivo di fare una presentazione ragionevole di queste regole completamente nuove.

Non c’è limite superiore

Affinché il settore delle costruzioni possa effettivamente eliminare le emissioni – e non solo descrivere la forma delle sue attività in termini di emissioni – molti organi consultivi hanno indicato che è necessario un valore soglia per l’entità dell’impatto climatico che un edificio può avere e le sue conseguenze per coloro che lo aggirano. Non è stato applicato fin dall’inizio, ma il Consiglio nazionale per l’edilizia abitativa, l’edilizia e la pianificazione ha presentato una proposta per introdurre tali regole nel 2027.

– Esiste un forte supporto per l’immissione di valori limite. Apparentemente alcuni sono critici nei confronti della proposta del National Housing, Building and Planning Council e vogliono introdurre valori limite ora. Einarsson afferma che l’industria dovrebbe avere la possibilità di prepararsi.

L’industria e l’organizzazione dei datori di lavoro Byggföretagen ritiene che la nuova legge sia uno strumento importante per ridurre il significativo impatto climatico della fase di costruzione.

L’industria delle costruzioni ha un impatto negativo significativo sul clima e quindi è importante che ci assumiamo la responsabilità. Ciò potrebbe migliorare e aumentare il ritmo del lavoro ambientale del settore, afferma Anna Lundback, coordinatrice nazionale della sostenibilità di Byggföretagen.

“più avanti”

Nelle loro consultazioni, i costruttori hanno suggerito di introdurre una dichiarazione sul clima in relazione al proprietario dell’immobile che richiede un permesso di costruzione piuttosto che al momento della costruzione dell’edificio, al fine di creare incentivi per la costruzione intelligente dal punto di vista climatico. L’organizzazione è anche preoccupata per l’introduzione di valori soglia entro il 2027 per ridurre l’impronta climatica delle nuove costruzioni.

È molto lontano, ma offrire annunci sul clima è un buon inizio. È importante migliorare i nostri risultati climatici ora, afferma Lone Lundback.

Inoltre, ci sono ulteriori aspetti del ciclo di vita dell’edificio che devono essere inclusi nella dichiarazione climatica, come gli infissi. L’edilizia sostenibile è un approccio olistico.

Le imprese edili si riuniscono tra i loro membri per capire che la sostenibilità e il clima sono importanti questioni esterne. Ma costruire un clima intelligente sarà anche un vantaggio competitivo in futuro, secondo Lönn Lundbäck.

– Sono convinto che questo sia legato alla capacità di gestire un’impresa sostenibile nel lungo termine. Dice che riguarda il vantaggio degli affari e l’essere una buona forza nella società.

Guiderai il cambiamento nel settore.

Sophia Erickson / TT

Emissioni in milioni di tonnellate di anidride carbonica equivalente nel 2019. Foto: Johan Hallnäs / TT

fatto

Nel 2019, il settore edile e immobiliare ha causato emissioni domestiche di gas serra per circa 11,7 milioni di tonnellate di anidride carbonica equivalente. Ciò equivale al 21% delle emissioni totali di gas serra della Svezia.

Il settore contribuisce anche a emissioni significative all’estero attraverso merci importate. Queste emissioni sono state di circa 7,7 milioni di tonnellate di anidride carbonica equivalente.

Nel 2019, le emissioni totali di gas serra del settore edile e immobiliare sono state di 19,3 milioni di tonnellate di anidride carbonica equivalente, se si includono le emissioni dei prodotti importati, un valore superiore rispetto all’anno precedente.

Delle emissioni totali (domestiche e di importazione) del settore, le costruzioni rappresentano poco meno del 50 percento nel 2019 e il riscaldamento il 25 percento.

Fonte: Consiglio nazionale per l’edilizia abitativa, l’edilizia e la pianificazione

fatto

A partire dal 1 gennaio 2022, il requisito della Dichiarazione sul clima si applica alla costruzione di nuovi edifici. I costruttori devono quindi segnalare l’impatto sul clima del nuovo edificio.

La normativa non contiene valori limite o requisiti per l’impatto climatico massimo ammissibile, ma calcolando l’impatto climatico, la conoscenza del cliente aumenta, il che a sua volta renderà più facile adottare misure nel processo di costruzione che riducano l’impatto climatico .

Il cliente è responsabile della dichiarazione climatica che viene presentata e presentata al Consiglio nazionale per l’edilizia abitativa, l’edilizia e la pianificazione. La dichiarazione climatica deve essere registrata presso il Consiglio nazionale per l’edilizia abitativa, l’edilizia e la pianificazione in modo che il comune possa prendere una decisione definitiva. Il substrato deve essere conservato per cinque anni.

La clausola della Dichiarazione sul clima si applica solo quando si costruisce un nuovo edificio che richiede un permesso di costruire e quindi non si applica a modifiche o ampliamenti.

Fonte: Consiglio nazionale per l’edilizia abitativa, l’edilizia e la pianificazione

READ  Sta ricercando l'imprenditorialità sostenibile nei boschi - Norra Halland