TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Migliaia di svedesi nel sud Europa devastati da un incendio

Un incendio è scoppiato domenica nell’isola greca di Rodi, distruggendo gran parte della rete elettrica dell’isola, secondo quanto riferito dall’AFP. L’incendio non è stato domato lunedì, ma si dice che la rete elettrica sia di nuovo funzionante e la situazione stia migliorando.

– Vedi le fiamme raggiungere il cielo e sei un po’ preoccupato per quello che accadrà, dice ad Aftonbladet David Lugren, che è in vacanza a Faliraki a Rodi.

Si ritiene che migliaia di svedesi siano presenti sulla famosa isola turistica.

“Secondo le nostre informazioni, si stima che al momento ci siano circa 3.000 svedesi a Rodi. Al momento non abbiamo informazioni sugli svedesi infetti”, ha scritto il Ministero degli Affari Esteri in una e-mail a TT.

ondata di calore continua

A Patrasso, a circa 200 chilometri a ovest di Atene, 300 vigili del fuoco, due aerei dei vigili del fuoco e cinque elicotteri sono al lavoro per spegnere un grande incendio boschivo che ha finora distrutto circa 20 abitazioni e oltre 3.000 ettari di pinete e uliveti. I villaggi vicini sono stati evacuati e molte persone sono ricoverate in ospedale per ustioni e problemi respiratori.

L’ondata di caldo che ha colpito la Grecia non sembra essersi placata. La temperatura nella penisola del Peloponneso, dove si trova Patrasso, dovrebbe salire a 45 gradi nei prossimi giorni. Il governo ha aperto strutture climatizzate per i senzatetto e il primo ministro Kyriakos Mitsotakis chiede ai cittadini di ridurre il consumo di elettricità.

– Questa è la peggiore ondata di caldo dal 1987, dice.

Evacuazioni in Italia

Nella località italiana di Pescara sul mare Adriatico, almeno cinque persone sono rimaste ferite quando un incendio ha invaso una riserva naturale con grandi pinete vicino a una spiaggia popolare.

READ  Secondo la propaganda talebana, a Kabul . tutto tace

Tra i feriti c’era una bambina di cinque anni, ma le sue ferite non sono considerate pericolose per la vita, secondo i rapporti. guardiano. Circa 800 persone sono state costrette ad evacuare dalla famosa località di villeggiatura, tra turisti e residenti di un convento di suore.

Nel fine settimana in Italia sono scoppiati più di 800 incendi, soprattutto nelle zone meridionali del Paese.

“Nelle ultime 24 ore i vigili del fuoco hanno effettuato più di 800 interventi; 250 in Sicilia, 130 in Puglia e Calabria, 90 nel Lazio e 70 in Campania”, ha scritto su Twitter il Corpo nazionale dei vigili del fuoco, Viglie del Foco.

Il ministero degli Esteri ha scritto che “l’ambasciata svedese a Roma sta seguendo gli sviluppi degli incendi boschivi scoppiati in Sicilia”, aggiungendo che non vi erano informazioni su feriti tra i circa 500 svedesi che avevano informato l’ambasciata di essere in Italia.

La Turchia riceve aiuti dall’Unione Europea

Sulla costa meridionale della Turchia, diverse località turistiche sono state evacuate e otto persone sono state confermate finora morte a causa degli incendi. Diversi grandi incendi vicino alle località di Marmaris e Antalya sono ancora sotto controllo.

Secondo Aftonbladet, si ritiene che circa 400 svedesi si trovino nell’area colpita.

Lunedì, l’Unione europea ha dichiarato che aiuterà la Turchia nel salvataggio e che l’UE è solidale con la Turchia “in questo momento molto difficile”.

Gli incendi boschivi stanno bruciando anche in Finlandia. Da una settimana centinaia di vigili del fuoco stanno combattendo le fiamme a Kalajoki, nell’Ostrobotnia settentrionale. Si dice che l’incendio sia il più grande del paese in 50 anni e si prevede che i lavori antincendio continueranno per diversi giorni a venire.

I turisti stanno aspettando di essere evacuati domenica nel sud della Turchia. Foto: Emre Tazegul/AP/TT