TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Gli Stati Uniti meridionali nell’ondata di contagio: “più persone moriranno”

L’epidemia negli Stati Uniti ha acquisito un nuovo spaventoso slancio con record lugubri e sorprendenti degli ultimi tempi. In soli quattro giorni, il record precedente della scorsa settimana, con 590.000 casi, è raddoppiato a oltre un milione di infetti, come riportato in un giorno, lunedì.

Secondo Bloomberg, si presume che anche questa informazione sia sottostimata perché molti utilizzano test casalinghi, dove il risultato non viene registrato dalle autorità.

Tuttavia, potrebbe esserci un effetto di ritardo nelle statistiche, ad esempio nei fine settimana.

Rapporti della Johns Hopkins University Il 2 gennaio ci sono stati 2,8 milioni di casi in una settimana, superando anche la precedente lista più alta nel gennaio 2021, quindi 1,7 milioni di casi in una settimana.

Le persone stanno avvertendo immediatamente gli effetti della pandemia isolandosi e restando a casa, il che ha comportato la cancellazione dei voli, la chiusura di scuole e uffici, la completa occupazione degli ospedali e la riduzione dei trasporti, portando di conseguenza a una carenza di merci.

Anche se omikron sembra dare moderazione I processi patologici con una percentuale minore di persone infette che necessitano di cure ospedaliere e un gran numero temono un forte aumento dei decessi, sebbene non sia ancora apparso nelle statistiche.

Finora, gli Stati Uniti hanno circa 830.000 morti nella pandemia e il periodo peggiore in quasi un anno è stato a metà gennaio 2021. A quel tempo, 23.000 persone sono morte in una settimana, secondo le statistiche della Johns Hopkins University. Questo può essere paragonato ai dati più recenti, con poco più di 8.700 decessi segnalati a settimana il 2 gennaio 2022.

Negli stati meridionali in particolare si teme una forte ondata di Omicron, scrive il Washington Post, dopo che “sono esplose le infezioni negli Stati Uniti nordorientali e centrali”. Ciò è dovuto in parte al minor tasso di vaccinazione nel Sud, ma anche perché i leader statali sono stati meno inclini a imporre sanzioni e regole sull’igiene orale.

READ  La Bielorussia trasporta i migranti alla frontiera in autobus

Vaccinazione in Mississippi nell’agosto di quest’anno. Lo stato è uno di quelli negli Stati Uniti con un basso tasso di vaccinazione.

Foto: Rogelio V. Solis

Negli Stati Uniti ci sono poco più di 505 milioni di dosi Il vaccino contro la Coronavina e un totale del 62 percento della popolazione degli Stati Uniti è stato completamente vaccinato, Secondo Il nostro mondo nei dati. È molto più basso di molti paesi europei.

In stati come Mississippi, Louisiana, Georgia, Alabama e South Carolina, il tasso di vaccinazione è basso.

dati come Prodotto dal Washington Post Mostra anche che in questi stati c’è stato il più grande aumento dei ricoveri dal fine settimana di Natale.

Secondo il documento, potrebbe peggiorare man mano che gli omicroni si diffondono dalle grandi città alle città più piccole in campagna, dove il tasso di vaccinazione è più basso.

Uno stato a rischio è la Florida, che ha una media di circa 43.000 nuovi casi al giorno, quasi il doppio quando la malattia delta ha raggiunto il picco quest’estate.

Poco prima della fine dell’anno, ci sono stati rapporti di allarme di aumenti delle infezioni fino al 1.800 percento in aree come Miami-Dade e Palm Beach.

La Georgia è descritta come “Lo stato in cui i letti d’ospedale si stanno riempiendo più velocemente dopo il New Jersey.” Il governatore Brian Kemp (a destra) ha accettato di aumentare il numero di siti di test, schierare 200 soldati della Guardia Nazionale e assumere quasi 1.000 nuovi operatori sanitari.

Kemp ha rifiutato di imporre restrizioni che potrebbero influire negativamente sull’imprenditorialità o “dividere le persone in vaccinate e non vaccinate”.

È stato criticato per essersi concentrato sull’affrontare le conseguenze della pandemia piuttosto che cercare di limitare la diffusione dell’infezione.

“Purtroppo, il deja vu che stiamo vedendo in Georgia include anche il dipartimento sanitario statale, che, di fronte alla prevista grave ondata epidemica, sta facendo ben poco per rispondere in modo proattivo”, ha affermato Harry Heymann, professore di sanità pubblica. presso l’Università della Georgia.

Allo stesso tempo, i ricercatori dicono Quell’esperienza dal Sudafrica mostra che la prima ondata di Omicron può finire rapidamente… Entro una settimana, la diffusione dell’infezione potrebbe aver raggiunto il picco. Ma sono attese più onde. Il sud americano è stato duramente colpito dalla pandemia nell’estate del 2021, uno schema che si teme si ripeta quest’anno.