TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’India dice no alle sanzioni e compra più petrolio russo

La Russia ha subito dure condanne e sanzioni in seguito all’invasione dell’Ucraina.

Ma l’India si rifiuta di schierarsi nella guerra e coglie invece l’opportunità di contrattare.

Il paese ha fortemente aumentato le sue importazioni di petrolio russo, al prezzo di rivendita.

All’inizio di marzo, l’Assemblea generale delle Nazioni Unite ha votato una risoluzione che richiedeva Russia dovrebbe ritirarsi da Ucraina. La stragrande maggioranza dei paesi del mondo ha votato a favore della risoluzione.

L’India si è astenuta dal voto.

E dietro la decisione si nasconde un grande equilibrio politico.

Il presidente indiano Narendra Modi ha espresso preoccupazione per la situazione in Ucraina, ma non ha condannato l’invasione.

petrolio greggio a buon mercato dalla gru russa

Mentre l’UE si sta ora muovendo verso la graduale eliminazione del petrolio russo, l’India sta facendo il contrario e sta aumentando le sue importazioni di petrolio greggio dalla Russia. Due mesi dopo l’invasione dell’Ucraina, il paese ha importato abbastanza petrolio russo per tutto il 2021, secondo Reuters.

L’aumento dei prezzi del petrolio e il calo dell’interesse per il petrolio russo hanno consentito alle raffinerie indiane di operare a prezzi di rivendita.

“Vogliamo proteggere il più possibile i clienti dagli shock dei prezzi, ma dobbiamo anche proteggere i nostri profitti… Ecco perché acquistiamo petrolio russo”, ha detto a Reuters un rappresentante di una raffineria.

Il presidente Modi ha espresso preoccupazione per la situazione in Ucraina, ma non ha ancora condannato l’invasione illegale. Non ci sono state nemmeno sanzioni contro la Russia.

READ  La Russia prende d'assalto l'acciaieria Azovstal a Mariupol

Narendra Modi Parla sia con Putin che con Zelensky. Anche Boris Johnson e Sergey Lavrov hanno visitato l’India.

Non vuoi “piacere al mondo”

La politica di neutralità è un equilibrio tra Oriente e Occidente. Tra i leader in Occidente c’è malcontento per il fatto che la più grande democrazia del mondo non vuole fare nulla in comune contro la Russia.

ministro degli esteri indiano Subramaniam Jaishankar ha recentemente difeso la posizione del Paese in una conferenza sulla sicurezza.

L’Assemblea generale delle Nazioni Unite ha votato una risoluzione che chiede alla Russia di ritirarsi dall’Ucraina.

– Dobbiamo difendere la nostra identità. Penso che sia meglio coinvolgere il mondo in base a chi siamo, piuttosto che compiacere il mondo come un’imitazione sbiadita di chi siamo, dice Jaishankar, secondo Deutsche Welle.

L’equilibrio tra le grandi potenze

L’India ha una tradizione di buoni rapporti con la Russia. Dopo la dominazione britannica, c’è una precisa volontà di difendere la propria indipendenza. Inoltre, la maggior parte delle armi dell’esercito sono russe. Per citare alcuni fattori.

Ma le relazioni tra India e Stati Uniti – nonostante la questione Ucraina – sono più forti del previsto, secondo l’ex consigliere per la sicurezza del Paese, Shivshankar Menon.

Vorremmo sottolineare principi comuni e valori democratici, ma la solida base sono gli interessi comuni, afferma Menon Politica estera.

Respingere l’India di 1,4 miliardi di persone e imporre un blocco politico con Cina e Russia sarebbe uno scenario da incubo per l’Occidente. Qualcosa di cui il governo di New Delhi è ben consapevole.

READ  La dichiarazione di Joe Biden ha suscitato indignazione in Ucraina