TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Linus Lundqvist investe in Indycar 2022

Pubblicato:

Linus Lundqvist ha iniziato la stagione al primo posto, con una vittoria, un secondo posto e un vantaggio nel torneo.

Foto: Fotografia di Gavin Baker / Road to Indy

Linus Lundqvist ha iniziato la stagione al primo posto, con una vittoria, un secondo posto e un vantaggio nel torneo.

Sportblade

Linus Lundqvist sa che solo le vittorie contano.

Altrimenti, la professione potrebbe essere finita.

Ho un piano e una via da seguire. Vincere. Non ci sono alternative, dice il 22enne.

Finora, il giovane pilota automobilistico è riuscito bene. Ha vinto la gara di Formula 3 britannica nel 2018, e l’anno successivo è arrivato quinto all’Euroformula Open venendo a malapena sconfitto tra gli altri, tra gli altri, da Yuki Tsunoda che ora sta gareggiando in Formula 1. Lo svedese era considerato uno dei grandi talenti che l’occasione è arrivata in F1, ma l’anno scorso ha scelto di lasciare l’Europa e investire tutto nelle corse americane.

Il motivo era semplice.

Riguardava l’economia.

Sotto IndyCar, esiste un sistema di borse di studio che fornisce assistenza all’eroe nel finanziamento della prossima stagione, qualcosa del genere non si trova nella serie che alla fine culmina nella Formula 1.

Qui posso assicurarmi il futuro attraverso le prestazioni, quindi è chiaro per me scegliere questo “, spiega Linus Lundqvist.

Domina la Formula 3 americana 2020, dandogli una possibilità a IndyLights, il campionato sotto IndyCar. Lì è un debuttante, ma dopo aver vinto ed essere arrivato secondo alla premiere, è in testa al campionato in maniera massiccia.

È stato un grande fine settimana ed è stato molto importante per me e per la squadra iniziare bene. “Fatti un’idea su cui possiamo costruire prima di questo fine settimana”, afferma Lundqvist.

READ  Qui, un paziente su quattro con coronavirus viene assistito da un ventilatore

La vittoria porta Lundqvist a IndyCar 2022

Poi due gare attendono sul tracciato cittadino di San Pietroburgo, molto affollato tra le mura.

Per me è importante massimizzare ogni sessione, non ho esperienza con il percorso, che hanno molti dei miei concorrenti. Sono pronto ad accettare la sfida e ottenere il massimo da me stesso e dalla macchina, dice

Dal momento che IndyCar ha un sistema di punti leggermente diverso rispetto alla sua controparte europea, non si tratta solo di vincere le gare, ma anche di quanto siano vulnerabili le tue gare peggiori. Qui si premia quando si è alla pari, è importante guidare con velocità e intelligenza.

Punta alla vittoria in IndyLights

Il suo intero futuro dipende dal suo risultato. La vittoria in IndyLights garantisce tre partenze in IndyCar 2022, una delle quali è la classica Indy 500. Per avere successo, deve affrontare diversi tipi di ippodromi come i circuiti tradizionali, i circuiti cittadini e gli ovali, e si esibisce bene in tutte le gare della 20a stagione. Lundqvist non ha molta esperienza né con gli itinerari cittadini né con le ellissi, ma poiché è il titolo di IndyLights che gli garantisce continuità nel business, è determinato ad avere successo.

Ho sempre dovuto vincere per continuare la mia carriera. È diventata una parte normale della mia vita. Sono il più grande critico e mi faccio molta pressione. Linus Lundqvist dice che cerco sempre di ottenere il massimo dal mio branco e di vincerlo, in ogni gara e in ogni torneo.

– È il mio piano e la mia strada verso la vetta.

READ  Ecco le ultime offerte privilegiate

Blog di F1 sulla proposta di gestire F1 e IndyCar insieme

Foto: Fotografia di Gavin Baker / Road to Indy

Foto: pubblicazioni Motorsport

Linus Lundqvist investe in IndyCar

Anna Motor – Ice Cream Snack This Week 24 aprile

primo posto

Max Verstappen

Batte Imola, e dopo due gare, c’è differenza di punti tra il leader Lewis Hamilton e il secondo Verstappen. Il punteggio magro era perché Hamilton aveva il giro più veloce. La F1 del 2021 potrebbe essere un grande duello e dare un’idea di come appariva la F1 negli anni ’90.

2) San Pietroburgo

IndyCar gareggia sulla pista cittadina in Florida. Alex Palou ha vinto una premiere ricca di azione la scorsa settimana, ma questo è un percorso su cui prosperano piloti come Will Power, Jose Newgarden e persino Felix Rosenqvist. Marcus Erickson, otto alla premiere, affamato di vendetta.

3) Lando Norris

L’inglese McLaren è terzo in Coppa del Mondo dopo due gare di Formula 1 e ha iniziato molto meglio del compagno di squadra esperto Daniel Ricciardo.

4) Marc Marquez

L’ex campione del mondo di moto è tornato dopo una lunga assenza per infortunio. Si è classificato settimo, ma dovrebbe essere migliore a Jerez il prossimo fine settimana.

READ  Il gigante ferroviario tedesco sfida la SJ e la MTR tra Stoccolma e Göteborg

5) Johann Kristofferson

Il tre volte campione del Rally Cross correrà la prima del Nordic Rallyx in Danimarca all’inizio di maggio. Ha in programma di completare l’intera stagione.

6) Zach Brown

La McLaren ha squadre in Formula 1 e IndyCar e il loro CEO vuole vedere un evento congiunto a Indianapolis. Parla di un weekend da sogno per tutti gli appassionati di corse!

7) Tom Christenson

Il campione JWRC farà il suo debutto al WRC2 in Croazia questo fine settimana. Dennis Radstrom gareggia nella classe RC4.

8) Indy 500

Indianapolis Motor Speedway prevede di utilizzare il 40 per cento della capienza del pubblico per la Indy 500. Dà a 135.000 spettatori, in maschera, la possibilità di assistere alla gara dal vivo su una pista di quattro chilometri.

9) Jessica Buckman

Al Suwaidi è diventata la prima donna del WTCR. Lei e suo fratello Andreas stanno gareggiando contro la squadra italiana e la stagione inizia a giugno.

10) Miami

Dal 2022, la F1 si terrà in Florida, negli Stati Uniti.

Motore in stallo

M Sport

Il classico team WRC minaccia di lasciare il WRC se i nuovi regolamenti verranno spostati dal 2022 al 2023.

– Non entra nella domanda per noi. Stiamo collaborando con Ford, quindi collaboriamo solo con il prossimo anno se viene introdotta l’Hybrid, non possiamo fare a meno del loro supporto, afferma il team manager Richard Millener motorsport-total.com.

Pubblicato:

Continuare a leggere