TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La foto “All Eyes on Rafah” è condivisa da milioni di persone – Hufvudstadsbladet

La foto “All Eyes on Rafah” è condivisa da milioni di persone – Hufvudstadsbladet

Un’immagine inventata che invitava a concentrarsi su Rafah a Gaza è stata condivisa più di 40 milioni di volte su Instagram in soli due giorni.

L’immagine mostra un campo con tende bianche con la scritta “Tutti gli occhi su Rafah”. Secondo la NBC, la foto è stata condivisa da oltre 29 milioni di utenti Instagram in meno di 24 ore. La foto è tratta da un account Instagram asiatico che ha condiviso molte foto legate alla guerra a Gaza.

– Certo, puoi vedere che l'immagine è stata creata dall'intelligenza artificiale, e c'è già chi l'ha criticata, ma qui si tratta più del simbolismo in essa contenuto. Perciò penso che abbia avuto un effetto virale, dice lo stratega dei media Brett Staxton.

annuncio

Corpi bruciati

Domenica, un attacco israeliano contro un campo vicino a Rafah ha ucciso almeno 45 persone e ne ha ferite più di 200. Giorni prima, la Corte internazionale di giustizia dell’Aia aveva ordinato a Israele di cessare immediatamente le ostilità a Rafah.

Le immagini dell'attacco hanno iniziato rapidamente a diffondersi sui social media, mentre i corpi bruciati venivano recuperati dalle macerie del campo in fiamme. In una clip ampiamente diffusa, appare un uomo che trasporta il corpo di un bambino decapitato.

annuncio

Le informazioni su come è scoppiato l'incendio variano, ma deve essere avvenuto in relazione all'attacco israeliano contro due leader di Hamas. Primo Ministro di Israele Benjamin Netanyahu Ha descritto l'incidente come un “tragico errore”.

Ma non sono state le immagini dell'attacco in sé ad avere più visibilità, ma piuttosto l'immagine costruita più digeribile.

READ  La Spagna si separa dall'Argentina dopo il suo discorso presidenziale

Leggi anche: Pertanto, i paesi nordici pensano diversamente alla Palestina

Immagine dell'icona

– Molte persone che si sono astenute dal condividere foto di Gaza perché pensavano che fossero troppo terribili o volevano evitare di essere coinvolte nelle discussioni online, ora condividono questa foto. Il simbolismo rende tutto più semplice, dice e continua:

– Nel regno digitale, non sempre sai chi è il mittente. Penso che questo impedisca a molte persone di partecipare. Poi, naturalmente, potrebbe anche trattarsi di persone che sentono che è stata oltrepassata un’altra soglia di sofferenza civile.

Le pubblicazioni che hanno ricevuto questo tipo di diffusione sono state accusate in altri notiziari mondiali di essere la cosiddetta “stagnazione”. La stagnazione si riferisce ad attività che richiedono nessuno sforzo o uno sforzo minimo e non portano a nulla di più. Brett Staxton ritiene che bisogna stare attenti a respingere questo tipo di impegno come completamente privo di significato.

-Penso che dovresti considerarlo principalmente come un'espressione di simpatia. Naturalmente, per molti, questo finisce per essere condiviso, ma può anche portare a coinvolgere più persone nel modo in cui sostengono le organizzazioni che aiutano sul campo.