TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Mikael Persson Team WC Six Days di successo

Il pilota di enduro Mikael Pearson: “Assolutamente fantastico”

Wellworker a Karlskoga senza fiato per gli specialisti del bagno.

Per Mikael Pearson, questa è l’ultima possibilità di vivere il sogno.

– Questa è la cosa più grande che ho fatto, dice.

Anrika Six Days, noto anche come Team WC, è la più antica competizione durante l’anno solare per i piloti di enduro.

– A livello prettamente internazionale, è anche il più grande in termini di numero di partecipanti. Se vinci un solo bagno, che dura per un intero anno solare, l’oro o l’oro qui è esattamente lo stesso, dice Mikael Pearson.

Pearson vive e lavora a Karlskoga. Lavora con Wells per un’azienda locale, dove lo staff è composto da lui stesso, il proprietario e il figlio del proprietario.

Si definisce un po’ un esperto di enduro. C’è una ragione per questo. Perché quando esce dal lavoro alle 16:00, salta sulla bici. È bravo in questo. Miglior in Svezia – e terzo separatamente dopo la Sei Giorni di quattro giorni, che quest’anno si svolge in Italia.

– È assolutamente inimmaginabile. È difficile descrivere questa sensazione di shock, ero più o meno scioccato dopo il secondo giorno, quando ho realizzato quella “fase, sono il terzo”. Non pensavo fosse giusto, dice dopo il quinto e tre posti contro i professionisti a tempo pieno.

Gareggia contro l’élite globale. Uno, che consiste in occupanti di fabbrica con importanti contratti di sponsorizzazione. La persona che Pearson apprezza ha il tempo di allenarsi almeno il doppio di lui. Una persona che non deve lavorare con i pozzi laterali.

Nobbato dalla grande fabbrica

Ma Pearson non è sempre stato costretto a lavorare insieme al suo progetto enduro. Nel 2015 è stato il migliore al mondo, quando ha vinto il Campionato Mondiale Giovanile. Il primo oro della Svezia in una Coppa del mondo di Enduro dal 2007, e un grido per i vecchi tempi in cui Anders Eriksson, uno dei più grandi sportivi di tutti i tempi, ha fatto colpo per l’orgoglioso paese dell’enduro.

Il gigante automobilistico Yamaha ha firmato un lucroso accordo con Pearson, che ora può vivere di enduro. Si dimostrerà nell’élite mondiale. Invece, non molto è andato per il verso giusto.

– Non ero completamente soddisfatto delle condizioni. Non eravamo d’accordo su tutto. Non avevo tutte le parti per il successo. Mi ha fatto pensare che non fosse più divertente, dice.

Il contratto non è stato rinnovato fino alla stagione 2018.

– Quando ho ricevuto questa lettera, era chiaramente triste. Ma da qualche parte non l’ho nemmeno consegnato per un motivo, se capisci cosa intendo.

“Io do tutto quello che ho”

In qualche modo, mi è sembrata la scelta giusta fare un passo indietro e pensare a cosa volevo fare. Da allora, e nel corso degli anni, questa scelta è stata sfortunata. Ho pensato “Stage, perché non ho continuato a spingere?”. Le idee sono passate, dice Pearson.

Ha iniziato a lavorare sul riscaldamento di pozzi e rocce nell’estate del 2018. Ha iniziato a guidare nella sua casa in Svezia, quando l’energia non era stancante o il tempo non c’era.

Le cose sono andate di nuovo bene. Poi Six Days in Italy è apparsa come una grande opportunità. Magari prendi un altro Pearson.

READ  North Scania | Non c'è un inizio amaro per Campari quest'anno

-Ho visto questa competizione un po’ come la mia ultima possibilità di mostrarmi al mondo e magari portarmi di nuovo con un contratto ad essere un pilota di enduro a tempo pieno. Ora ho davvero mostrato cosa posso fare su una moto.

Le possibilità sono relativamente buone, lui stesso crede nella sua capacità di firmare un nuovo contratto professionale con uno dei grandi draghi della fabbrica.

Appaiono alcune prove – e la terza nella più grande competizione mondiale.

– Cercherò di massimizzarlo il più possibile. Certo, il mio corpo è un po’ più stanco di altri pendolari di fabbrica, ma non puoi avere l’atteggiamento mentale. Do tutto me stesso, dice Mikael Persson.

Inserito: