TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Meno vaccinazioni nelle aree ad alto rischio – raddoppiate | Corona virus

La percentuale di quelli vaccinati contro COVID-19 è significativamente inferiore in alcune regioni rispetto ad altre, il che è motivo di preoccupazione.

Il problema è principalmente nelle tre aree urbane, ma forse principalmente a Stoccolma, dove le differenze sono più evidenti.

Perché mentre la percentuale di persone di età pari o superiore a 65 anni che sono vaccinate contro il covid-19 varia dall’85 al 90% in molte zone di Stoccolma, la proporzione corrispondente è solo del 71% a Rinkebbe Kista. Anche i comuni di Spånga-Tensta, Skärholmen e Botkyrka sono bassi in confronto.

Queste differenze hanno causato il cattivo sangue di molte persone e ora ci sono richieste che si faccia di più per ridurre le differenze.

Tuttavia, questo fenomeno non è affatto nuovo. Esistono anche differenze nette tra regioni socialmente ed economicamente forti e regioni vulnerabili in un gran numero di altre iniziative sanitarie.

Il rischio di diffondere l’infezione

– Questo è il nostro cibo quotidiano. Lavoriamo costantemente con queste differenze e compiamo sforzi mirati in aree specifiche, afferma Karolina Lindstrom, capo pediatra dell’area di Stoccolma.

Un chiaro esempio di ciò è la vaccinazione dei bambini contro morbillo, parotite e rosolia (MPR). L’obiettivo di queste vaccinazioni è raggiungere il 95%, al fine di ottenere l’immunità di gregge contro il morbillo, che è una delle malattie più contagiose tra tutte.

Ma per molti anni, le stesse aree che ora avevano una piccola percentuale del vaccino contro il coronavirus hanno avuto scarsa rilevanza per il programma di vaccinazione infantile. Per i bambini nati nel 2017, il tasso di vaccinazione è del 95% o più in quasi tutte le regioni, ad eccezione di Rinkibi Kista, ad esempio, dove solo l’85% dei bambini ha ricevuto una dose di questo vaccino, con il rischio di diffusione dell’infezione di conseguenza.

READ  Il vaccino COVID di Pfizer può proteggerti per un periodo di tempo più lungo

Grandi differenze

Secondo Carolina Lindstrom, è un dato di fatto che le buone condizioni di salute variano notevolmente all’interno di una regione.

Ci sono alcune aree che compaiono ancora e ancora e le vediamo indipendentemente dal fatto che si guardi alla percentuale di bambini di 3 anni che hanno la carie, alla percentuale di bambini con genitori fumatori o alla percentuale di bambini in sovrappeso e obesi , lei dice. .

Il fatto che la Regione di Stoccolma non sia rimasta sorpresa quando anche il tasso di vaccinazione contro il Covid-19 è stato inferiore in alcune aree rispetto ad altre.

Le differenze nelle regioni sono le stesse. Indipendentemente dalle iniziative di salute pubblica con cui lavoriamo, vediamo che abbiamo più difficoltà a comunicare i nostri messaggi in determinate aree e che dobbiamo lavorare per un periodo di tempo più lungo per ottenere risultati, afferma Magnus Thieberg, coordinatore dei vaccini a Stoccolma regione, a TT.

Non di rado si tratta delle stesse aree che sono state duramente colpite dalla diffusione dell’infezione, soprattutto lo scorso anno.

Il rischio principale con un tasso di copertura molto basso del vaccino covid-19 è che ci siano “sacche” nella popolazione in cui il virus può attecchire e ricominciare a diffondersi.

In questo modo, queste aree sono vulnerabili a essere “due volte” colpite dall’epidemia.

Non ci sono soluzioni semplici

Trinidad e Tobago: Dato che questo non è un problema nuovo, la regione di Stoccolma non avrebbe dovuto fare molto per contrastare queste differenze?

Penso che fin dall’inizio abbiamo investito molte risorse in queste aree, afferma Magnus Thyberg e continua:

Quello che abbiamo fatto è stato chiamare i centri sanitari e prenotare gli appuntamenti. Abbiamo informatori sanitari in loco e collaboriamo molto con le organizzazioni locali. Abbiamo anche tradotto materiale in una vasta gamma di lingue diverse a seconda delle lingue parlate. Abbiamo avuto un lungo elenco di attività dall’inizio dell’anno e abbiamo anche unità mobili di vaccinazione in loco.

READ  Casi di doppia tubercolosi finora quest'anno: "Nel complesso, le zecche stanno aumentando"

Magnus Thyberg sottolinea l’importanza della prospettiva a lungo termine e della perseveranza nel settore dell’innesto, una visione condivisa da Karolina Lindström.

Non esistono soluzioni semplici. Si tratta soprattutto di rimuovere gli ostacoli e creare fiducia. L’innesto dovrebbe essere facile e ci si dovrebbe fidare della cura. Abbiamo il vantaggio di avere un cortile, centri per l’infanzia, dove incontriamo famiglie con bambini piccoli per un periodo di tempo più lungo e dove possiamo creare fiducia. Non ho alcuna esperienza da parte degli adulti, ma quando c’è una pandemia come questa … semplicemente non può essere facile, dice.

Professore di infezione asintomatica: “Non è così virulenta come si potrebbe pensare”

Di coloro che sono risultati positivi, il 96% ha manifestato sintomi.
Leggi di più: Vaccinazione contro la frustrazione – Non è possibile prenotare una seconda dose
Leggi di più: Altri effetti collaterali – se hai mescolato il vaccino
Leggi di più: Il primario ha risposto alle domande sul vaccino Covid