TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L'Estonia ha accolto il maggior numero di spie e traditori nella Guerra Fredda contro la Russia di Putin

Fino all'anno scorso Sinisalo era a capo del servizio di sicurezza estone.

Tallinn. Arnold Sinisalo sembra un funzionario municipale di medio livello e gli va benissimo.

Ma l’uomo seduto sull’unica sedia nella mia camera d’albergo nel centro di Tallinn è un attore chiave nella nuova guerra fredda tra la Russia e il mondo democratico. Fino all'anno scorso, Sinisalo era il capo del servizio di sicurezza estone, noto per la sua tenacia e il suo grande successo.

Mentre paesi come la Svezia e la Finlandia hanno accolto una manciata di spie e traditori dal 2008, l’Estonia ne ha accolti circa 30.

Ciò significa che Sinisalo è uno degli attori più importanti nella guerra segreta che infuria in tutta Europa con omicidi, sabotaggi, disinformazione e spionaggio.

– Al momento abbiamo 13 persone in detenzione in attesa di processo e sentenza, dice Sinisalo. 23 o 24 di loro sono stati condannati dal 2008.

Quello era l'anno Il servizio di sicurezza estone ha iniziato il suo nuovo modo di lavorare.

Prima di ciò, si è comportato come fanno solitamente i servizi di sicurezza. Sono intervenuti tempestivamente ed hanno escluso il reclutamento di persone nei servizi segreti russi. Le persone potevano lasciare il lavoro a loro discrezione.

Ora il servizio di sicurezza estone opera nel rumore e nel clamore, almeno rispetto ai suoi colleghi del resto d'Europa.

“Abbiamo preso la decisione strategica di non giocare a giochi silenziosi”, afferma Sinisalo. Siamo un piccolo paese. Non possiamo giocare come i grandi ragazzi. Abbiamo deciso che più pagavamo, meglio era. È l'unica cosa che fa davvero sanguinare i russi.

Parla di contrabbandieri con doppia nazionalità che venivano utilizzati dalla Russia per missioni di spionaggio più semplici come fotografare installazioni militari.

Hermann Siem era capo del Dipartimento di Sicurezza del Ministero della Difesa e spia per la Russia.

Parlare di Grandi traditori.

Hermann Siem, ad esempio, è il capo del dipartimento di sicurezza del Ministero della Difesa e una spia per la Russia.

– È stato facile reclutarlo perché si considerava molto alto ma non altrettanto bravo. Allora lo adulavano, gli dicevano quanto fosse importante.

O Denis Metsavas, maggiore dello stato maggiore estone.

-È stato così stupido da andare a Smolensk in Russia. Ha trascorso lì una bella serata e una notte con Jeb. La mattina dopo, alcuni uomini hanno bussato alla porta e hanno detto che o lavora per noi o ti metteremo in prigione per averla violentata.

La vanità e la trappola del miele.

Due metodi classici nel mondo delle spie.

READ  Il miliardario cinese Sun Dao è stato condannato a 18 anni di carcere

– Sembra semplice, ma i russi stanno facendo il loro lavoro. Sono molto bravi a farlo Homenth (Spionaggio tramite comunicazioni personali). Stanno studiando la persona che intendono reclutare. Problemi familiari? Gioco? Alcol? Quando chiamano per la prima volta, sanno cosa fare. Di solito si tratta di ricatto o di denaro e vantaggi personali. Pochissimi coloro che lavoravano per i russi lo facevano per ragioni patriottiche.

Lo dice Sinisalo L'istruzione “alla scuola del KGB” dura cinque anni ed è molto avanzata. Servire nelle “agenzie speciali” è glorioso e redditizio a causa della corruzione. Quindi, su 100 ufficiali, se ne può contare forse la metà a causa della corruzione e dell'ubriachezza.

La descrizione di Sinisalo ci ricorda ciò che abbiamo visto dall'esercito russo in Ucraina. Compensi la scarsa qualità con enormi quantità. “Nessuno investe nelle agenzie private tanto quanto la Russia”.

È sufficiente che dieci agenti dei servizi segreti su 100 svolgano correttamente il proprio lavoro per causarci un grave danno. Ognuno di loro ha il compito di coltivare almeno tre o quattro fonti. Non dico che centinaia di estoni lavorino per i russi, ma dozzine di loro lavorano per i russi.

Tallinn induce lo scrittore a tornare ai cliché dello spionaggio: i vicoli acciottolati della città vecchia, il luogo d'incontro tra Oriente e Occidente, e la grande minoranza russa tra gli estoni che ancora conduce una sorta di lotta per la libertà contro la Russia.

Quando ne incontro uno L'ex collega di Arnold Sinisalo al Café Rival vuole sedersi con le spalle al muro. “Una vecchia abitudine da poliziotto.” Il suo nome è Erkki Kurt e spiega così le differenze con i servizi di sicurezza occidentali:

Si affidano all'intelligence dei segnali e alle informazioni su Internet. Lavoro d'ufficio. Dimenticano l’importanza delle fonti personali e dimenticano il lavoro di polizia vecchio stile.

Esperienza in Europa occidentale Gli anni ’90 e i primi anni 2000 come periodo di pace. Ci siamo ripresi. Il sanguinoso ventesimo secolo è finalmente finito.

Per l’Estonia, quella sensazione di sicurezza non è mai arrivata.

– Le azioni della Russia iniziarono immediatamente quando ottenne l'indipendenza dall'Unione Sovietica nel 1991, dice Arnold Sinisalo. Nel primo inverno hanno aumentato i prezzi dell’energia al punto che il nostro governo ha discusso seriamente dell’evacuazione dell’intero distretto di Lasnamai – una zona di Tallinn – in campagna. Lì le persone possono riscaldarsi con stufe a legna e fuochi all'aperto.

Parla a bassa voce. Nessun gesto, mai alzare la voce.

– Hanno sempre voluto dimostrarci che non siamo un paese normale. In tutti questi anni, più di 30 anni, non c'è stata una sola visita da Mosca a Tallinn. Il primo ministro Mikhail Fradkov era qui una volta durante la riunione del Consiglio del Mar Baltico. Si è rifiutato di incontrare il nostro primo ministro Johan Bartz ed è invece andato a pescare. Ha trovato il tempo per parlare con il nostro Primo Ministro solo durante la cena ufficiale.

READ  Anna-Lena Loren diventa corrispondente dall'Ucraina di HBL

Sinisalo aggiunge, ripensandoci:

Fradkov divenne in seguito capo del servizio segreto straniero russo (SVR).

Arnold Sinisalo ha detto:

Tutti i servizi di sicurezza Lavora per la sicurezza dello Stato. Ecco perché esistono. Per l'estone la minaccia all'esistenza del giovane Stato è sempre stata presente.

Il giorno prima di incontrare Arnold Sinisalo, ho intervistato l’ex presidente Tomas Ilves, un uomo schietto con un abito a tre pezzi, una cravatta a pois e una gomma da masticare alla nicotina. Mastica continuamente gomme alla nicotina da quando ha smesso di fumare nel 2003.

Firmeremo un accordo con i russi che consentirà ai residenti che vivono lungo il confine di spostarsi liberamente tra i due paesi per una distanza massima di 50 chilometri. Pensavamo di poter copiare l'accordo che avevamo con la Finlandia. I russi hanno rifiutato. Non ti tratteremo mai come la Finlandia. “Perché eravamo un'ex repubblica sovietica”, dice Thomas Ilves.

Quando l’Estonia ha chiesto di aderire all’Unione Europea, la Russia ha chiesto di essere inclusa nei negoziati. Al quale sia l’Unione Europea che l’Estonia hanno detto no.

– Elvis dice che i russi ci consideravano i loro antichi possedimenti. Era una molestia. Che si sono trasformati in attacchi.

Arnold Sinisalo ha detto:

La Russia vede tutti i suoi vicini come seguaci o nemici.

Si piega sotto pressione Uno si indurisce o si indurisce.

L’Estonia si irrigidì.

I cittadini estoni che hanno lavorato per i servizi segreti russi vengono costantemente definiti traditori dalle autorità e dai media estoni. “Definizione precisa”, dice Sinisalo.

Il servizio di sicurezza estone pubblica rapporti annuali completi che includono i nomi delle persone detenute (ma non tutte).

Il Servizio di Sicurezza affronta il problema della doppia cittadinanza nel suo ultimo rapporto annuale. Significa lealtà verso entrambi i paesi, il che è un problema particolare per i russi in Estonia perché è difficile rinunciare alla cittadinanza russa anche se lo si desidera.

Sinisalo afferma che su 300.000 russi, forse il 10% è titubante riguardo alla lealtà tra Estonia e Russia. Di quel dieci per cento, forse il cinque per cento è disposto a creare attivamente problemi. Se le circostanze ne danno l'opportunità.

Ci sono 1.500 persone.

Dall'inizio della Russia Dopo la guerra totale contro l’Ucraina nel 2022, l’Estonia ha bloccato 53 canali televisivi russi e 307 siti web. Arnold Sinisalo contro la censura.

– Non credo in questo tipo di punizione. Chi vuole guardare quei canali può farlo comunque.

READ  L’Amazzonia è più avanti, peggio per la savana

L’alternativa dovrebbero essere messaggi chiari e notizie complete. La relativa apertura dei servizi di sicurezza ne è un’espressione.

– Dobbiamo spiegare alla società cosa stiamo facendo e qual è la differenza tra noi e il KGB.

Crede che il governo dovrebbe essere più proattivo nell'informazione in modo che le persone capiscano cosa ci si aspetta da loro.

– Ho detto molte volte ai russofoni che se pensate che la vita sia terribile, allora ecco la Madre Russia. Sei sempre il benvenuto lì. Madre Russia ti sta chiamando. Hai un'alternativa all'Estonia. Ma gli estoni hanno solo l’Estonia.

Non solo 1.500 russi rappresentano un potenziale problema di sicurezza. Ci sono anche circa 1000 esteri.

Le rivolte del 2007 iniziarono come proteste quando le autorità rimossero il Soldato di Bronzo (che rappresenta un soldato dell'Armata Rossa). È iniziato come una questione politica e si è trasformato in una rivolta generale quando le persone si sono ubriacate e hanno subito atti vandalici. Un quarto dei rivoltosi erano estoni.

Lo scambio è avvenuto su un ponte tra Estonia e Russia.

È allettante farlo Sinisalo è chiamato il George Smiley estone, dal nome del famoso maestro di spionaggio nei romanzi di John le Carré, non solo per la sua professione ma anche perché ha un'indole intellettuale come Smiley.

Sinisalo ha conseguito il dottorato in giurisprudenza. “Pensa in modo diverso e più lontano degli altri”, afferma l'ex collega Erkki Kurt.

Sinisalo ha scelto di lavorare nel Servizio di Sicurezza piuttosto che nella polizia aperta perché il Servizio di Sicurezza è intellettualmente più interessante. Se una persona ubriaca accoltella un'altra persona ubriaca con un coltello, è terribile, ma non è altro che dramma. Capire un traditore come Hermann Simm è infinitamente più difficile e affascinante.

Poi ci sono le circostanze esterne, che sono esattamente come i libri di Le Carré. Ad esempio, la polizia di sicurezza estone Eston Kuhver ha incontrato una fonte al confine con la Russia.

    Eston Kohver è stato sostituito da Alexei Dressen.

La fonte consegnerà Documenti in una foresta a Pitsiri, nel sud dell'Estonia. Ma la fonte era un doppio agente russo e gli agenti di sicurezza russi hanno trascinato Kohfer oltre il confine e lo hanno rapito.

Poco più di un anno dopo, Kohfer fu sostituito con Alexei Driessen, un ufficiale dei servizi di sicurezza condannato a 16 anni di prigione per spionaggio a favore della Russia.

Lo scambio è avvenuto su un ponte sul confine del fiume Pioza, non lontano dal luogo del rapimento di Kohfer.

In quella giornata grigia, Dresser tese la mano per un ultimo saluto ai suoi compagni di squadra.

Un comandante della sicurezza estone ha detto:

– Non stringiamo la mano ai traditori.

Dresser tese la mano in un ultimo saluto.