TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Trump non è stato un caso GP

È passato un anno Da quando i sostenitori di Trump hanno preso d’assalto il cuore del Campidoglio degli Stati Uniti – il Campidoglio degli Stati Uniti – a Washington. Fu un attacco inequivocabile alla democrazia.

Come è potuto succedere?

Non è molto chiaro perché la supervisione dell’edificio del Campidoglio sia scarsa. Tuttavia, l’incompetenza sembra aver giocato un ruolo maggiore di qualsiasi piano consapevole per non proteggere il Parlamento.

tempesta Il Campidoglio, in nome dell’onestà, non dovrebbe essere descritto come un tentativo di colpo di stato. Ha reso il concetto relativo. Gli uomini che sono entrati in Parlamento non avevano un piano e non avrebbero avuto alcuna possibilità contro lo Stato americano. Tuttavia, la serietà non deve essere sottovalutata. Il simbolismo politico non è irrilevante, e il presidente uscente, Donald Trump, aveva apertamente messo in dubbio l’esito delle elezioni, legittimando così indirettamente il corso degli eventi del 6 gennaio 2021.

Gli eventi devono essere visti alla luce del fatto che la democrazia americana è in profonda crisi. Trump è certamente una persona unica in molti modi. Ma il suo movimento di “trombe” non è mai stato una libellula. Oggi Trump e i suoi sostenitori occupano una posizione dominante nel Partito Repubblicano.

Si può dire che le ragioni di ciò sono piuttosto complesse, ma non possono essere comprese senza tenere conto dello sviluppo della società in generale. Le analisi presumono che Trump sia stato un “punto nella curva” o che i suoi sostenitori siano stati temporaneamente tentati da graffi sulla superficie. La domanda a cui bisogna porsi e rispondere è perché così tanti americani erano disposti a sostenere Trump anche se così tanti di loro erano ben consapevoli di chi fosse. Il prerequisito per capirlo è la consapevolezza che gli Stati Uniti prima di Trump non erano in uno stato stabile di normalità.

READ  I russi vengono mandati in Serbia in autobus alla ricerca di vaccini approvati a livello internazionale

per decenni La disuguaglianza è aumentata negli Stati Uniti. Il lavoratore americano medio ha Non è autorizzata a partecipare Dal boom aumenta negli ultimi quarant’anni. I due partiti dominanti, il repubblicano e il democratico, avevano alleanze altrove rispetto all’elettorato. La sfiducia dell’élite politica era enorme e larghi strati della popolazione aspettavano solo Trump che potesse dare un dito all’establishment.

La disuguaglianza economica, che in mondi diversi contribuisce anche a molti presunti problemi culturali, è importante per la ragione dell’intensificarsi del conflitto politico negli Stati Uniti. Ma il modello in cui la destra politica si sta muovendo in direzione populista si sta ripetendo in tutto il mondo occidentale. Uno dei motivi è che per decenni la sinistra politica ha preso le distanze dal perseguire una politica di interesse per la classe operaia e si è invece concentrata più sui temi dell’identità e delle minoranze che sulla realpolitik economica. La sinistra politica è cambiata in senso lato prima della destra. Il populismo di destra può essere visto in gran parte come una reazione a questo cambiamento.

ma da un lato Anche il piano più profondo è che le società moderne sono cambiate radicalmente. La lotta organizzata a livello nazionale tra società industriale, lavoro e capitale è stata sostituita dalla globalizzazione, dalle migrazioni di massa e dalla frammentazione ideologica, mediatica e culturale. Sempre più persone lavorano nel settore dei servizi dove le differenze nelle condizioni di lavoro sono maggiori rispetto all’industria classica. Diverse minoranze hanno consolidato la loro posizione, in parte a scapito della maggioranza, anche se va ricordato che Trump ha effettivamente aumentato il suo sostegno tra molti gruppi minoritari durante il suo periodo al potere.

READ  L'uccisione dell'attivista provoca la rabbia dei palestinesi verso il loro regime

In effetti, Trump è passato un anno dall’assalto al Campidoglio nei sondaggi di opinione Il vincitore sul presidente in carica Joe Biden se si candida alla presidenza nel 2024).

Così La sinistra liberale americana, la cosa è chiara. Trump è una minaccia diretta alla democrazia come la conosciamo in Occidente. Questa potrebbe essere una vera analisi. Trump ha parlato solo pochi giorni fa supporto sincero Al presidente dell’Ungheria, Viktor Orban, il leader in Europa che ha preso una posizione chiara e ponderata contro la “democrazia liberale” a favore della “democrazia illiberale”.

Né Trump è il solo a lodare Viktor Orban nella destra americana, che è diventata più estrema nell’ultimo anno. Sempre più spesso, la politica negli Stati Uniti è vista come una lotta esistenziale per la vita o la morte. Nella “democrazia illiberale” la legittimità dell’opposizione non è riconosciuta.

questo significa Questo non vuol dire che la sinistra americana o l’establishment liberale negli Stati Uniti siano completamente innocenti. La sinistra radicale persegue una politica identitaria intransigente, non da ultimo dove la libertà di espressione e il merito sono in prima linea. Certo, l’establishment liberale, guidato da Joe Biden, sta cercando di ottenere un massiccio pacchetto di investimenti che potrebbe mitigare le contraddizioni, ma la domanda è se non ci si è svegliati troppo tardi. Da parte sua, l’establishment repubblicano ha svolto un ruolo distruttivo nell’evoluzione che ha portato a Trump, ed è oggi in una certa misura ostaggio dei suoi sostenitori.

L’Europa è in una posizione migliore degli Stati Uniti per resistere alla polarizzazione. Ma dovremmo considerare l’evoluzione come un esempio cautelativo. L’UE non dovrebbe evolvere negli Stati Uniti d’Europa, il che porterebbe alle stesse divisioni e distanze dal potere che hanno caratterizzato a lungo le politiche di Washington. La disuguaglianza economica non dovrebbe essere lasciata scivolare via – anche se non siamo vicini allo Stato americano – e la democrazia ha bisogno di istituzioni coese per funzionare. Non ultimo dei quali è qualcosa a cui pensare i liberali europei.