TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Lindy era preoccupata per il riarmo nell’Artico

C’è molto più interesse ora da Stati Uniti, Russia e Cina per la regione. Queste sono domande sulla politica di sicurezza, afferma il ministro degli Esteri svedese Anne Linde (S) in un’intervista telefonica da Reykjavik.

Mercoledì sera ho avuto un incontro bilaterale con il Segretario di Stato americano Anthony Blinkin e successivamente con il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov.

L’incontro si apre ufficialmente la sera prima di giovedì.

Ma la riunione del Consiglio artico è stata irta di proposte di politica di sicurezza dalla Russia e dagli Stati Uniti. Il livello di irritazione era molto alto.

L’aggiornamento è minaccioso

“Siamo preoccupati per alcune delle maggiori attività militari nell’Artico”, ha detto Blinken martedì.

– Aumenta il rischio di potenziali incidenti e mina l’obiettivo comune, che è un futuro pacifico e sostenibile per la regione.

Da parte sua, Lavrov ha affermato che l’attività militare della Russia nell’Artico è conforme alle leggi vigenti.

È stato chiaro a tutti per molto tempo che questa è la nostra terra, il nostro paese. Lavrov ha detto all’inizio di questa settimana che siamo responsabili della sicurezza lungo la costa artica.

Lindy è preoccupata:

– È molto preoccupante. Se un paese si sposta nella regione, ci saranno ovviamente delle contromisure. Non è nell’interesse della Svezia diventare una regione con maggiori sforzi militari e più armi nelle nostre immediate vicinanze.

C’è un motivo per cui Blinken trascorre molto tempo qui in Islanda, poi va in Groenlandia, continua Lindy, che allo stesso tempo afferma che la cooperazione con la Russia nell’Artico è attualmente buona, nonostante il rapporto tra l’Unione Europea e la Russia è vicina allo stallo in materia.

READ  Donald Trump può candidarsi alla Camera dei rappresentanti

Una minaccia alla sicurezza per la Russia

Il cambiamento climatico sta interessando l’Artico e ha conseguenze dirette per la politica di sicurezza. Quando il ghiaccio si scioglie, le opportunità per il commercio e il trasporto in tutta la regione aumentano.

Ma rappresenta anche una minaccia alla sicurezza per la Russia.

Quando il ghiaccio spesso 1 km si scioglierà, la Russia crede di dover essere equipaggiata, e allora la NATO dovrà rispondere. Quindi ci sarà un aggiornamento nell’area che vogliamo come zona a bassa tensione.

Linde spera che il Consiglio artico ei suoi otto Stati membri parteciperanno agli sforzi per prevenire la pace, i problemi climatici e le infrastrutture e che le persone saranno in grado di vivere e lavorare nella regione.

Domani la Russia assume la presidenza dall’Islanda. Dopodiché, vogliamo che la Russia continui su questi problemi, non per ampliarli con la politica di sicurezza, afferma Lindy.

Ida Vanhainen / TT

Grim Berglund / TT

Il segretario di Stato americano Anthony Blinken e il ministro degli esteri svedese Anne Linde (S) si trovano a Reykjavik. Foto: Saul Loeb / AP / TT