TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’orgoglio di Soweto, il centro commerciale Jabulani, saccheggiato e distrutto

I disordini in Sudafrica sono continuati martedì in gran parte del paese. In alcune città più piccole, i residenti hanno eretto muri umani attorno a centri commerciali, negozi di alimentari e stazioni di servizio per impedire l’ingresso dei ladri. Ma il quadro è diverso nella maggior parte dei luoghi: quello della distruzione totale.

Martedì sera, DN ha visitato il centro commerciale Jabulani nella parte occidentale di Soweto, che è stato prima attaccato lunedì pomeriggio e poi abbandonato tutto il giorno.

Hanno dirottato un camion della spazzatura e l’hanno guidato dritto attraverso i cancelli. Poi hanno preso d’assalto il centro commerciale, ha detto la guardia di sicurezza Kaya a DN.

La guardia di sicurezza Kaya ha detto a DN che un camion della spazzatura dirottato è stato usato per sfondare il cancello del parcheggio.

Foto: Eric Espornson

– Non c’era alcuna possibilità per noi di fermarli e la polizia non ha fatto nulla per impedire il saccheggio, dice.

dentro il centro commerciale Ogni vetrina è andata in frantumi. Gli incendi hanno attivato l’impianto antincendio e hanno coperto le falde acquifere. Non un singolo negozio ha articoli avanzati. Le facciate degli sportelli automatici sono state tirate fuori, gli edifici della banca erano vuoti e tutti gli edifici sono stati svuotati del loro contenuto. Tra le pile di spazzatura e gli avanzi di merce, i ragazzi Tommy e Tinashe vanno alla ricerca degli avanzi.

– Abbiamo due borse con del cibo e altre cose dentro, dice Tommy.

L'adolescente Tommy sta passeggiando per Jabulani con un amico per vedere se è rimasto qualcosa di valore.

L’adolescente Tommy sta passeggiando per Jabulani con un amico per vedere se è rimasto qualcosa di valore.

Foto: Eric Espornson

Alla domanda sul perché stanno partecipando مشاركته Nel saccheggio, entrambi sono un po’ timidi. Tommy borbotta qualcosa su “Zuma e Ramaphosa”, ma non dà seguito a nessun pensiero reale.

Certamente è iniziato con la politica e il diritto. La scorsa settimana, l’ex presidente Jacob Zuma è stato costretto ad arrendersi alla giustizia per scontare una pena detentiva di 15 mesi per aver sfidato la corte. La famiglia Zuma ha esortato i sostenitori a creare più caos possibile per protestare contro la decisione, e venerdì il traffico è stato interrotto sull’autostrada N3, che attraversa la roccaforte più forte di Zuma nella provincia di KwaZulu-Natal, che spesso abbrevia KZN. Ciò che è iniziato con i camion incendiati sull’autostrada si è esteso alla città portuale di Durban ea Johannesburg, il centro economico del paese, dove sono scoppiate le rivolte.

Nel fine settimana la situazione è completamente peggiorata. Ma il presidente Cyril Ramaphosa e il suo governo, che hanno costantemente cercato di stare alla larga dai giri legali intorno a Zuma, sono stati lenti nelle loro azioni, il che può essere spiegato in parte dal fatto che l’ANC al potere è diviso in due fazioni e quindi non non parlare. Una voce contro Zuma.

Ha preso d’assalto decine di migliaia di persone I centri commerciali di tutta Johannesburg stanno dando fuoco agli edifici nel centro della città. Al momento in cui scriviamo, almeno 72 persone sono morte in quella che il presidente Ramaphosa ha definito la peggiore esplosione di violenza nella storia democratica del paese. Le perdite finanziarie saranno calcolate in più importi.

– Possiamo uscire con te? Tommy dice: ‘Forse l’esercito ci prenderà fuori quando ci vedrà.

No, non puoi.

Nel parcheggio una dozzina di soldati sono di guardia, ma sostanzialmente non fanno nulla per mantenere l’ordine. Servirebbe molta più forza per fare la differenza in termini di sicurezza. Violenze e saccheggi stanno avvenendo in così tanti posti che la polizia non basta.

L'esercito è stato chiamato per assistere la polizia, ma come indicato, ai soldati è permesso proteggere la polizia solo nell'esercizio del loro potere - e se non c'è polizia sul posto, l'esercito rimane passivo.

L’esercito è stato chiamato per assistere la polizia, ma come indicato, ai soldati è permesso proteggere la polizia solo nell’esercizio del loro potere – e se non c’è polizia sul posto, l’esercito rimane passivo.

Foto: Eric Espornson

A Soweto, abbreviazione di Città del sud-ovest, i residenti hanno combattuto per decenni contro l’apartheid. La povertà è diminuita nella regione dalla transizione democratica negli anni ’90 e Jabulani è stato costruito 15 anni fa per la nascente classe media, durante gli ultimi anni di ottimismo del paese prima della Coppa del Mondo FIFA 2010. Il centro commerciale è diventato l’orgoglio della regione. Per Jabulani – che significa “essere felici” in lingua Zulu – gli adolescenti possono andare al loro primo appuntamento e le persone anziane possono comprare le loro fedi nuziali. Qui troverai negozi di abbigliamento, alimentari, banche e ristoranti. In totale, il centro commerciale ha più di 100 negozi con una superficie di 18.000 metri quadrati e ha fornito 1.200 posti di lavoro a tempo pieno. Ora tutto è completamente distrutto.

Di fretta, Esley Nkuna va in giro con alcuni amici e suo fratello gemello. È stato il padre, Mike Nkona, a costruire il centro commerciale e da allora lo gestisce.

– Tutto è stato investito nello sviluppo dell’economia locale nelle nostre città, dice Konon.

– Adesso fuma miliardi. E pensa a tutti i lavori che sono spariti in un colpo solo. Dice che ci vorrà molto tempo per ricostruire.

Perché pensi che questo stia accadendo?

– Non si tratta più di Zuma. Nkona dice che questo è un crimine nato dalla povertà, dalla fame e dalla disperazione.

La stessa classe media che commerciava Tuttavia, un Jabulani completamente devastato è sul punto di scomparire. Si prevede che un terzo della classe media in Sudafrica cadrà in povertà a causa della crisi economica. I blocchi per combattere il Covid-19, che sono stati tra i più duri al mondo in Sudafrica, sono stati disastrosi per un’economia già colpita. Attualmente, il paese è sotto i più severi livelli di blocco dallo scoppio della pandemia nel marzo 2020. Ma a nessuno importa più del virus.

Quando fa buio, i ladri osano tornare.  All'inizio sono stati intimiditi dal fischio dell'autobus di Elsey Nkuna, ma quando si sono resi conto che non c'era polizia sul posto, hanno continuato ad andare al centro commerciale.

Quando fa buio, i ladri osano tornare. All’inizio sono stati intimiditi dal fischio dell’autobus di Elsey Nkuna, ma quando si sono resi conto che non c’era la polizia sul posto, hanno continuato ad andare al centro commerciale.

Foto: Eric Espornson

l’oscurità scende Il parcheggio era vuoto e presto un centinaio di ladri iniziarono a intrufolarsi lungo l’ala ovest per cercare la merce avanzata nel grande negozio di alimentari Shoprite, il più grande dei suoi inquilini. Konna fischia ei ladri corrono verso il recinto rotto. Ma quando capiscono che non c’è polizia sul posto, tornano. L’esercito dovrebbe solo aiutare la polizia e senza la polizia sulla scena, non muove un dito.

– Nessuno sta facendo nulla, né la polizia, né il presidente Ramaphosa, dice: “Dobbiamo dimetterci”.

Leggi anche:

“La peggiore ondata di violenza nella storia democratica del Sudafrica”

Il centro di Johannesburg è stato paralizzato dalla violenza

READ  Il nuovo inviato americano è invitato in Corea del Nord