TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Elenco: le prime 10 medaglie svedesi alle Olimpiadi invernali

1. Nils van der Poel, pattinatore

Poco più di un anno fa, non molti svedesi lo avrebbero riconosciuto se lo avessero visto per strada, ma una lunga pausa dallo sport, il servizio militare ad Arvidsjaur e un brillante piano di allenamento hanno cambiato tutto per Nils van der Poel. Due medaglie d’oro ai Mondiali cinquemiladiecimila metri dopo e record mondiali su entrambe le distanze, il 25enne di Trollhättan è emerso non solo come squadra nazionale svedese, ma come uno dei più grandi vincitori d’oro in tutti i Giochi invernali a Pechino.

Nils van der Poel dopo il record mondiale di 5000 metri che ha stabilito nello Utah all’inizio di dicembre dello scorso anno.

Foto: Rick Bowmer/AP/TT

2. Staffetta, signore, pattini da fondo

Quando Len Svan si è infortunato alla spalla lo scorso inverno, uno dei più grandi salti olimpici della Svezia era sparito, ma nello sprint sembra esserci una primavera quasi senza fine con le pattinatrici svedesi del mondo in campo femminile. La vincitrice della Tour de Ski Points Cup Johanna Hagstrom dice che non le è permesso andare a Pechino, e in uno sprint – dove supponiamo che la coppia d’oro della Coppa del Mondo Maja Dalqvist e Jonah Sundling porti di nuovo a casa il premio di fiducia – è difficile sapere chi sarà in grado di La minaccia di una nuova vittoria svedese.

Jonna Sundling e Maja Dahlqvist dopo aver vinto l'oro ai Mondiali di Oberstdorf lo scorso anno.

Jonna Sundling e Maja Dahlqvist dopo aver vinto l’oro ai Mondiali di Oberstdorf lo scorso anno.

Foto: Lise Åserud / TT

3. Sandra Neslund, Skycross

Dopo aver perso una medaglia quattro anni fa a Pyeongchang, le aspettative per Sandra Neslund non sono crollate all’avvicinarsi delle nuove Olimpiadi. Lo scorso inverno, l’oro ai Mondiali è stato ad Edri, anche se il 25enne ha saltato l’intera stagione per un infortunio al ginocchio. La stagione in corso, d’altra parte, sta scorrendo indolore, e con le sue cinque vittorie in Coppa del Mondo in così tanti tentativi, è difficile ignorare Sandra Neslund come la medaglia d’oro nello skycross.

Sandra Näslund va alle Olimpiadi come una grande favorita dello skicross.

Sandra Näslund va alle Olimpiadi come una grande favorita dello skicross.

Foto: Daniel Stiller/Bildeberan

4. Maja Dalqvist, sci di fondo

La stagione 2021-2022 è stata la stagione in cui Maja Dalqvist è passata dall’essere una runner di classe A di livello mondiale a diventare la numero uno al mondo sulla distanza. Almeno questo è il caso a un mese dall’apertura delle Olimpiadi. In assenza di Lin Svan e, inizialmente, di Jona Sondling, il 27enne da solo ha assicurato la continua pole position della Svezia nella gara, con quattro vittorie in singolare della Coppa del Mondo su quattro possibili durante l’inverno più una vittoria a staffetta. con Sunding. Se tutto andrà come finora in questa stagione, sarà oro per il Dalqvist di Pechino.

Maja Dalqvist ha vinto tutte le gare della Coppa del Mondo prima delle Olimpiadi di Pechino.

Maja Dalqvist ha vinto tutte le gare della Coppa del Mondo prima delle Olimpiadi di Pechino.

Foto: Daniel Schaefer/DPA/AP/TT

5. Lag Eden, la rete

Ha ottenuto il quarto posto a Vancouver, il bronzo a Sochi e l’argento a Pyeongchang. A ciò si aggiungono sette medaglie d’oro agli Europei e cinque medaglie d’oro ai Mondiali, e non resta molto da battere il capitano Niklas Eden se non il più nobile dei culti anche alle Olimpiadi. Insieme a Rasmus, Rano, Christopher Sundgren e Oscar Ericsson, alla fine di novembre c’è stata la sconfitta finale del Campionato Europeo contro la Scozia. La speranza è vendetta a Pechino.

La medaglia d'oro olimpica è la scomparsa nella collezione di medaglie di Niklas Eden.

La medaglia d’oro olimpica è la scomparsa nella collezione di medaglie di Niklas Eden.

Foto: Geir Olsen/NTB/TT

6. Lag Haselburg, curling

Mentre il Team Eden ha vinto la maggior parte delle squadre maschili insieme alle Olimpiadi invernali, il Team Haselburg si è ritorto contro la parte femminile. Certo, la lista dei meriti include due ori ai Campionati Europei e due argenti ai Mondiali, ma il risultato principale della squadra di curling è senza dubbio l’oro olimpico a Pyeongchang quattro anni fa, quando erano i migliori quando si trattava di più. Anche il quartetto femminile che comprende Anna Haselburg, Sarah McManus, Agnes Knuchenhauer e Sofia Maberg ha perso di recente la finale del Campionato Europeo contro la Scozia, ma le attuali campionesse olimpiche non hanno altri piani che difendere l’oro del 2018.

L'argento del Campionato Europeo è stato davanti al capitano Anna Haselborg, qui con Sarah McManus a sinistra e Sofia Meberges a destra, al Lillehammer della Norvegia questo autunno.

L’argento del Campionato Europeo è stato davanti al capitano Anna Haselborg, qui con Sarah McManus a sinistra e Sofia Meberges a destra, al Lillehammer della Norvegia questo autunno.

Foto: Javad Parsa/NTB/TT

7. Frida Carlson, sci di fondo

Per due volte durante l’inverno Freda Carlson è riuscita a fare ciò che sembrava impossibile per lunghi tratti negli ultimi anni, sconfiggendo Therese Juhaug alla lunga distanza. Per sfondare il 33enne norvegese – a cui ancora manca un oro olimpico individuale – a Pechino, però, serve davvero qualcosa in più. A un mese dalle Olimpiadi, Carlson è lontana dal top della linea e sfortunatamente non è stata all’altezza delle aspettative nel Tour de Ski, che ha rotto prima del previsto.

Frida Carlson non ha avuto un tour di pattinaggio a rotelle di successo, ma il piano è di essere in buona forma per le Olimpiadi.

Frida Carlson non ha avuto un tour di pattinaggio a rotelle di successo, ma il piano è di essere in buona forma per le Olimpiadi.

Foto: Maxim Thori/Bildeberan

8. Staffetta di biathlon femminile

La staffetta svedese ha impressionato ai Mondiali di questa stagione vincendo e piazzandosi al terzo posto in due tornei. Argento olimpico e pari valore nei Mondiali 2019 fresco nella memoria, la Svezia può essere considerata una vera contendente, principalmente per la favorita Norvegia, per l’oro a Pechino – questa volta con il team building condito da Elvira Öberg che nella forma della sua vita ha vinto due campionati consecutivi: la Coppa del Mondo prima delle vacanze di Natale e Capodanno.

Mona Brorsson, Hanna Oberg ed Elvira Oberg dopo il terzo posto nella staffetta di Östersund.

Mona Brorsson, Hanna Oberg ed Elvira Oberg dopo il terzo posto nella staffetta di Östersund.

Foto: Maxim Thori/Bildeberan

9. Staffetta femminile, sci di fondo

Due dei nomi sono Frieda Karlsson ed Ebba Andersson, ma a parte questi, probabilmente non è chiaro come il Ct della nazionale Anders Bystrom modellerà la staffetta femminile, dato che la Svezia ha un’alta probabilità di vincere una medaglia. Durante l’unica staffetta di Coppa del Mondo finora, quando era anche con Moa Olsson ed Emma Rebom nella squadra, era secondo dietro alla prima Russia e davanti alla Norvegia, terza.

La staffetta svedese con Emma Rebom, Moa Olsson, Frieda Karlsson ed Ebba Anderson è arrivata seconda nella competizione di Coppa del Mondo a Lillehammer.

La staffetta svedese con Emma Rebom, Moa Olsson, Frieda Karlsson ed Ebba Anderson è arrivata seconda nella competizione di Coppa del Mondo a Lillehammer.

Foto: Marius Simensen/Bildeberan

10. Sebastian Samuelson, atleta sportivo

Data la combinazione di routine del torneo, precedenti medaglie olimpiche e risultati ottenuti durante la stagione in corso, Sebastian Samuelson può essere considerato l’atleta con le più grandi speranze a Pechino, anche se Elvira Oberg è più che impressionata prima delle vacanze di Natale e Capodanno e Hana Oberg è la campionato di pattinaggio artistico. Samuelsson ha fatto un altro passo avanti nel suo sviluppo, conquistando il quarto posto nella Coppa del Mondo nel suo complesso e finora può vantare quattro podi, di cui due vittorie.

Sebastian Samuelsson si è affermato al vertice del mondo ed è un forte contendente per la medaglia a Pechino.

Sebastian Samuelsson si è affermato al vertice del mondo ed è un forte contendente per la medaglia a Pechino.

Foto: Maxim Thori/Bildeberan

Le differenze: Ebba Andersson, sci di fondo, Jonna Sundling, sci di fondo, Oskar Svensson, sci di fondo, Almida de Val e Oskar Eriksson, curling (misto), Tre Kronor, hockey su ghiaccio (uomini), Sarah Hector, alpino, Christopher Jacobsen, Alpine, Anna Swain-Larson, Alpine, Parallel Team, Alpine, Elvira Oberg, Biathlon, Hanna Oberg, Biathlon, Martin Poncelloma, biathlon, staffetta mista, biathlon, staffetta maschile, biathlon, Sven Turgren, Snowboard, Henrik Harlot , Sci freestyle, Olor Magnuson, Sci freestyle, Eric Moberg Moberg, Skicross, Victor Anderson, Skicross.

Per saperne di più:

Pronti: Kala e Halvarson per le Olimpiadi

Travisamento: le stelle olimpiche esortate a prendere la terza dose

Pertanto, i giocatori SHL non possono essere sospesi dalle Olimpiadi

READ  Olimpiadi 2021 • Murat Aliyev in uno scandalo di boxe - si rifiuta di lasciare il ring