TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L'acquisto di droga online sponsorizza le bande

Secondo la polizia, chiunque acquisti droga tramite Flugsvamp e siti online simili partecipa ad una grave criminalità organizzata. La maggior parte dei venditori sono controllati da reti criminali come Foxtrot.

– È importante che gli acquirenti siano consapevoli di ciò che stanno trattando con condiscendenza, afferma l'ufficiale di polizia giudiziaria Björn Eriksson.

A prima vista, può sembrare che lo spaccio di droga online riguardi qualcosa di diverso da ciò che accade per strada. Gli account venditore hanno nomi come “Jönssonligan”. Il fascino degli annunci è spesso allegro e liberatorio, tipico del mondo delle gang.

Ma la maggior parte dei venditori del cosiddetto “blocco della droga” sono controllati direttamente dalla rete Foxtrot e da altre organizzazioni criminali, conferma Björn Eriksson, capo della complessa divisione criminalità informatica della National Operations Administration (Noa).

– I venditori spesso affermano di prendere le distanze dalla violenza e dalle sparatorie, ma allo stesso tempo vendono, ad esempio, anfetamine con uno slogan criminale come questo. Quando gli acquirenti fanno acquisti in questi mercati, frequentano direttamente le reti responsabili di sparatorie e attentati.

Molti vendono

Allo stesso tempo, gli acquirenti online sono diversi dalle loro controparti off-street. Il livello di istruzione è leggermente più elevato: il tipico acquirente online si trova spesso nelle città universitarie o nelle aree rurali.

– Molte persone acquistano farmaci online e poi li rivendono. Ce n'è un'ampia diffusione in tutto il paese, anche nelle piccole città, ed è quasi impossibile verificare l'età di un acquirente, afferma Björn Eriksson.

READ  First Republic Bank è vicina alla vendita - molti interessati

“Il rischio di essere scoperti è alto”

La settimana scorsa, tre uomini sono stati condannati a lunghe pene detentive per aver gestito il sito web Flugsvamp 3.0. Björn Eriksson vede la sentenza come una vittoria.

– Stiamo lavorando per dimostrare che il dark web non è una zona franca e che noi della polizia svedese abbiamo la competenza e la resistenza necessarie per condurre casi così complessi fino a quando non verrà raggiunta una condanna, dice.

Il traffico è continuato attraverso il sequel Flugsvamp 4.0, ma Erickson nutre ancora grandi speranze che anche la polizia possa fermarlo.

Più rimuoviamo e perseguiamo i funzionari, minore sarà il rischio che ne emergano di nuovi. Dopotutto, non ci sono amministratori in fila, e c'è un rischio abbastanza alto di essere scoperti e un procedimento giudiziario abbastanza duro, dice.