TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Mentre dormi – Giorno 2 dei Campionati Mondiali di Atletica

Eugenio. Le finali di Coppa del Mondo di Tobias Montler si sono concluse con una sconfitta.

Ma molte altre cose sono successe durante la notte ora svedese. O come lacrime, uno spettacolo viola e una crisi giapponese.

America! America! America!

È stato un evento di gala per lo sprint americano nella seconda giornata di Coppa del Mondo. Nella finale dei 100 metri, gli Stati Uniti hanno piazzato quattro degli otto punti, e quando la polvere si è calmata dopo 9,86 secondi, Fred Kerley è stato il campione del mondo, due centesimi di vantaggio sui connazionali Marvin Bracey e Trayvon Brommel.

– Abbiamo detto che l’avremmo fatto, e l’abbiamo fatto, USA Baby!, Fred Kerley ha riassunto tutto davanti a un trionfante pubblico di casa.

Leggi di più qui!

Che fine ha fatto il campione olimpico Marcel Jacobs?

Non è nemmeno partito nella semifinale dei 100 metri.

Il motivo è una sensazione all’anca destra che aumenta il rischio di gravi infortuni, scrive in un comunicato la Federazione Italiana di Atletica Leggera.

Secondo quanto riferito, Jacobs è stato sottoposto a un esame ecografico in cui non hanno riscontrato alcuna rottura del muscolo, ma una piccola contrazione muscolare.

– Una scelta dolorosa ma sono costretto a farlo, dice su Twitter.

Continuava a bussare

L’America non era soddisfatta dell’oro. Nel ballo femminile, Chase Ealy ha aperto l’intero evento con un primo tiro di 20.49. Un risultato che nessun altro può eguagliare.

Entrambi i rappresentanti della Svezia hanno dovuto risolvere tre shock in finale.

READ  Vestas è in ascesa in un'azienda tecnologica svedese che vuole sfidare il mercato globale

Fanny Roos è arrivata undicesima in 18.27 e Axelina Johansson ha faticato a ricaricarsi dopo i suoi sforzi nelle qualificazioni per accontentarsi di 17.60.

– Sono molto contento, non pensavo di andare in finale. Sono molto felice di essere arrivato in finale. Ovviamente volevo spingere di più ma ero così congedato, dice Axelina Johansson a TT.

Hannah non si è unita

Hannah Hermanson ha raggiunto le semifinali nei 1500 metri con un record personale. Una volta lì, è diventato molto difficile continuare. La svedese si è fermata in fondo al campo e non ha potuto rispondere mentre il ritmo aumentava. Tuttavia, ha segnato 4.06.70, il suo secondo miglior tempo.

– Non un piccolo extra alle gambe, ieri c’è stata una scarica mentale. A 600 metri dalla fine sono diventato un po’ passivo. Approvato, ma volevo qualcosa in più, dice:

– Ho una nuova posizione, so che ho delle gare veloci nelle gambe, quindi quando ho una buona opposizione sei un po’ deluso perché non hai possibilità.

Una scena viola scintillante!

Sono partiti anche i 100 metri femminili. Le prove non hanno prodotto eventi preferenziali di rilievo. Tuttavia, dovremmo vedere delle buone manche di prova.

Una Shelly-Anne Fraser-Pryce davvero impressionante aveva già spento i motori a 60 metri ma ha comunque corso un buon 10.87.

– Ho cercato di qualificarmi il più facilmente possibile, dice.

La domanda, tuttavia, è se il tempo oi capelli hanno attirato di più l’attenzione. Questo campionato è di un viola che si abbina ai capelli non appena “The Pocket Rocket”.

READ  Il capo della Ferrari accoglie con favore il divieto di combattimento dell'UE - Auto Motor & Sports

– Voglio tingermi i capelli. Quando sei a un campionato importante, c’è qualcosa che vuoi fare e tingere i capelli è una di quelle cose. Quest’anno è diventato viola, dice.

Tuttavia, Fraser Pryce non è veloce e Tina Asher Smith lo è, inaspettatamente. L’inglese ha avuto un inizio di stagione lento ma sembra aver preso il via perfettamente. 10.84 (con uno sforzo chiaramente maggiore) era solo un centesimo del proprio record nazionale.

Lacrime della notte

Abbiamo visto anche le atlete più tristi della notte nella semifinale dei 1500 femminili. L’Uganda Winnie Nanyondo stava cercando l’ultimo posto nei disordini quando è caduta. Ha singhiozzato in modo incontrollabile sia per il dolore che per la delusione in pista, quindi ha continuato inconsolabilmente attraverso la zona mista dove il connazionale Ronald Musakala ha dovuto scortarla fuori dall’arena.

La crisi del Covid in Giappone

Il Covid-19 continua a offuscare Eugene. Durante la notte, è stato annunciato che sette membri della squadra di maratona giapponese erano stati messi in quarantena il giorno prima della gara maschile. Due giocatori attivi, il capitano della nazionale e quattro membri dello staff hanno contratto il Covid-19 e ora sono isolati dagli altri nella sede della Coppa del Mondo.