TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Ecco tutto ciò che sappiamo sulle varianti del virus

Il coronavirus è in continua evoluzione con nuovi tipi di mutazioni. Di solito non hanno alcun effetto, ma quando le mutazioni cambiano chiaramente le proprietà del virus, parlano di un nuovo tipo di virus.

Se le nuove caratteristiche significano che il virus è più facile da entrare nelle cellule del corpo, diventa altamente contagioso, dà sintomi più gravi o è riuscito a evitare gli anticorpi formati dai vaccini o da una malattia precedente, l’Organizzazione Mondiale della Sanità lo classifica come ” variabile di interesse “(VOC), o variabili di particolare interesse.

È difficile definire le caratteristiche che diverse varianti di virus hanno in una popolazione. Pertanto lo stato delle conoscenze è incerto ed è in continua evoluzione.

Ecco le quattro varianti che sono state classificate dall’Organizzazione Mondiale della Sanità come composti organici volatili e sono state recentemente focalizzate su:

B.1.1.7 – Variante britannica

La variante britannica è stata scoperta nel Regno Unito lo scorso autunno. Il primo caso è stato scoperto in Svezia nel dicembre dello scorso anno e da metà febbraio ha dominato il paese e anche in molti altri paesi europei, secondo l’Agenzia svedese per la sanità pubblica.

B.1.1.7 consiste di diverse mutazioni uniche per questa variante. Uno di questi (N501Y) è una mutazione associata a un aumento dell’infezione. Tuttavia, nessuna delle mutazioni sembra influenzare l’effetto dei vaccini sviluppati.

– È andata molto bene, ad esempio, la versione britannica. Il vaccino ha funzionato contro questo, afferma Thomas Bergstrom, professore di microbiologia clinica presso l’Università di Göteborg.

Recentemente, sulla rivista scientifica The Lancet sono stati pubblicati due studi, che hanno dimostrato che non esiste alcun legame tra la variante britannica e il decorso della malattia più grave.

READ  Il numero di fratelli e sorelle può essere collegato al rischio di malattie cardiovascolari |

B 1.351 – Alternativa sudafricana

La variante sudafricana è stata identificata alla fine di dicembre in Sud Africa, ma è stata rilevata anche in campioni all’inizio dell’autunno del 2020. Questa variante è stata trovata anche in Svezia, ma la prevalenza era limitata qui e in Europa secondo la sanità pubblica svedese Agenzia.

I risultati iniziali indicano un più alto tasso di infezione, ma non sintomi più gravi. Alcuni studi indicano che questa alternativa sarà un po ‘meno sensibile ai vaccini, ma anche i dati sono considerati “insoddisfacenti” qui.

Qui l’effetto del vaccino potrebbe essere leggermente peggiore, ma non così grave come pensavi dall’inizio. La cosa buona è che puoi aggiornare e modificare rapidamente la sequenza dell’RNA. Abbiamo una tecnologia che ci consente di aggiornare meglio il vaccino, afferma Thomas Bergstrom.

Pp. 1 – L’alternativa brasiliana

Il sostituto brasiliano è stato scoperto nel gennaio 2021 in Giappone, durante un test di routine su quattro persone appena arrivate a Tokyo dopo un viaggio nell’Amazzonia brasiliana.

Anche per quanto riguarda la variante del virus brasiliano P.1, si teme che possa essere più contagiosa. Ma finora non ci sono studi importanti che dimostrino che l’alternativa possa portare a malattie più gravi.

Determinare se una variabile è più letale dell’altra è molto difficile, afferma Thomas Bergstrom.

Possono esserci differenze nel tasso di mortalità, ma sono marginali. La cosa più importante è la questione del vaccino: abbiamo una protezione vaccinale o dobbiamo aggiornarla. È il vaccino, dice, che definisce tutto.

Il primo caso è stato trovato in Svezia all’inizio del 2021, secondo l’Agenzia svedese per la sanità pubblica.

READ  La tubercolosi si trasmette attraverso il cibo: 'non molti conoscono il pericolo'

B 1.617 – Variante indiana

Questa variante è stata identificata in India alla fine del 2020 ed è stata la più recente classificata dall’Organizzazione mondiale della sanità come composti organici volatili. Più recentemente, si è diffuso ampiamente in India ed è stato scoperto in oltre 30 altri paesi. Un certo numero di casi di variante indiana sono stati trovati in Svezia, ma finora non sembra avere una maggiore prevalenza.

Gli studi indicano che B.1.617 è più contagioso e ci sono sospetti che abbia una certa capacità di sfuggire agli anticorpi dalla vaccinazione e da malattie precedenti. Ma al momento ci sono ancora molti punti interrogativi e la maggior parte delle osservazioni indica che la vaccinazione fornisce in ogni caso una buona protezione contro i sintomi gravi.

È così che possiamo convivere con la corona in futuro: “come la malaria”

È così che la fase endemica può durare per diversi anni.
Leggi di più: Ricercatori: bambini vaccinati per fermare le mutazioni
Leggi di più: Il primario ha risposto alle domande sul vaccino Covid