TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Migliore prognosi per i pazienti con diabete di tipo 1 –

Storicamente, le persone con diabete di tipo 1 avevano maggiori probabilità di morire per malattie cardiovascolari rispetto alle persone in generale. E sebbene il rischio sia ancora da tre a cinque volte superiore, il rischio per questo gruppo è in costante calo negli ultimi decenni. Ma le differenze nella prognosi all’interno del gruppo sono significative, come ha mostrato uno studio dell’Università di Göteborg.

Il danno renale, anche in misura minore, causato dal diabete ha un impatto significativo sulle malattie cardiache e sulla mortalità.

Per quelli senza complicazioni renali o precedenti malattie cardiache – che costituiscono poco meno della metà di quelli che abbiamo studiato – il tasso di mortalità non è superiore a quello della popolazione generale, afferma la ricercatrice Sarah Hallstrom.

Differenze all’interno del gruppo di pazienti

Nello studio, i ricercatori hanno esaminato i dati nei registri nazionali di oltre 45.000 pazienti con diabete di tipo 1. Hanno quindi confrontato i dati con un gruppo di controllo di oltre 220.000 persone.

Oltre alla tendenza al minor rischio per l’intero gruppo, un risultato importante è stata la presenza di differenze all’interno del gruppo di pazienti.

Ciò significa che la cura del diabete di tipo 1 deve essere maggiormente differenziata in pazienti ad alto e basso rischio alla luce dell’alto livello di zucchero nel sangue, malattie renali o malattie cardiache, afferma Sarah Hallstrom.

I pazienti ad alto rischio richiedono un trattamento più intensivo

Inoltre, il trattamento dei pazienti ad alto rischio dovrebbe essere più intensivo di quanto non lo sia oggi per ridurre la mortalità anche in quel gruppo.

I ricercatori si aspettano che le prospettive migliorino ulteriormente in futuro.

READ  Lo "stress" era un cancro incurabile: i medici sono stati colpiti da IVO

Con la cura del diabete oggi, è probabile che molti bambini e giovani adulti con diabete di tipo 1 abbiano una buona prognosi in futuro perché gruppi sempre più grandi ottengono un buon controllo glicemico e hanno fattori di rischio più ben trattati, il che porta a un rischio relativamente basso di malattie renali e malattie cardiache.

Lo studio è stato condotto dall’Università di Göteborg in collaborazione con i ricercatori della Linköping University e della Harvard Medical School negli Stati Uniti.

Studio scientifico

Fattori di rischio e tendenze nella mortalità e nelle malattie cardiovascolari nelle persone con diabete di tipo 1 e controlli: uno studio di coorte osservazionale svedese.E il The Lancet Regional Health – Europa

Contatto

Sarah Hallström, dottoranda, Accademia Sahlgrenska presso l’Università di Göteborg, [email protected]

Marcus Lind, Professore di Diabetologia, Accademia Sahlgrenska, Università di Göteborg, [email protected]