TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Corona in India: i medici muoiono e vengono picchiati

Pubblicato:
Aggiornato:

Newsletter

Fuochi temporanei vengono utilizzati per cremare i morti nella seconda ondata che ha colpito duramente l’India.

Negli ospedali la situazione è disperata.

Migliaia di medici sono morti e molti sono stati picchiati da parenti arrabbiati.

– Quando chiudo gli occhi, vedo qualcuno che ha bisogno del mio aiuto, dice l’infermiera al mio lubrificante Kumari.

Il martedì ha stabilito nuovi tristi record in India. Ufficialmente, 4.329 persone sono morte a causa di COVID-19 nel giorno più mortale finora.

Finora 25 milioni di indiani sono stati trovati infetti dall’inizio dell’epidemia. Ma si ritiene che i tassi di infezione e di mortalità siano molto più alti di quanto riportato ufficialmente.

L’IHME, Institute for Health Accounts and Evaluation dell’Università di Washington, ha dichiarato in un’analisi che il bilancio delle vittime in India è tre volte superiore a quanto annunciato dalle autorità.

Gran parte dei rapporti della seconda ondata in India riguardavano incendi improvvisati appiccati in parchi, parcheggi e altri luoghi pubblici nella megalopoli di Delhi per incenerire chiunque morisse di malattia.

Foto: Channi Anand / TT NEWS AGENCY

Un dottore morto

Proliferavano anche foto orribili di persone alla disperata ricerca di ossigeno, che facevano gli ultimi respiri per strada, senza aver mai avuto la possibilità di trovare un letto d’ospedale.

Per gli operatori sanitari la situazione è disperata.

Secondo la Federazione dei medici del paese, più di 1.000 medici sono morti a causa di COVID-19, un quarto dei quali dall’aprile di quest’anno. Si stima che il 40% dei medici sia infettato dal virus.

READ  Migranti afgani intrappolati nella zona neutrale tra l'UE e il dittatore

I dati sugli infermieri e altro personale sanitario non sono disponibili, Lo afferma il New York Times In una recensione.

RK Himthani, capo del dipartimento del Patra Hospital di Nuova Delhi, è diventato uno dei 12 pazienti che sono morti lo stesso giorno in cui l’ospedale era completamente privo di ossigeno per 80 minuti disperati.

Aveva trattato pazienti con Covid-19 per 14 mesi prima che lui e sua moglie contraessero l’infezione.

Quando l’ossigeno è finito, il direttore dell’ospedale Shiv Sharan Lal Gupta, amico e collega di RK Himthani da 30 anni, è corso avanti e indietro per i corridoi dell’ospedale alla ricerca di qualcuno che potesse aiutare: autorità, media, chiunque.

Quando il corpo di R. K. Qui dall’ospedale, il personale è uscito all’ingresso principale per mostrare il proprio rispetto per il collega, poi è tornato e ha proseguito, Scrive per il New York Times.

– Finalmente è arrivato l’ossigeno ma non siamo riusciti a salvare le dodici vite, compreso il mio amico. “Ci sentiamo molto svuotati e impotenti in questi giorni”, ha detto al New York Times il direttore dell’ospedale Gupta.

– Non dormo da molto tempo.

Foto: Rafiq Maqbool / TT News Agency

Salva i malati

La paura che i pazienti malati vengano infettati è così grande che in alcuni stati dell’India ci sono stati avvertimenti che i medici si rifiutano semplicemente di curare i pazienti e li lasciano morire da soli.

I dispositivi di protezione per gli operatori sanitari sono spesso carenti e talvolta quasi inesistenti.

Ma per la maggior parte degli operatori sanitari che fanno del loro meglio per prendersi cura dei malati, sono impegnati in una battaglia difficile da vincere. Anche prima della pandemia, l’India aveva una quota molto ridotta di assistenza sanitaria addestrata pro capite.

READ  La meteora si è schiantata sul letto di Ruth mentre dormiva

– Quando chiudo gli occhi, vedo qualcuno che ha bisogno del mio aiuto. Quando dormo, vedo persone ovunque che chiedono aiuto. “Mi ha dato la forza di andare avanti”, dice l’infermiera Shami Kumari in Bihar Anche il New York Times.

Il dottor Lukesh Tiwari in un altro ospedale del Bihar ha detto al New York Times che circa la metà dei dottori e del personale medico ha perso membri della famiglia.

Tiwari afferma che 400 letti nelle suite standard e 80 letti in Eva sono pieni 24 ore su 24 ogni giorno.

Medici e infermieri sono stati così sconvolti che tutti i dipendenti e le loro famiglie stanno ricevendo aiuti in caso di crisi.

Quando vedi persone che camminano in giro con un bell’aspetto, poi improvvisamente collassano e muoiono entro un’ora, ciò influisce sulla tua salute mentale, dice Lukesh Tiwari. Anche il New York Times.

Il rischio di violenza nei corridoi

Un’altra cosa che i lavoratori degli ospedali sovraffollati devono temere: la rabbia dei parenti.

Molti incidenti in cui membri della famiglia arrabbiati di pazienti deceduti o morenti hanno aggredito medici e infermieri nelle sale d’attesa e le ali si sono allargate ai film. Scrive per il New York Times.

Anche gli operatori sanitari sono stati derisi e minacciati da bande e bande locali.

Tutti quelli che vengono sono ansiosi e la cosa più piccola può fare un gran rumore. La gente non capisce la situazione, dice al quotidiano JA Gialal, che guida l’organizzazione medica del Paese.

Pubblicato: