TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Non bastano gli applausi, serve lo sciopero

Non bastano gli applausi, serve lo sciopero

Lunedì l'Unione comunale ha annunciato uno sciopero e un blocco contro circa 750 posti di lavoro in 132 comuni e regioni. Compresi gli ospedali St. Goran, Danderd e Södertälje.

Saranno licenziati circa 5.000 dipendenti Nella prima ondata di azioni sindacali. Oltre allo sciopero, vi è il blocco contro gli straordinari, gli straordinari e le nuove assunzioni. Se le due parti non raggiungono un accordo prima del 18 aprile, infermieri, cuochi, personale di cucina e di ristorazione, bidelli, addetti alle pulizie, tecnici della sterilizzazione e trasportatori, tra gli altri, scioperanno il 18 aprile.

All'organizzazione dei datori di lavoro delle società municipali SKR e Sobona il coperchio della cassetta delle lettere ha avuto appena il tempo di riaprirsi prima che arrivasse il successivo avviso. Giovedì scorso, l’Associazione sanitaria ha annunciato un assedio simile in tutte le regioni, a partire dal 25 aprile. Sono coperti 63.000 iscritti che lavorano come infermieri, ostetriche, analisti biomedici e infermieri di radiologia.

Non hanno dichiarato azioni sindacali In pratica significa disastro. Proprio come dovrebbe essere. Dovrebbe essere evidente quando colpisce: questo è il punto. I bambini in età scolare dovrebbero essere privati ​​del cibo scolastico e i luoghi di lavoro e gli abiti da lavoro degli addetti ai lavori dovrebbero smettere di essere puliti e lavati.

Può essere necessaria attenzione, ma “solo” durante il normale orario di lavoro, perché non bisogna sottovalutare l’arma potente che sono le moratorie sugli straordinari e sugli straordinari nel settore pubblico.

Si tratta di gruppi professionali che, anno dopo anno, durante un picco disumano legato alla pandemia, lottano e lavorano duramente per far funzionare l’intero apparato vitale dell’assistenza sociale.

READ  Approfitta del talento - indipendentemente dal background - SN

Il lavoro viene svolto su larga scala Lavoro part-time e straordinari, tutto allo stesso tempo. Lavoro part-time perché, a causa della mancanza di ambiente lavorativo e delle condizioni faticose, molti non possono più permetterselo, e straordinario perché pochissimi devono fare tutto e anche di più. È un cocktail destinato al fallimento. Bisogna fare qualcosa e molte cose devono cambiare in meglio. Lo sciopero deve e deve essere sentito da tutti. Altrimenti nessuno ascolterà.

“È deplorevole che Kommunal abbia scelto di annunciare uno sciopero sindacale e che la vita quotidiana dell'assistenza sociale rischi ora di essere influenzata negativamente”, ha dichiarato SKR attraverso il suo responsabile dei negoziati dopo la prima notifica.

Altrettanto spiacevole è che si dice che questo sia stato il momento in cui Vårdförbundet consegnò il messaggio successivo. Secondo SKR, sono pronti a “trovare soluzioni costruttive al tavolo delle trattative”. Non è chiaro se siano più preparati ora di quanto lo fossero prima che tutto crollasse, ma ciò che è stato realizzato finora nei negoziati difficilmente produce alcun feedback costruttivo.

Sembra che la linea sia arrivata finora Vale a dire, che le trattative salariali non dovrebbero essere documentate, che gli aumenti salariali non dovrebbero essere pagati a titolo definitivo se vengono raggiunti nuovi accordi, e che l’adesione della Svezia alla NATO e le indagini in corso sui posti di lavoro di riserva nella società richiedono norme sull’orario di lavoro più flessibili per favorire i datori di lavoro.

Le regole sull’orario di lavoro, che se il datore di lavoro ottiene ciò che vuole, possono cambiare, significano che i dipendenti con “una certa formazione” possono lavorare diversi giorni di seguito. Questo vale anche per chi deve coprire i costi di formazione dei propri colleghi.

READ  I colli di bottiglia rallentano l'economia industriale | GP

Durante la pandemia è stato accolto favorevolmente Dei balconi per questi gruppi professionali. I politici hanno elogiato gli eroi del welfare sociale. Allo stesso tempo si stanno facendo tagli: l’attuale governo ne ha fatto uno showground per chiudere il portafoglio del welfare e del personale assistenziale. Con un deficit di 30 miliardi di corone svedesi, i comuni e le regioni stanno ora negoziando. Una situazione inconcepibile per tutti i soggetti coinvolti.

Ma una cosa è certa: gli applausi non funzionano. Ma i datori di lavoro e chi detiene il potere non sembrano capirlo.