TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Descrivere la situazione dell’immigrazione a Ceuta come una “grave crisi”

Alla luce del sole del primo mattino, alcune persone sono state viste strisciare a terra nella regione spagnola di Ceuta.

Le persone che stavano nuotando a 200 metri dal lato marocchino del confine sono state accolte dalla Guardia civile spagnola, equipaggiata con scudi antisommossa e manganelli. Nessuna violenza è stata usata contro i nuotatori mattutini che sembravano stanchi di nuotare, e invece sono stati rimandati di nuovo in Marocco senza protestare.

Scene simili nei giorni Lungo le rive di Ceuta, il ristagno con la regione di Melilla è l’unico confine terrestre dell’Unione europea con l’Africa. La posizione geografica significa che le persone cercano regolarmente di attraversare il confine nella speranza di un futuro migliore in Europa.

Negli ultimi giorni, il flusso di persone è aumentato a un ritmo record: 8.000 persone hanno attraversato il confine dal Marocco alla Spagna in una sola settimana. Le autorità spagnole ne hanno rimpatriato più della metà in Marocco.

Il primo ministro spagnolo Pedro Sanchez ha visitato l’ufficio martedì, descrivendo l’afflusso di migranti nel paese come una “grave crisi” sia per la Spagna che per l’Europa.

Martedì ha chiamato La Spagna ha convocato l’ambasciatore marocchino per ricordare che il controllo delle frontiere è una “responsabilità condivisa”, secondo il ministro degli Esteri Arancha Gonzalez Laya.

La situazione tra Marocco e Spagna è tesa da quando è emerso che il leader del Fronte Polisario Ibrahim Ghali era in cura per COVID-19 in un ospedale spagnolo. Il Fronte Polisario si batte per l’indipendenza del Sahara occidentale dal Marocco e il governo di Rabat è teso per il ricovero in ospedale. Alcuni vedono l’incapacità del Marocco negli ultimi giorni di controllare il valico di frontiera come un modo per far pressione sulla Spagna.

READ  Tanya non può lasciare l'Ucraina: sua madre è paralizzata

In un commento interpretato come un cattivo segreto per il Marocco, il commissario dell’Unione europea Margaritis Chinas ha affermato che l’Europa “non sarà intimidita da nessuno” e che l’Europa “non sarà vittima di questo tipo di tattica”.

Leggi di più:

Il Marocco è chiamato a fermare gli immigrati

2.700 immigrati si trasferirono a Ceuta, in Spagna