TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Nonostante la guerra in Ucraina, qui viene eretta una statua dello zar russo

La piazza della cittadina di Sremski Karlovci è piena di gente, sia gente del posto che turisti provenienti da tutta la Serbia. Sulla strada per la città, puoi fermarti alla Chiesa di Putin. È stato costruito poco più di un anno fa e l’ingresso è coronato da archi per Russia e Serbia, uno accanto all’altro.

Siamo venuti qui perché il 29 giugno di quest’anno è stata eretta una statua in onore dello zar russo Pietro il Grande.

A differenza di molti altri paesi dell’Europa orientale, come la Polonia e la Repubblica Ceca, dove negli ultimi anni sono state demolite statue e monumenti che ricordano la Russia, la Serbia ha invece optato per erigerne di nuovi. È espressivo del Paese che, in un certo senso, ha un piede in Europa e l’altro in Russia.

Mi rallegro per la Russia, penso che abbiano ragione e l’Europa sta commettendo un terribile errore, dice Sasa Blagojevich, seduta in piazza con le sue figlie adolescenti.

La questione di come affrontare la questione della Russia, delle sanzioni dell’UE e della guerra è delicata. Molte delle domande che poniamo dicono che fanno il tifo per la Russia, ma non vogliono parlarne pubblicamente davanti alla telecamera.

– La Russia sta facendo la cosa giusta, tu in Occidente ti occupi solo di propaganda, urla contro l’uomo e volta le spalle quando chiediamo un’intervista.

amici storici

La Serbia è uno dei sette paesi candidati all’adesione all’Unione europea. La domanda era già stata presentata nel 2009, ma i negoziati sono in stallo. La lunga operazione, e il bombardamento NATO dell’ex Jugoslavia nel 1999, ha lasciato l’amaro in bocca a molti residenti serbi, che preferirebbero vedere un riavvicinamento con la Russia.

READ  La confusione che crea il maggior pericolo in un'epidemia

– Abbiamo un romanzo storico che parla di Russia e Serbia come due paesi fratelli. Questa è una cosa inventata al Cremlino. Ma Alexandra Godfreud, corrispondente estero in Russia sul canale televisivo serbo N1, afferma che questo è profondamente radicato nella popolazione serba.

Dice che i media serbi seguono in gran parte la versione russa di ciò che sta accadendo nella guerra in Ucraina, e questo ha portato molti a schierarsi dalla parte della Russia. Anche per quanto riguarda le sanzioni, la Serbia ha scelto di stare fuori dalla linea della comunità internazionale, non affrontando alcuna sanzione.

Non si tratta nemmeno di imporre sanzioni, ma del rifiuto del nostro governo anche solo di dire che ciò che la Russia sta facendo è sbagliato, afferma Alexandra Godfreud.