TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Mafioso italiano scoperto 20 anni dopo da Google Maps

L’assassinato italiano Gioachino Camino, 61 anni, è un membro del gruppo mafioso La Stida (“The Star”), una delle sue roccaforti nella città siciliana di Aguirre. Sfugge alla giustizia dai primi anni 2000.

Si dice che Camino abbia vissuto sotto falsa identità in Spagna negli ultimi vent’anni. Si è sposato, ha cambiato il suo nome in Manuel, ha lavorato come cuoco e possedeva un negozio di alimentari, scrive Difensore.

polizia italiana, Dopo tanti anni di lavoro e l’emissione di un mandato di cattura europeo nel 2014, dopo tanti anni di lavoro, Gioccino è riuscito a ritrovare Camino in Spagna. Ma la polizia ha affermato di poter trovare la posizione esatta solo tramite Google Maps.

In un’immagine satellitare di Google Maps, hanno visto due uomini parlare davanti a un negozio di frutta e verdura alle Galapagos, vicino a Madrid. La polizia ha scoperto che uno di loro somigliava a Camino.

I sospetti hanno avviato una nuova indagine, che ha portato la polizia a trovare altre foto sulla pagina Facebook di un ristorante vicino. Nelle foto, Gioacchino Gammino è vestito da chef. La cicatrice sul lato sinistro della guancia ha rivelato la sua identità.

Giudice Preliminare Francesco Lo Voy lavora nell’ufficio dell’avvocato di Palermo e ha condotto le ultime indagini.

– Non è come passare tutte le nostre giornate a cercare su Google Maps per trovare criminali in fuga. Stavamo arrivando, ma alla fine Google Maps ci ha aiutato, dice a The Guardian.

Il siciliano Il gruppo mafioso La Stida è un rivale della più potente e nota organizzazione Cosa Nostra. Gioacchino Gammino è ricercato per omicidio e diversi altri crimini legati alla mafia.

READ  Dejan Kulusevsky è la scelta perfetta per il top club della Premier League - potrebbe essere la grande firma di quest'estate

Attualmente è detenuto in Spagna. Reuters scrive che la polizia italiana spera di poterlo portare in Italia entro la fine di febbraio.

Non è la prima volta che una persona legata alla mafia viene arrestata con l’aiuto di informazioni su Internet. A marzo, Marc Feren ha scoperto Claude Biart nei Caraibi attraverso video di cucina fatti in casa, che lui e sua moglie hanno pubblicato online.