TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Mac Pro con M1 Max – Più di un semplice chip più veloce

Apple sta attraversando una transizione di due anni con i propri processori. Il gruppo di clienti di Apple è ora dotato dell’M1 incredibilmente veloce. Con l’ultimo lancio di M1 Pro e Max in Macbook Pro, abbiamo avuto un assaggio di ciò che Apple può fare per soddisfare le esigenze di prestazioni impostate dagli utenti esperti sul proprio Mac.

Quando si tratta di Mac per utenti esperti, di solito viene in mente il Mac Mac, la workstation più avanzata di Apple. Quali sono i vantaggi di M1 Max rispetto a Intel? Una parte importante è il processore grafico, che è tradizionalmente il tallone d’Achille più assetato di energia nelle workstation. Codec migliorati come ProRes, insieme a un SoC super veloce, saranno sufficienti perché il prossimo Mac Pro eviti di fare affidamento sull’elaborazione GPU?

Comprendendo il passato, o in effetti ciò che è disponibile oggi con il Mac Pro, saremo in grado di comprendere meglio la visione di Apple.

ProRes – La carta vincente di Apple

Intel Mac Pro ha un processore Xeon W a 28 core e ha un’opzione di aggiornamento bruciandoSchede e schede grafiche ad alte prestazioni. A prima vista, il processore M1 Max a 10 core e la GPU a 32 core sembrano patetici al confronto, ma ha un paio di assi nella manica: due encoder ProRes e un decoder integrati nell’M1 Max.

Scheda Apple Afterburner per Mac Pro 2019.

Prores, per cominciare, è il codec video proprietario di Apple, che sta diventando sempre più diffuso. Puoi persino registrare video in ProRes con iPhone 13 Pro. ProRes è importante perché offre ad Apple un vantaggio rispetto alle workstation tradizionali. Vediamo cosa significa rispetto all’attuale Mac Pro basato su Intel.

La scheda Afterburner, che costa 25.000 SEK per Intel Mac Pro, accelera la decodifica dei codec ProRes e consente di riprodurre più flussi video in 8k. Ammorbidisce anche il processore, che è tradizionalmente pesantemente caricato con Prores. Ma non accelera il processo di codifica, il che ne limita l’utilità. Il processore grafico Mac Pro soddisfa il suo scopo nella gradazione del colore, ma si sente a suo agio con altri codec, come R3D raw invece di ProRes Raw.

READ  I giovani dovrebbero essere avvertiti quando sono su Instagram da molto tempo

L’M1 Max ha fondamentalmente una scheda integrata di nuova generazione. Con due decodificatori ed encoder ProRes, è una simbiosi perfetta per l’ottimizzazione hardware e software, senza la necessità di potenza pura dalla scheda grafica.

Per vedere le sue prestazioni, abbiamo esportato un video raw ProRes di cinque minuti e 6k in ProRes 422 HQ in Final Cut Pro. Abbiamo testato un Mac Pro 2019 a 28 core con 96 GB di RAM, un AMD Radeon Pro W6800X Duo e senza Afterburner. I risultati sono stati confrontati con l’M1 Max Mac Book Pro, che ha un processore grafico a 32 core e 64 GB di memoria operativa. I risultati mostrano che la M1 Max ottiene ottimi risultati.

Misura le prestazioni del tuo Mac Pro
I risultati sono il tempo in secondi. Tempi più brevi/barre più corte sono più veloci. Il test è stato un’esportazione di video raw ProRes 6k di cinque minuti su ProRes 422 HQ.

Impressionante, non è vero? Gli encoder e i decoder Prores fanno ovviamente un ottimo lavoro, se ottimizzati in un programma come Final Cut Pro o DaVinci Resolve. ProRes è minimamente compresso e ha file di grandi dimensioni, rendendo la riproduzione fluida, anche su dispositivi più piccoli.

Oltre ai giusti miglioramenti, l’M1 Max supera il Mac Pro basato su Xeon con Afterburner, un computer molto più costoso. Ciò dimostra anche che il controllo di Apple sull’intero ecosistema (hardware, codec e software) offre la migliore esperienza utente.

La stessa funzione di velocità può essere applicata ad altri aspetti dell’editing video di Prores. Le attività pesanti come la riduzione del rumore e la stabilità sono generalmente più veloci sull’M1 Max (vedi i risultati dei test di seguito). Può anche riprodurre in streaming più video 8k ProRes contemporaneamente. La cosa migliore: puoi avere l’M1 Max Macbook Pro sulle ginocchia, in spiaggia, nei boschi o al parco, in qualsiasi parte del mondo.

Standard M1 Max
Riduzione del rumore. Risultati volte in secondi. Tempi bassi/barre più corte sono più veloci.
M1 Max. Standard
I test includevano il codec 4K ProRes 4444 XQ e Final Cut Pro. L’attività di stabilità ha utilizzato un video di un minuto. La riduzione del rumore è stata eseguita su un video clip di 20 secondi.

Cosa succede alle attività ad alta intensità di grafica

E se confrontassimo le prestazioni con un codec più tradizionale come R3D Raw? R3D Raw è un codec che richiede grafica, ottimizzato per hardware come AMD W6800x Duo. In questo giro di benchmark, il rendering in background di Final Cut Pro è disattivato e non dovrebbe creare un file ProRes ottimizzato. Questo ci permette di conoscere la potenza del processore grafico. AMD Radeon Pro W6800X Duo è stato installato su Mac Pro dal 2019.

READ  Sony prepara altri giochi Playstation per PC
M1 Max. Standard
Risultati volte in secondi. Tempi bassi/barre più corte sono più veloci. I test includevano un video R3D Raw 8k di cinque minuti di ProRes 422 in Final Cut Pro.
M1 Max. Standard
I risultati sono fotogrammi al secondo. I prezzi più alti/barre più lunghe sono migliori. I test hanno coinvolto la riproduzione di R3D Raw 8k in DaVinci Resolve.

Qui il risultato è l’opposto. Questo è un confronto di dispositivi senza ProRes. Anche le schede Afterburner di Mac Pro non sono state utilizzate e la funzione ProRes sull’M1 Max era scomparsa.

Per ora, i flussi di lavoro professionali e ad alta intensità di grafica devono ancora fare affidamento su computer come il Mac Pro, con l’M1 Max ancora in ritardo. Le applicazioni 3D come Octane X sono più veloci con le schede grafiche tradizionali.

Detto questo, la M1 Max è ancora un enorme passo avanti rispetto alla M1 originale. Un processore Apple in un Mac Pro con prestazioni grafiche scalabili dovrebbe ridurre il divario o addirittura superare le carte mostruose come l’AMD W6800x Duo in applicazioni pesanti.

Un punto importante per dimostrare le attuali capacità dell’M1: codec come il 422 4k a 10 bit della Canon R5 sono noti per mettere in ginocchio computer come il Mac Pro e persino piattaforme dotate di Threadripper RTX 3090. M1 Mac? Semplifica il lavoro con questi dispositivi e, grazie ai decodificatori hardware integrati, ignora la necessità di prestazioni grafiche grezze.

Dato il dominio di Apple su ProRes, non sorprende che questa sia una parte importante della loro strategia Mac. Ma i risultati con i flussi di lavoro GPU danno ancora un’idea di ciò che un Mac Pro con un processore Apple deve fare per eccellere in un flusso di lavoro basato su GPU.

Le voci dicono che il futuro Mac Pro avrà fino a 40 core del processore e 128 core grafici, oltre a una memoria di lavoro significativamente maggiore. Un importante vantaggio del SoC (System on a Chip) è che la comunicazione tra le parti è più veloce ed efficiente. Ad esempio, l’attuale M1 Max con 64 GB di memoria di lavoro condivide anche questo con la potenza della CPU, aumentando la velocità. Lo stesso vale per il Mac Pro con prestazioni due volte più veloci.

Mac Pro: il design conta

C’è un’area che rende sorprendente il Mac Pro 2019: la flessibilità. Il Mac Pro 2013, noto come Trash per via del suo design, era limitato dai limiti termici e dalla mancanza di una vera espandibilità.

READ  Days Gone 2 era la "Ultimate Edition" di Days Gone

Il Mac Pro 2019 ha tre enormi ventole e abbastanza slot PCi Express per soddisfare tutti gli utenti esperti. Se hai bisogno di più memoria di lavoro, una scheda grafica più veloce o anche un nuovo processore, puoi aggiornare te stesso. Puoi anche aggiungere GPU standard, come AMD Radeon 6900 XT, senza la necessità di un’unità mpx speciale.

Un Mac Pro con un processore Apple può eliminare alcune di queste esigenze con una GPU ad alte prestazioni e un software migliorato. La generazione di calore non è un problema, il telaio del Mac Pro probabilmente consentirà un migliore flusso d’aria rispetto al Macbook Pro.

M1 massimo
Foto: Thiago TrevisanGli utenti Pro hanno bisogno della capacità di scalare, ma questo è un vecchio pensiero e un processore Apple fornirà prestazioni sufficienti per eliminare la necessità?

Ma ci sono anche domande senza risposta sul prossimo Mac Pro. Il futuro Mac Pro potrebbe ancora aver bisogno di alcune possibilità per potersi espandere con le schede PCI Express che sono uno standard del settore. Con l’attuale design dei processori Apple, che hanno tutto integrato in un chip, non siamo sicuri di come o se Apple implementerà le funzionalità di aggiornamento.

prestazioni future

Apple ha una strategia chiara con il Mac: essere lo strumento definitivo sia per i professionisti che per i consumatori, soprattutto nella creazione di media. Come intendono farlo durante l’obsolescenza dei dispositivi tradizionali e potenti? La loro arma segreta risiede nella sinergia dei loro software come i codec ProRes, che forniscono file di alta qualità e prestazioni a livello di workstation. È anche alloggiato in un SoC molto potente ed efficiente, che consente una connettività veloce e scalabile.

Tutto questo dovrebbe avere un prezzo ragionevole e un consumo energetico migliore rispetto al Mac Pro 2019. Certo, il prezzo inizialmente più basso può essere compensato con meno opportunità di aggiornamento, il che aumenta la probabilità che tu debba acquistare un nuovo dispositivo quando è il momento di aggiornare. Non importa come Apple lo gestisce, sarà importante quanto le prestazioni per gli utenti esperti.

Tradotto e curato da Peter Arnstedt