TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

"Libertà di autodifesa" di Henrik Johnson

“Libertà di autodifesa” di Henrik Johnson

dibattito di destra Henrik Johnson Dal 2017, ha attirato un gran numero di spettatori sul suo canale Youtube poiché pubblica una nuova clip ogni sabato basata sulle sue opinioni politiche. Era vestito in modo uniforme, ben filtrato, ben dettagliato e puntato intensamente, chiedendo abili contributi alla sua stampa indipendente per illustrare i costi dell’integrazione svedese con estratti da Quentin Tarantinos “Tank Dogs” e sotto la vignetta “Henrik Explains” raccontano cos’è la critica normativa e come porta a una rivoluzione culturale.

“Libertà di autodifesa. Un manuale sul campo per gli individui. “

Il suo primo libro, “Libertà di autodifesa”. La People’s Field Guide, è una sorta di riassunto dei contenuti del canale. Il libro contiene i classici punti di vista neoliberisti sulla cultura del mercato esentasse e il tributo di Randan all’imprenditore indipendente. Qui troverai anche i riferimenti più popolari ai testi basati sul pensiero da libertari maschi come Aristotelee Platonee Voltairee okham rasoio da barba, John Stuart Mille “Game of thrones”, “Company of Dead Poets”, “House of Cards” e Pippi Calzelunghe.

Ma qui c’è anche qualcos’altro. Dopo ogni capitolo che approfondisce argomenti come “denaro” o “media”, c’è una raccolta degli argomenti della classe e un elenco puntato chiamato “rappresentazione”. È una specie di elenco di auto-aiuto con suggerimenti e suggerimenti. “Sii autosufficiente”, “Impara a cacciare, creare e produrre le cose di cui hai bisogno”, “Non pagare per i media che ricevono denaro dallo stato”, “Assumiti la responsabilità delle tue azioni e atteggiamenti” e “Educati alla classica cultura” Alcuni punti .

Qui Johnson lascia il divertimento Lascia fareIl liberalismo che caratterizza molte altre illazioni e diventa più di un leader severo. Forse è un tentativo di guardare avanti al ruolo dello svedese Giordano B. Peterson? In ogni caso, vedo come i giovani di destra, persi nel tempo della critica abituale e del tardo capitalismo, siano presi in pugno e abbiano qualcosa da conservare; Licenza di caccia, media alternativi o lettura di filosofia classica. Johnson, in qualità di imprenditore, potrebbe aver condotto un’analisi della folla così mirata dei suoi abbonati al canale Youtube e aver trovato una sezione a cui scrivere.

In breve: in termini economici la Svezia ha intrapreso un percorso neoliberista, ma in termini ideologici, la politica dell’identità penetra nella società.

Il punto generale del libro è che la sinistra ha vinto la cosiddetta “guerra culturale” consentendo alla diversità, all’intersezionalità e alla critica delle norme di permeare le principali istituzioni ideologiche della società come la vita culturale, l’istruzione e i media.

READ  L'emergere dello stato-nazione è un buon modello per l'integrazione globale

Johnson si riferisce al marxista italiano Gramchies L’idea di “egemonia culturale”. Il concetto descrive come la classe dirigente può dominare attraverso la cultura della società – i suoi costumi, comportamenti, esperienze e valori – in modo che il modo di vivere e la visione della classe dirigente diventino normativi e rendano la situazione politica, sociale ed economica. La società sembra naturale e inevitabile.

La tesi di Johnson è che nel decennio successivo alla caduta del muro, la sinistra ha perso il suo dominio sull’economia svedese, ma ha invece sviluppato un’egemonia culturale identificando e combattendo per le cosiddette “classi deboli”. In breve: in termini economici la Svezia ha intrapreso un percorso neoliberista, ma in termini ideologici, la politica dell’identità penetra nella società. Le scuole charter quotate e le società a scopo di lucro devono anche lavorare con le critiche agli standard e agli schemi di parità di trattamento, e le aziende globali ora si sentono in dovere di puntare al femminismo veglia O il pensiero climatico nel loro marketing.

Trovo difficile vedere qualcuno a sinistra del centro liberale considerare questa una vittoria socialista. Invece, di solito fa così caldo da sinistra che immaginare la fine del capitalismo sembra più difficile che immaginare la fine del mondo.

Quindi siamo in una situazione in cui nessuno sente di avere il vento in poppa. In vista della campagna elettorale del 2022, sia la sinistra che la destra ideologica entrano con la loro autopercezione di perdenti. Lasciato in una società del lusso lacerata dalla privatizzazione, dalla quotazione in borsa e dalla gestione del mercato nel bel mezzo di un crollo climatico in corso. Il diritto a molta diversità e uguaglianza nei piani di transazione che governano le istituzioni importanti e quindi l’intero discorso sociale, comprese le imprese e il mercato.

Ma quel paragrafo ci dice qualcosa su dove si trova ora il giuramento.

Forse è questo senso di perdita che Johnson, come molti altri a destra, si pone e oscilla tra le idee neoliberiste di ieri e le idee più autoritarie di oggi. Critica la borghesia per la mancanza di una propria politica culturale che possa sfidare la sinistra, ma ancora non menziona il solido programma di politica culturale che i Democratici svedesi hanno.

READ  hléns porta il popolare servizio di e-commerce nei supermercati: "un passo chiaro"

Non saprò mai come risponderà Johnson alle proposte della loro politica culturale, anche se oggi fanno parte del blocco borghese. D’altra parte, Jönsson pensa che potrebbe essere allettante “fare come in Ungheria” e “rispondere alla sinistra con la stessa moneta” nella politica culturale. Sottolinea che questa è la strada sbagliata e sostiene invece le classiche idee neoliberali sulla cultura perseguite dalle forze di mercato piuttosto che dai soldi delle tasse.

Ma quel paragrafo ci dice qualcosa su dove si trova ora il giuramento. Il fatto che le restrizioni sistematiche imposte alla libertà di espressione e alle istituzioni democratiche in Ungheria possano essere interpretate come “fare lo stesso della sinistra” dice qualcosa sul senso di perdita della guerra culturale, ma anche sulla necessità di moderare le correnti fasciste in Europa.

Il libro di Jönsson sarebbe un buon riassunto del paradosso che caratterizza la destra oggi: da un lato, il sogno dell’imprenditore libero professionista di un libero mercato equo, e dall’altro, consigli di vita paternalistici sull’importanza della buona morale e sventolando apologetica silenzio davanti alle crescenti forze autoritarie all’interno della borghesia.



Scrusa

Henrik Johnson

Libertà di autodifesa. Guida sul campo per individualisti

Samizdat, 230 a.C.



Elaine Grillson è autrice e membro dello staff della redazione culturale di Expressen.


Per saperne di più: “Little Life” è bloccato nella mia gola
Per saperne di più: eccellente Non basta che le chiese libere “tollerino” gli omosessuali

Åsa Wikforss: “Non andare sui social, non farlo”

Culture War at Home: Daniel Sciolin cerca i sette peccati capitali nella casa degli intellettuali del paese. Per la filosofa e membro dell’accademia Åsa Wikforss, deve trattarsi di pigrizia.

– Non sono nemmeno sicura che ci sia pigrizia, dice.