TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Maiorca – Una chiamata ai proprietari di ristoranti: per favore, vieni qui!

Pubblicato:
Aggiornato:

Newsletter

Palma. Celia e Antonio hanno aperto il loro ristorante un mese prima che la Spagna chiudesse per la prima volta.

Finora sono sopravvissuti grazie a donazioni di denaro tramite una campagna di raccolta fondi. Ma ora dicono:

– Turisti, per favore, venite qui! Non viviamo senza di te.

Celia Riviere, 48 anni, e suo marito, Antonio Madureira, 45 anni, sono di Parigi. Hanno aperto il loro ristorante a Cala Major il 27 gennaio 2020 dopo una lunga ristrutturazione del luogo. Hanno avuto il tempo di essere orgogliosi e felici per meno di un mese. Quindi il paese è andato in blocco totale.

Abbiamo guardato molto al ristorante, ma ora è molto difficile finanziariamente.

La prima volta che Celia è venuta a Maiorca, sarebbe rimasta una settimana. Accadde che una settimana fosse trascorsa dieci anni prima del suo ritorno a Parigi. Lì conosce Antonio e insieme aprono un ristorante.

– Ma quando sono arrivate le giacche gialle e hanno rotto il nostro ristorante, ho pensato che per ora fosse abbastanza.

Celia Riviere, 48 anni, gestisce il ristorante con il marito.

Foto: Carolina Permo

Celia Riviere, 48 anni, gestisce il ristorante con il marito.

Foto: Carolina Permo

Il ristorante di Cala Major ha aperto un mese prima che la pandemia di Corona si diffondesse in pieno.

“Chi può prevedere una pandemia?”

Non pensare che la Francia sia lo stesso paese in cui sei cresciuto. Pertanto, gli sposi presero i loro nemici, portarono i loro averi e lasciarono il paese per sempre.

Ma chi avrebbe mai immaginato che ci sarebbe stata una pandemia e che avrebbe distrutto tutto?

READ  L'eroe dell'hotel Rwanda, condannato per terrorismo - rischia la vita

L’anno scorso, hanno dovuto avviare una campagna di raccolta fondi “Go Fund me”.

– È così che siamo sopravvissuti, che le persone hanno donato soldi.

Foto: Carolina Permo

“L’epidemia ha distrutto tutto”.

Foto: Carolina Permo

Il ristorante Montego Bay è sopravvissuto grazie a una campagna di raccolta fondi.

Guardando brillantemente al futuro

Ma Celia e Antonio vedono ancora un futuro radioso.

– Per favore, tutti voi, tornate a casa! È un’isola bellissima e qui puoi sentirti al sicuro! Dice Celia.

Foto: Carolina Permo

Celia vede un futuro luminoso: “può solo migliorare”

Celia ha molti amici nel settore della ristorazione che hanno perso il lavoro.

– Siamo fortunati ad avere un balcone e possiamo essere aperti. A nessuno è permesso sedersi nei ristoranti e mangiare come appare ora. Ma presto cambieranno, poiché le vaccinazioni stanno progredendo costantemente nel paese e l’incidenza è molto bassa. La Spagna ha ora restrizioni più severe, quindi possiamo aprire fino all’estate.

– È tragico, non vivremo senza turisti. Ma ora stiamo andando avanti, le cose possono migliorare.

Direttore dell’hotel: l’epidemia ha reso le persone più amichevoli

Isabel è una direttrice di hotel a Maiorca. Concorda con Celia e Antonio sul fatto che non dovresti aver paura di viaggiare qui come turista.

In hotel siamo molto attenti all’igiene, all’igiene e alla protezione della bocca. No, non c’è bisogno di aver paura. Se segui le restrizioni, va bene essere qui. In realtà abbiamo parecchie prenotazioni in futuro, il che è fantastico.

Foto: Carolina Permo

La direttrice dell’hotel Isabel è triste, ma guarda positivamente al futuro.

Isabelle ha pianto le perdite economiche che l’epidemia ha causato nel paese. Allo stesso tempo, pensi che abbia già un aspetto negativo positivo.

READ  L'Unione europea ha deciso di introdurre un passaporto per un vaccino comune

Penso che le persone ei turisti stiano diventando più amichevoli e comprensivi. Tutti sono stati colpiti da questa epidemia. Ogni paese e ogni persona. Povero e ricco. Penso di averlo fatto in modo che tutti si sentano più uguali, il che è molto bello.

Foto: Carolina Permo

L’azienda ha chiuso diversi hotel, costringendo molti a non operare per molto tempo. “Ora dobbiamo agire”, afferma il regista Isabelle.

Pubblicato:

Continuare a leggere