TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Niqash: Il governo dovrebbe seriamente impedire le origini dell'oligarchia russa

Niqash: Il governo dovrebbe seriamente impedire le origini dell’oligarchia russa

Le sanzioni contro l’oligarchia russa sono un modo importante per colpire la base di potere e l’élite economica di Vladimir Putin. Sfortunatamente, la Svezia ha congelato molti meno beni all’oligarca russo rispetto ad altri paesi dell’UE simili. Ora il governo deve verificare il rispetto delle sanzioni da parte delle banche e fermare i beni dell’oligarchia. Lo hanno scritto Jessica Roswal, portavoce della politica europea (M) e Hans Wollmark, portavoce della politica estera (M).

Dopo la brutale invasione dell’Ucraina, l’Unione Europea ha adottato le sanzioni massime mai contro la Russia e sono attualmente in corso negoziati Consiglio dei ministri Circa il sesto pacchetto di energia russa. Tuttavia, altrettanto importante quanto imporre nuove sanzioni è garantire che gli Stati membri rispettino le sanzioni che sono già state imposte.

Uno scopo importante delle sanzioni era fermare il finanziamento della macchina da guerra russa. Questo bloccando l’opportunità per uomini d’affari russi di alto rango vicini al potere, i cosiddetti oligarchi, di utilizzare le loro risorse finanziarie.

Quindi, finora, 1.091 persone e 80 società o organizzazioni sono state aggiunte all’elenco delle sanzioni dell’UE, consentendo alle banche di bloccare i propri beni all’interno dell’UE. Questo è un duro colpo per Putin, ed è importante che le sanzioni siano rispettate e attuate dagli istituti di credito e dalle autorità degli Stati membri. Sfortunatamente, ci sono segnali che la Svezia non sta facendo abbastanza in questo senso.

La Svezia non sta facendo abbastanza

All’inizio di aprile, la FSA ha dichiarato di aver congelato fino ad ora 300 milioni di corone svedesi in beni russi in un piccolo numero di casi. Riguarda esclusivamente le operazioni di congelamento che le stesse banche svedesi hanno riferito in merito alla loro attuazione. Pertanto, la FSA ha compilato solo questi casi e ha trasmesso le informazioni alla Commissione dell’Unione europea.

READ  Super Mario Draghi sarà il prossimo primo ministro italiano, con il sostegno della maggior parte dei partiti stranieri

Se si confronta questo numero con altri paesi dell’UE, sembra che il blocco svedese sia irragionevolmente basso. In una compilation pubblicata dall’agenzia di stampa Reuters, sembra, ad esempio, che paesi simili abbiano congelato beni fino a diverse volte quelli della Svezia. Ad esempio, i Paesi Bassi hanno congelato beni per 390 milioni di euro, circa dieci volte tale importo. Allo stesso tempo, il ministero delle finanze olandese stima che questa cifra corrisponda solo a circa l’uno per cento del patrimonio totale delle persone sanzionate nelle banche del paese.

Il Belgio è andato agli estremi congelando 2,7 miliardi di euro di attività nei conti bancari, circa 90 volte il blocco svedese. Inoltre, 7,3 miliardi di euro sono stati bloccati in mega-transazioni.

Un problema evidente in questo contesto è che nessuna autorità svedese ha attualmente il compito di conoscere le attività effettive delle banche svedesi. Il Norwegian Defense Research Institute (FOI) aveva già la missione di mettere in comune gli investimenti russi in Svezia, ma si trattava principalmente di società e immobili e senza alcun legame specifico con individui sanzionati.

I blocchi sono anche frutto del lavoro delle banche private e nulla è stato verificato dall’FSA. Dato ciò che è stato rivelato negli ultimi anni sulle carenze nel funzionamento interno di molte grandi banche svedesi per frenare il riciclaggio di denaro e la criminalità, ci devono essere ragioni per un’ulteriore revisione del rispetto delle sanzioni. Ad esempio, rilevamento SVT كشف

La revisione dell’attività del 2019 su come l’oligarca russo Iskander Makhmudov, che ha legami con una rete criminale russa, ha trasferito circa 15 miliardi di corone svedesi in conti presso Swedbank.

READ  Rischi di incendi e siccità in Europa

Assegnare l’incarico all’Autorità di vigilanza finanziaria

Il governo dovrebbe quindi incaricare l’Autorità di vigilanza finanziaria, che ha la responsabilità della supervisione generale del settore bancario svedese, di compilare un elenco delle attività finanziarie delle persone e delle organizzazioni sanzionate nei conti bancari svedesi. Questo per mostrare quanto sia efficace un blocco bancario nell’ottenere l’accesso ai fondi sanzionati.

Se si scopre che le banche non hanno congelato i beni, dovrebbero spiegare perché ciò è accaduto e introdurre misure per rafforzare le misure. Nei casi in cui i beni sono intenzionalmente trattenuti dalle sanzioni dell’UE, potrebbe sussistere una responsabilità penale, che deve quindi essere indagata dalle autorità di contrasto.

Le sanzioni contro l’oligarchia russa sono un modo importante per colpire la base di potere e l’élite economica di Vladimir Putin. Ma richiede a tutti i paesi dell’UE, compresa la Svezia, di garantirne il rispetto nella pratica.

Jessica Roswal
Portavoce per la politica europea (uomini)

Hans Wallmark
Portavoce per la politica estera (uomini)