TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Naturalmente, le chiese dovrebbero essere aperte - oggi

Naturalmente, le chiese dovrebbero essere aperte – oggi

Ludwig Gottstam non è il solo a sostenere un esercizio arbitrario e ingiusto del potere per – a loro avviso – una buona causa. Purtroppo, non mancano i cristiani che sembrano voler tenere le persone fuori dalle chiese.

In un dibattito in Dagen 1/5, Gutestam presenta l’accompagnamento dei limiti di un’epidemia come un atto di altruismo. Ma cosa dirà dell’elevata disoccupazione, difficoltà finanziarie e malattie mentali?

Il motivo per cui così tante persone accettano restrizioni, piuttosto che prendersi cura dei propri simili, sembra essere basato sulla paura. La paura è un’emozione molto pericolosa. Può indurci ad agire in fretta, senza valutare attentamente i vantaggi e gli svantaggi di tale atto. Pertanto, per paura della morte o dello stigma, si accetta la restrizione da parte del governo della nostra libertà per il bene della “giusta causa”.

Dovrebbe saperne di più Con l’analisi dello stato di emergenza del filosofo italiano Giorgio Agamben. Come concetto giuridico, è una contraddizione, perché anche se a una persona al potere viene concesso un diritto (temporaneo) di limitare i diritti dei cittadini, il motivo della loro esistenza dipende dalla risposta allo stato di emergenza. Come dice il proverbio: L’angoscia non ha legge.

La gente potrebbe pensare che questo sia un inconveniente banale, ma molti cristiani soffrono davvero di queste limitazioni.

Jacob Astudillo

L’unico principio che l’esercizio del potere in quella situazione potrebbe invocare è la sua sovranità. Cioè, in quanto garanti della legge, possono stare al di sopra della legge e quindi possono limitare i diritti fondamentali in nome dell’interesse pubblico. Se il governo può ritirare i diritti a sua discrezione, stiamo addirittura parlando di diritti o dovremmo considerarli privilegi?

Il motivo per cui non ci sono restrizioni rigide in Svezia come, ad esempio, in Italia e in Spagna è che la nostra costituzione ci protegge da tali interferenze. Ma il filosofo Agamben usa anche lo stato di emergenza come un concetto esteso, e qui possiamo vedere che il nostro governo si è comportato in modo altrettanto arbitrario.

Magnus Hajevi, professore di scienze politiche, Dice a SVT La libertà religiosa è assoluta, senza eccezioni. D’altro canto, l’esercizio fisico può essere limitato dalle necessarie misure di sicurezza o di salute pubblica, che sembra sospettare non si applichino alle attuali restrizioni. Potrebbe essere che non è la Chiesa cattolica di Stoccolma a pensare di essere al di sopra della legge, ma il governo? La Chiesa, in primo luogo per la salvezza delle anime, ma anche per preservare la sua libertà e la libertà degli altri, deve resistere a tutte le tendenze totalitarie.

Quando si parla di chiese come potenziali focolai di infezione, è molto appropriato, come fa Jotstam, fare riferimento alle riunioni religiose in Corea del Sud. Diffusione dell’infezione C’è stato qualcosa che è accaduto nelle prime fasi dell’epidemia, ma quante volte abbiamo sentito ultimamente che l’infezione si è diffusa più nelle chiese che altrove?

Per me, le chiese devono assolutamente essere aperte. Si può discutere il metodo, misurando la distanza tra i sedili e altre possibili misure per contrastare la diffusione dell’infezione. Ma è un piano discendente per consentire allo stato di impedire ai credenti di partecipare alle funzioni di culto.

E altri non lo fanno in chiesa Le attività possono essere posticipate a tempo indeterminato. I giovani che sono solo un collegamento con la chiesa e un luogo per nutrire la loro fede che sono attività giovanili nella chiesa locale rischiano di essere interrotti. È improbabile che una persona che non ha ancora costruito una solida base della propria fede partecipi a riunioni o mostre a Zoom. È l’incontro personale e fisico che stanno cercando.

Purtroppo, Gottstamm, nonostante le sue occasionali visite alla Chiesa cattolica, non sembra rendersi conto che un incontro fisico con Cristo, che noi cattolici crediamo veramente nell’Eucaristia, è il culmine ultimo della nostra adorazione. Confrontarlo con la visione di una fiera su Zoom è come dire che stai giocando a calcio perché stai giocando a Pro Evolution Soccer sul computer.

La gente potrebbe pensare che questo sia un inconveniente banale, ma molti cristiani soffrono davvero di queste limitazioni. Le persone con una salute mentale fragile soffrono del fatto che gli venga negato il contatto umano e dell’incapacità di rinforzarsi sistematicamente attraverso i misteri. Potrebbe essere lodevole che Gotstam protegga le anime delle persone, ma la sua persistenza è l’unico fattore da considerare?

Per quanto riguarda Gutestam a quanto pare Per questo può dire senza vergogna di essere stato lui a informare della Chiesa cattolica che era rimasta aperta perché non volevano impedire ai suoi membri di avere accesso al Dio vivente.

Non ho dubbi che abbia buone intenzioni, ma anche questo è molto spaventoso, specialmente quando tanti altri sono disposti ad accettare, e persino incoraggiare, restrizioni irragionevoli. Le azioni ingiuste possono essere particolarmente oppressive se eseguite con la coscienza pulita.

READ  Il G7 acuisce i toni sulla Cina