TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Obesità addominale legata all’infiammazione nelle donne anziane

L’infiammazione è la difesa del corpo contro lesioni o attacchi, come un’infezione virale o batterica. L’infiammazione in sé non è dannosa, ma un aumento cronico dei biomarcatori pro-infiammatori nel sangue – che l’organismo produce in uno stato di infiammazione – è associato ad un aumentato rischio di malattie cardiovascolari, malattie metaboliche e perdita di massa muscolare e forza muscolare in adulti più anziani.

Una nuova tesi mostra che il tessuto adiposo in eccesso, soprattutto nell’addome, potrebbe essere collegato all’infiammazione del corpo nelle donne anziane. Allo stesso tempo, ricerche precedenti hanno dimostrato che l’attività fisica e l’esercizio cardiovascolare aiutano a ridurre l’infiammazione nel corpo.

– È interessante notare che la capacità di fitness delle donne anziane che hanno partecipato allo studio non ha influenzato la relazione. Oscar Bergens, uno studente di dottorato presso l’Università di Örebro, spiega che questo dimostra l’importanza di ridurre il tessuto adiposo in eccesso per ridurre l’infiammazione nel corpo.

Scarsa salute muscolare nelle donne

Un sottostudio ha esaminato come l’infiammazione influisce sulla salute muscolare negli uomini e nelle donne di età compresa tra 65 e 70 anni. Mostra che alti livelli di biomarcatori pro-infiammatori possono essere associati a una cattiva salute muscolare nelle donne. La relazione era indipendente dall’obesità addominale, dall’assunzione di proteine, dall’attività fisica quotidiana e dall’attività di rafforzamento muscolare.

Tuttavia, questi risultati non si applicano agli uomini. Sono necessarie ulteriori ricerche per studiare la complessa relazione tra infiammazione e salute muscolare negli anziani, ma il genere è un fattore importante da considerare negli studi futuri.

Non è chiaro quali siano le differenze

Un’altra differenza tra uomini e donne è che le donne sedentarie sono risultate associate a livelli più elevati di biomarcatori pro-infiammatori nel sangue. D’altra parte, gli uomini sedentari sono associati a livelli più bassi di biomarcatori antinfiammatori responsabili della risoluzione dei processi infiammatori.

READ  Il personale rappresenta due casi su tre di infezione all'interno dell'ospedale universitario

Non sappiamo al momento perché vediamo questa differenza tra uomini e donne, ma mostra ancora una volta le differenze tra i sessi quando si tratta di infiammazione, spiega Oscar Bergens.

Tutte le forme di attività fisica hanno effetto

Con l’avvicinarsi dell’età pensionabile, negli anziani lo stare seduti fermi aumenta in modo significativo. La ricerca di Oscar Bergen mostra inoltre che tutte le forme di attività fisica, dalla bassa all’alta intensità, hanno un effetto positivo sull’infiammazione negli anziani. Quando le donne anziane hanno sostituito la seduta con 30 minuti di attività fisica, i livelli dei marker infiammatori sono diminuiti.

Sostituisci il più possibile la seduta con l’attività fisica. Con una maggiore attività fisica, si riduce la percentuale di grasso corporeo, che a sua volta può ridurre l’infiammazione. L’attività fisica aiuta anche gli anziani a mantenere la massa muscolare.

C’è qualche tipo di esercizio che dà un effetto migliore?

Vediamo che tutte le forme di attività fisica combattono l’infiammazione negli anziani, quindi devi adattare l’allenamento in base alle tue capacità, afferma Oscar Bergens.

tesi:

Infiammazione sistemica cronica, composizione corporea e comportamenti di attività fisica negli anziani

Contatto:

Oscar Bergens, dottorando presso la Graduate School invecchiamento di successo All’Università di Örebro, [email protected]