TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

MovieZine incontra Pavlo Sorrentino | MovieSign

Moviesine incontra il regista Paulo Sorrentino e i suoi attori Tony Survillo e Filippo Scotty per parlare del gelato italiano invernale.

Paulo Sorrentino è uno dei principali registi italiani a vincere un Oscar per “La grande bellezza” (2013). Ora è tornato con il suo film personale “The Hand of God” basato sulla sua educazione. Dalla sua parte c’è il vecchio Tony Survillo ma anche la nuova stella cadente Filippo Scotty (la risposta dell’Italia a Timothy Salamet).

Il film è stato presentato in anteprima mondiale alla 78a edizione della Mostra del Cinema di Venezia lo scorso anno, dove ha vinto il Gran Premio della Giuria e quest’anno il Premio Filippo per Esordiente. Il corrispondente di Moviesign Eric Tolstrom ha avuto l’opportunità di parlare con l’acclamato trio.

Questo è il tuo film personale, come hai scelto di tornare alla tua infanzia e alla tua città natale?

Palo: È da molto tempo che penso a questo film, sentivo di doverlo fare un giorno, ma non so quando. Quando vai dal dentista hai paura e non vuoi farlo, ma prima o poi devi farlo. Ho aggiunto cose personali a ogni film che ho fatto e quando avevo 50 anni ho deciso che era giunto il momento di affrontare la mia storia. La mia vita era così diversa e sentivo che meritava di essere un buon film.

Hai bisogno di parlare con la tua famiglia prima di iniziare a registrarti?

Palo: Ho parlato con mio fratello e mia sorella della realizzazione di questo film. Ma ho deciso di non fare troppe domande. Tutti ricordiamo alcuni eventi in modo leggermente diverso e volevo fidarmi della mia stessa memoria.

READ  La pericolosa Cassandra Harletton ha messo nel mirino

Cosa significa Maradona per te?

Paulo: Non è stato facile quando è morto. Era il mio grande sogno mostrargli questa foto e lui era lo spettatore più importante per me. Per me era come Dio. È interessante notare che iniziò come uno dei più poveri del mondo e in seguito divenne uno dei più famosi al mondo. Non sarebbe stato facile affrontarlo. Quindi ero molto triste quando è morto.

Perché hai scelto Filippo per interpretare la tua giovinezza?

Palo: È il miglior attore che abbia mai incontrato in tutte le mie selezioni. A 17 anni non avevo idea di chi fossi, aveva qualcosa di misterioso. Non so nulla di lui e penso che questo sia il vantaggio del film. Sono così orgoglioso di pensare ai suoi sforzi.

Eri spaventato o preoccupato all’idea di recitare nella versione più giovane del regista?

Filippo: Ci ho pensato poco, ho cercato di farlo il più possibile e ho seguito le sue indicazioni. Mi ha sempre guidato e sono molto fortunato a lavorare con uno dei migliori registi del mondo. Mi sento incredibilmente orgoglioso e onorato.

Hai sempre voluto fare l’attore? Che attore ti aspetti?

Filippo: Sì. Quando avevo nove anni andavo a Napoli e frequentavo spesso dei laboratori per divertimento. Ma è diventato sempre più serio, ho un agente, è così. Sono bravo come Willem Duffo o Adrian Brady. Ce ne sono molti da notare, ma questi due sono i preferiti.

Stai pensando di dirigere in futuro?

Filippo: Penso di sì. Ma come attore ho bisogno di struttura, e questa è la mia priorità in questo momento. Scrivo su alcune idee, ma principalmente a mio vantaggio. Ma vedremo, sono comunque pronto per questo, quindi vedremo cosa ci riserverà il futuro.

READ  Incredibile gioco in Europa League

Paulo ha detto che sei come suo fratello maggiore, come lo vedi?

Tony: Mi vede come un fratello maggiore quando avevo 10 anni, era così giovane quando abbiamo lavorato insieme per la prima volta. Era all’inizio della sua carriera ed era già un attore regolare della scena teatrale e mi ha scelto per interpretare il ruolo principale nel suo film. Penso di averlo fatto sentire a suo agio e sicuro di sé come un fratello.

Hai bisogno di fare molte ricerche prima di accettare il ruolo del padre di Pavlo?

Tony: Il ruolo di suo padre si è rivelato essere quello che abbiamo creato durante le riprese, ma siamo sempre stati fedeli alla sceneggiatura ben scritta. Abbiamo prodotto film fantastici insieme e Palo sarà sempre stupito come regista durante le riprese. Ha la libertà di fare ciò che vuole, senza fare ciò che le persone vogliono o si aspettano da lui. Questo è così eccitante.

Com’è stato lavorare con Filippo?

Tony: Abbiamo davvero sviluppato una relazione padre-figlio l’uno con l’altro. Potrebbe effettivamente essere basato sull’età. Avevamo quel sentimento l’uno per l’altro, che era solo rafforzato dalla sua umiltà e dalla sua brillante determinazione.

Quale personaggio dei film di Pavlo ti è piaciuto davvero?

Tony: Fondamentalmente nessuno di loro, altrimenti non mi sarei divertito così tanto a interpretarli. Penso che molti attori abbiano una relazione molto difficile tra loro, quindi quando interpreti un personaggio è come prendersi una piccola pausa da te stesso.

Se dovessi scegliere tra teatro e cinema, quale sceglieresti?

Tony: La vita per mio conto mi ha dato una scelta. Mi ha dato l’opportunità che tutti gli attori moderni dovrebbero cercare di sfruttarlo il più possibile, cioè fare entrambe le cose. Ma se proprio dovessi scegliere, direi Tony a teatro e Survillo nel film.

READ  Nuovi dati: il cancro è stato curato ad aprile

Qual è il tuo consiglio principale per i potenziali attori?

Tony: Non smettere mai di sognare, preparati a sacrificare molto per andare lontano. Negli anni ho rinunciato a diverse opportunità. È come un monaco che decide di dedicarsi a un aspetto della sua vita e percorre questa strada per il resto della sua vita.

“The Hand Of God” è una nomination agli Oscar in Italia ed è ora in onda su Netflix.