TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Narrazione del lettore: Mia figlia ha ereditato le mie ossessioni

Narrazione del lettore: Mia figlia ha ereditato le mie ossessioni

Quando ho notato che mia figlia aveva il mio stesso problema, ho dovuto condividere il mio segreto


Dottarrivato di nascosto. La sera, prima di andare a letto, Josefina mi chiedeva spesso di controllare gli orari degli autobus, gli orari scolastici ei turni di lavoro. Diceva di essere ansiosa e insicura di se stessa, temendo di vedere male.

Vedi anche: 5 cose che dovresti fare per la tua salute mentale
televisione

Dopo l’annuncio: Vedi anche: 5 cose che dovresti fare per la tua salute mentale

(1:35)

Attiva l’audio

A volte Josefina rimaneva bloccata nella sua stanza e si fermava a guardare, pensando. Andò completamente nei suoi pensieri, quasi asociale ma allo stesso tempo disperata.

Quando finalmente siamo partiti per le vacanze tanto attese, ho potuto vedere chiaramente l’ansia di mia figlia di dimenticare le cose. Se lasciavamo la spiaggia o il ristorante, tornava spesso per assicurarsi di non aver dimenticato nulla.

Il resto della famiglia scherzava e prendeva in giro il suo comportamento mentre diventava sempre più disperata. Quando ho visto le sue azioni, mi sono reso conto molto bene e ho capito che la mia amata figlia aveva lo stesso problema che aveva sofferto e tormentato per molti anni. È disturbo ossessivo-compulsivo o disturbo ossessivo-compulsivo.

Narrazione del lettore: mi vergognavo della mia solitudine

Volevo urlare la mia frustrazione e dire al resto della famiglia che non era assolutamente una cosa da ridere. Vivere con pensieri ossessivi è un inferno e porta ad un grande handicap nella vita quotidiana.

Trovandomi nella stessa situazione di un adolescente, ho finalmente ricevuto aiuto dopo diversi anni di disperazione e ansia. Ho incontrato un bravo dottore che mi ha prescritto farmaci e mi ha mandato in terapia comportamentale.

READ  Ricercare vaccini contro il cancro su misura per ciascun individuo

Ma è stato tutto molto tempo fa e qualcosa che ho cercato di dimenticare. Questo è stato prima che i bambini venissero al mondo e anche se ho ancora problemi minori non lo dico a nessuno.

Ho sempre cercato di nascondere le mie azioni e ho preso le mie pillole con discrezione. Ha detto che era una medicina per il mio mal di stomaco quando le ragazze se lo chiedevano. Al giorno d’oggi, le ossessioni erano gestibili e questo accadeva solo quando ero sotto stress, mancanza di sonno o quando mangiavo male.

Ora, quando eravamo in vacanza e ho visto l’apparente comportamento e schema di mia figlia, il passato è tornato come uno schiaffo in faccia. Mi addolora vedere i suoi poteri.

Storia del lettore: i nostri animali domestici sono diventati i migliori amici

Ho capito che avrei dovuto parlarle dei miei problemi. Le dico che sapevo cosa stava passando e capivo la sua disperazione. Digli che è ereditario e che probabilmente ha ricevuto la sua eredità genetica da me. Purtroppo.

Ci sono volute un paio di settimane prima che mi prendessi la mano e mi sedessi e raccontassi a Josefina le mie esperienze. Ho avuto difficoltà a parlarne e mi sono sempre vergognato delle mie buffonate.

Ma una sera, quando siamo tornati a casa dalle vacanze ed eravamo a casa nell’appartamento, ho visto quanto si sentiva male. Dovevo raccontarle la mia storia.

Ho visto la sua irrequietezza e lo sconforto per tutto il pomeriggio mentre faceva i compiti e altre attività quotidiane. Non potevo più rimandare. ho iniziato a dire. All’inizio mi sono seduto in silenzio e ho ascoltato, poi sono arrivate le lacrime.

READ  La malattia mentale nel padre può aumentare il rischio di parto prematuro

– Mamma, mentre facevo tutte queste cose strane, pensavo di impazzire, ha detto.

Storia del lettore: la malattia della mamma non è una mia responsabilità

Mi ha ferito totalmente quando l’ha detto. Ho continuato a condividere tutti gli strani sintomi e pensieri che ho avuto nel corso degli anni. Come mi sono lavato più e più volte perché avevo paura dei batteri. Di come ho controllato un numero irragionevole di volte che la porta fosse chiusa a chiave, il ferro tirato e la stufa spenta. Ho controllato i tempi più e più volte per assicurarmi di non aver frainteso le cose. Come sono anche tornato e ho fissato i posti perché pensavo che mi mancasse qualcosa. Josefina pianse ancora e disse che doveva essere la stessa cosa che stava vivendo lei.

Ho anche raccontato come finalmente ho ricevuto aiuto e che sto ancora assumendo farmaci per questi problemi. Ho preso una pausa dalle pillole durante la gravidanza, ma poi la compulsione è tornata e ho dovuto ricominciare a prendere il farmaco. Ho detto che accettavo di non poter vivere una vita normale senza di loro.

Ci è voluto del tempo perché i medici trovassero un farmaco che funzionasse davvero per me, ma dopo la terza prova è stato notato un miglioramento significativo. In combinazione con alcuni anni di terapia comportamentale, mi sono sentito davvero bene oggi e la compulsione sembrava gestibile.

Storia del lettore: Mia figlia ha scelto di avere un bambino da sola

Mia figlia è decisamente contraria a pillole e farmaci, ma continua a dire che ha bisogno di aiuto in qualche modo. Non sopporto più di sentirmi così. Ci sono voluti molta della sua energia e del suo tempo. Ho capito esattamente. Era sollevata dal fatto di poter prendere in considerazione l’assunzione di farmaci e cure mediche.

Ora si trattava solo di ottenere aiuto il prima possibile. Qualcuno avrebbe capito che faceva sul serio. La mattina dopo, ho chiamato il centro sanitario e ho potuto parlare prima con un’infermiera. Lei, a sua volta, chiamerà il consulente e il medico.

Alla fine, mia figlia ha ottenuto un appuntamento con uno psichiatra, da cui ora va regolarmente. Ma vogliono aspettare con la medicina. Forse è possibile “bandire” il comportamento, come si suol dire.

Accolgo con favore l’idea e la cosa migliore è se migliora senza farmaci. È così doloroso vederla soffrire. Io stesso non sarei mai in grado di riprendermi senza una combinazione di medicina e terapia.

Ma dobbiamo prenderlo un giorno alla volta e fidarci dell’assistenza sanitaria. Dai questa possibilità. Se non funziona, continuerò a combattere e mi assicurerò che riceva aiuto. Non mi arrendo mai. Perché niente fa più male che vedere tuo figlio soffrire e stare male.