TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Lo studioso russo Martin Cragg parla della guerra in Ucraina

Copia cartacea da Dagens Nyheter, 03-06-2022 06:46

Titolo originale dell’articolo: https://www.dn.se/sverige/rysslandsforskaren-det-var-som-att-den-varsta-mardrommen-hade-intraffat/

Martin Cragg commenta la Russia quasi 24 ore su 24.  Dice che dalla guerra in Ucraina non può uscire nulla di buono.  Non sappiamo ancora quanto sarà rivoluzionario.

Martin Cragg commenta la Russia quasi 24 ore su 24. Dice che dalla guerra in Ucraina non può uscire nulla di buono. Non sappiamo ancora quanto sarà rivoluzionario.

Foto: Annette Nantel

Ce n’è uno prima del 24 febbraio e uno dopo il 24 febbraio per l’Ucraina, la Russia e il mondo. Anche per gli esperti, la vita è cambiata.

Dall’escalation della guerra, lo studioso russo Martin Cragg ha commentato costantemente l’evoluzione.

– Si dice che nessuno se lo aspettasse, ma noi che lo seguiamo da vicino da molti anni lo abbiamo già fatto.

abbonamento digitale

si prende cura!

Gratis per tutta l’estate!

Leggi tutti gli articoli gratuitamente fino al 15 agosto, Poi a metà prezzo per un anno intero (Solo 69 SEK/mese). Dopo il periodo della campagna, le parole vengono applicate. Prezzo 149 SEK/mese. non installare. Facile da cancellare online.


Facendo clic su “Accetta l’acquisto” acconsento Termini di abbonamento Conferma di aver letto Bonnier News Politica sui dati personali. Dagens Nyheter fa parte di Bonnier News AB, che è responsabile delle relazioni con i clienti e del trattamento dei tuoi dati personali. L’offerta è valida solo per i nuovi abbonati.

immagine 1 dalle 14
Relazioni e interessi portarono Martin Cragg in Russia e nelle ex repubbliche sovietiche. Dice di aver saltato tra discipline, storia appena mescolata, economia e scienze politiche.

Foto: Annette Nantel

immagine 2 dalle 14
Le giornate di Martin Cragg sono piene di incontri e discussioni. Qui visita l’ambasciatore del Giappone in Svezia, Noke Masaki.

Foto: Annette Nantel

immagine 3 dalle 14
Martin Cragg ha iniziato a scrivere il suo libro Fallen Empire due anni fa. L’editore lo incoraggiava e credeva che ci sarebbe stato un grande interesse nel comprendere meglio la Russia oggi.

Foto: Annette Nantel

immagine 4 dalle 14
Martin Cragg ha dedicato meno tempo del solito al suo studio al Foreign Policy Institute e le richieste di commento si sono impadronite della politica russa.

Foto: Annette Nantel

immagine 5 dalle 14
Dopo l’arrivo della primavera in vacanza, Martin Cragg vuole prendersi una pausa. Poi è andato nella costa occidentale e in Italia.

Foto: Annette Nantel

immagine 6 dalle 14
Al Foreign Policy Institute, Martin Cragg vive in una seconda casa, con colleghi che spesso diventano amici. Qui con l’ambasciatore del Giappone in Svezia, Noke Masaki, e Frederic Ludquist, all’UI.

Foto: Annette Nantel

immagine 7 dalle 14
Il caffè nella stanza ha un sapore migliore del distributore automatico nel corridoio nell’interfaccia utente, afferma Martin Kragh.

Foto: Annette Nantel

immagine 8 dalle 14
Martin Cragg è cresciuto a Södermalm e ora vive a sud di Söder.

Foto: Annette Nantel

immagine 9 dalle 14
Biblioteca Martin Cragg all’interfaccia utente.

Foto: Annette Nantel

immagine 10 dalle 14
Prima che Martin Cragg decidesse di intraprendere la carriera accademica, era un DJ. Dice che le condizioni del DJ non sono migliorate in modo significativo da quando ha lavorato. “Puoi far funzionare cilindri tra 20 e 03 per mille corone in mano, o un orso per un po’, ma non funziona a lungo termine.”

Foto: Annette Nantel

immagine 11 dalle 14
Martin Cragg potrebbe specializzarsi in botanica tra i dischi in vinile degli Snickars Records a Mosebacke per lunghi periodi di tempo.

Foto: Annette Nantel

immagine 12 dalle 14
La maggior parte della sua collezione di dischi è esaurita, ma ciò non gli impedisce di cercare nuovi pezzi rari.

Foto: Annette Nantel

immagine 13 dalle 14
Martin Cragg non vuole esprimere un parere sull’adesione della Svezia alla NATO, ma si accontenta di dire che sa esattamente cosa pensa la Russia su questo tema.

Foto: Annette Nantel

immagine 14 dalle 14
Martin Cragg con i colleghi del Foreign Policy Institute, Frederic Ludquist, Presidente del Center for Eastern European Studies, e (sullo sfondo) Hedvig Peterson, Coordinatore del Centro.

Foto: Annette Nantel


READ  La politica irresponsabile dei tassi di interesse ha messo la Banca centrale europea in un angolo