TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Edwin Seka ha tirato milioni – ora guida un autobus: “Io prospero”

Edwin Seka sulla pericolosa fuga dall’Albania – perché ha lasciato il gioco del trotto: “Perché SD mi tratta così?”

Edwin Seka è stato a lungo uno degli allenatori dilettanti di maggior successo nel paese, ma un giorno il trofeo è stato traboccante.

Dopo aver realizzato di essere stato molestato dai controllori del doping, ha deciso di smettere e iniziare una nuova vita come autista di autobus.

– Mi sento molto bene, ma sono rimasto deluso dal fatto che SD mi abbia trattato come un imbroglione, dice Edwin a Trav365.

Edwin Chekka ha avuto un grande successo sulla V75 con cavalli come Vlad del Ronco, ma ormai da qualche anno non si vedeva sulle piste da trotto. Trav365 è alla ricerca di un simpatico cavaliere che ora ha completamente cambiato la sua vita.

L’orologio si stava avvicinando alle 10:00 e in pochi minuti salì sull’autobus. Ma non come passeggero – come autista. Per quasi due anni, Edwin ha lavorato come autista e guidando clienti in attesa da Svenljunga a Gekås. உள்ளரெட் Ancora.

– Di solito sono felici di viaggiare lì, ma quando i soldi sono finiti non sono sulla strada di casa, ah ah. Ogni visita costa loro circa 5.000 corone. Sono così felice ora, mi rende felice il cuore quando i tuoi passeggeri ti ringraziano per un buon lavoro. Edwin dice a Trav365 che lavoro a tempo pieno come autista di autobus e ora trascorro più tempo con la famiglia di quanto non facessi per addestrare i cavalli.

Mi sono sentito isolato come un imbroglione

Ci sono sia pro che contro nella professione, specialmente durante un focolaio come questo, ma puoi vivere con Sega viaggiatori sani e occasionalmente cattivi. Ma, con così tanto successo in così poco tempo, perché abbandoni la gara? La risposta a questa domanda, secondo Edwin, era semplice: si sentiva perseguitato da ST.

READ  Owen Condwell nell'estate di Sven-Koran Erickson

– Non ho mai parlato con nessuno di questo. Diverse piccole cose mi hanno spinto a finire la mia attività, ma una di queste stava facendo 20 test antidoping per un breve periodo di due mesi, indipendentemente da dove il mio cavallo Vlad del Ronco avesse lasciato la gara.

Un giorno la coppa traboccò per i cechi. Gli ispettori avevano visitato il fienile senza preavviso ed era ora di una nuova puntura. Edwin, che non ha avuto la possibilità di andare al fienile, è stato costretto a chiamare la moglie che era al lavoro.

– In connessione con una scommessa su tre giorni fa hanno preso il controllo antidoping e ho capito che non si fidavano di me. Qualcuno della ST mi ha chiamato e mi ha detto: “Siamo noi a prendere la decisione qui”. Lo capivo, ma nessuno poteva toccare il mio cavallo senza che io fossi lì. Mia moglie è saltata in macchina e si è precipitata lì, ma è stata fermata dalla polizia e multata per eccesso di velocità sulla strada. Era confuso, “Perché devo vivere con così tanto stress?”

– Non c’è niente di peggio che isolarci come ingannatori degli onesti. Siamo così arrabbiati che è difficile perdonare. Questo non è il mio primo anno in Svezia, ma sono qui da circa otto anni, quindi perché SD mi tratta così? Tuttavia, non ho mai avuto la risposta.

“Il mio cuore è stato strappato dal mio petto”

In connessione con il successo del V75, il telefono iniziò a squillare. I proprietari di cavalli francesi volevano comprare il cavallo ma Edwin gentilmente ma fermamente rifiutò. Tuttavia, dopo tutti questi test antidoping, ne ebbe abbastanza e, dopo un’attenta considerazione, scelse di vendere il grosso cavallo pubblicitario della scuderia.

READ  Recensione: Estate al P1: Peter Carlson

– Non volevo iniettare troppo nel suo corpo, era come se il mio cuore fosse stato strappato dal mio petto quando ha lasciato la stalla. Poi ho deciso di smettere, per questo ho rassegnato le dimissioni da allenatore di trotto con Vlad del Roncos.

Vlad ha continuato la sua vita nella sua nuova patria, dove ha vinto diverse gare, ma poi ha avuto problemi ed è stato sterilizzato. Di recente, tuttavia, Edwin non ha sentito nulla del suo vecchio amico.

– Mi mancano tanto i miei cavalli. Vlad è stato fantastico e ha iniziato la sua carriera con me.

C’è la possibilità di tornare di nuovo in gara?

– Non lo so… Ci sono tre o quattro proprietari italiani che vogliono costruire una scuderia in Svezia, e mi hanno chiesto se potevo addestrare cavalli, ma io ho sempre detto di no. Con un tale sentimento di insoddisfazione non vuoi tornare in questo sistema. Non vedo Åby trot da due anni e non ce la faccio più.

– Quando sono arrivato in Svezia nel 2013, c’erano circa 10.000 allenatori B, ma ora sono la metà, giusto? Perchè così? Se perdi un allenatore B che ama i cavalli, Trott sarà costretto a chiudere di nuovo.

“Molti avevano paura che sarebbero annegati.”

Ma, fino a quel giorno, la vita sta andando avanti per il ceco che sembra aver trovato sollievo nella vita di tutti i giorni. Il suo studio linguistico alla SFI sta cominciando a ripagare sempre di più, tuttavia, per lui, è successo a scapito dell’inglese. O l’età ha qualcosa a che fare con questo?

Il fratello Orton è stato anche un importante coca cola durante l’allenamento di Edwin, e ora è al volante, anche se si tratta di camion. Edwin era originario dell’Albania ed è finito in Svezia. L’intenzione non era di restare qui per più di due anni.

READ  Il 23enne Sunny LGCD Grand Prix - Il team di Malin ha vinto il secondo posto

– Avevo programmato di andare in Italia, ma poiché mia moglie ei miei figli sono venuti a trovarmi in Svezia, si sono innamorati di quel paese. Hanno imparato la lingua in cinque mesi e mi ci è voluto molto tempo.

Dice purtroppo come tutto è iniziato in una volta. In connessione con i disordini in Albania, fu costretto a fuggire in Italia attraverso la Grecia. Prima la passeggiata a piedi, poi il gommone. Impegno pericoloso per mietere molte più vite nel Mediterraneo.

– Questa è una situazione catastrofica nel mio paese d’origine. Avevo 16 anni e pagavo 10.000 corone svedesi per un posto per criminali. Riesci a immaginare come sarebbe viaggiare con un gommone nell’oceano? È stato scioccante. Molti viaggiatori non sapevano nemmeno nuotare, e quando siamo arrivati ​​in Italia siamo stati costretti a buttarci in acqua a cento metri da terra. Molti temevano che sarebbero annegati, ma fortunatamente tutti sono sopravvissuti.

È difficile sentire parlare della morte di profughi che hanno cercato di fare lo stesso viaggio in cui sei riuscito?

– Sì, molto difficile. Poi ripenso a come è stato per me. Tu, che sei cresciuto in Svezia, non sai com’è essere costretto a lasciare la tua famiglia e un paese senza futuro. Se muori nel Mediterraneo e nessuno sa cosa ti è successo, conclude Edwin.

Pubblicato:

Iscriviti alla newsletter Travkollen

Circa il più caldo del mondo del trotto – ogni venerdì!