TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L'emergere dello stato-nazione è un buon modello per l'integrazione globale

L’emergere dello stato-nazione è un buon modello per l’integrazione globale

Gli stati nazionali hanno ampliato la loro rete di sicurezza sociale in tutto il mondo sotto forma di assistenza su larga scala. Questa è la prova che ci stiamo gradualmente muovendo verso la responsabilità globale, ha scritto il ministro Bar Steinbach.

L’epidemia è passata A una grave battuta d’arresto per puro nazionalismo. Questa è la diagnosi che sembra applicarsi ora. Chiusura delle frontiere, mancanza di solidarietà nella distribuzione dei vaccini e sospetto di paesi ritenuti “colpevoli” dell’origine e della diffusione del virus. Forse tutto questo scomparirà quando l’epidemia sarà finita (quando?), e forse no.

Indubbiamente, l’epidemia rappresenta una grave battuta d’arresto per i diciassette obiettivi globali fissati dai paesi del mondo nel 2015. Si stima che mezzo miliardo di persone siano scese al di sotto della soglia di povertà e 800 milioni soffrano di malnutrizione cronica. Molte campagne di vaccinazione sono state interrotte, determinando un nuovo slancio delle epidemie tradizionali. La chiusura delle scuole colpisce circa 1,25 miliardi di bambini, di cui l’86 per cento sono bambini nei paesi in via di sviluppo. Gli 1,6 miliardi di persone che lavorano nell’economia informale hanno sofferto di più le conseguenze della pandemia. Molte istituzioni internazionali sono state autorizzate a limitare le loro attività.

C’è il pericolo che l’umanità e la comunità internazionale entrino in un periodo di diminuzione della cooperazione, nuove barriere di confine e meno coordinamento per combattere il flagello globale. E alcuni lo considerano buono solo perché la nazione significa sicurezza per loro, mentre il mondo esterno minaccia con le sue crisi ed epidemie. Altri sottolineeranno che la stessa pandemia dimostra la necessità di una maggiore cooperazione, un migliore coordinamento delle risorse della Terra e una maggiore fiducia nelle istituzioni internazionali.

È così semplice Per giustificare perché il mondo e noi abbiamo bisogno di nuove strutture, regole più severe e un migliore coordinamento. Le cause sono le tre minacce esistenziali che possono essere evitate solo attraverso la cooperazione: la catastrofe climatica, la guerra nucleare e la prossima mega-pandemia. Tuttavia, ci sono scettici e negazionisti, consciamente o inconsciamente, che minimizzano i rischi.

READ  Organizzazione | Università di Göteborg

I problemi sono globali, ma la globalizzazione stessa è controversa. Se credi che il futuro dell’umanità risieda in una comunità globale emergente in definitiva con regole credibili supportate e monitorate da istituzioni sovranazionali, devi prima esaminare le forze che hanno reso così potente il nazionalismo. È difficile immaginare un mondo globale funzionante senza incorporare lo stato-nazione nell’aritmetica.

Un residente di un paese indipendente ha buone ragioni per sostenere un forte ordine mondiale. Ciò è particolarmente vero per i residenti di paesi di piccole e medie dimensioni, cioè nella maggior parte dei circa 200 paesi del mondo. Hanno un disperato bisogno di reti di sicurezza e garanzie di sicurezza contro pericoli e abusi. Cercano protezione e garanzie cambiando alleanze, ma per loro sarebbe molto gradito un sistema giuridico sovranazionale. Quasi due terzi di tutti i paesi non possono fare a meno del supporto e del contatto con il mondo esterno.

Nel secolo scorso sono stati fatti due tentativi per un nuovo inizio: la Società delle Nazioni e le Nazioni Unite. Sebbene i tempi e le ambizioni siano stati migliori, i risultati mostrano che sono necessari accordi più vincolanti e di supervisione, ma anche che la mentalità globale sta guadagnando un punto d’appoggio più profondo tra i cittadini degli stati-nazione.

Molte persone vedono l’idea di una nazione L’idea universale come opposti è quindi incompatibile. Non credo che dovrebbe essere. Puoi sostenere lo stato-nazione come elemento costitutivo necessario in una comunità globale funzionante. Ha senso prendere le distanze dalle esagerazioni nello stile della necessità di un governo mondiale con poteri di vasta portata e un proprio apparato di potere che può mescolare grandi e piccoli. Ciò per cui i ragionevoli sostenitori della cooperazione globale dovrebbero lavorare è un progresso graduale e vincolante, uno sviluppo graduale verso l’obiettivo centrale, un mondo di pace e stabilità.

READ  Referendum di Berlino sulla crisi abitativa - DN.SE

I politici amano Donald Trump E le persone che la pensano allo stesso modo vogliono riportare lo stato-nazione al suo presunto stato perduto. Ma la domanda è se è necessario. Lo stesso Trump ha dimostrato quanto sia facile liberarsi dagli attuali obblighi internazionali. All’interno dell’UE, si tratta più di delegare determinati compiti, piuttosto che di una reale perdita di potere. Gli Stati membri hanno l’ultima parola su tutte le principali questioni.

Il fatto che gli elettori del mondo occidentale credano e diano la colpa alla globalizzazione è in parte dovuto, a mio avviso, al fatto che i paesi non hanno imparato a controllare i lati negativi della globalizzazione e sono stati in grado di stabilire nuove regole del gioco al passo con la rapidità globalizzazione tecnologica ed economica. Certo, le nazioni stanno diventando sempre più dipendenti l’una dall’altra attraverso il commercio globale, ma soprattutto attraverso le tre minacce esistenziali che si applicano a tutti, piccoli e grandi. È difficile credere che si voglia rinunciare a tutti i benefici portati dalla divisione internazionale del lavoro, ed è difficile credere che le nazioni più piccole avrebbero più successo all’interno dei confini chiusi.

In realtà L’emergere dello stato-nazione è un buon modello per l’integrazione globale. Alcuni secoli fa, la mappa dell’Europa sembrava un miscuglio di piccole regioni. Nella Germania di oggi c’erano centinaia di unità governative con le proprie tariffe, monete e leggi. L’Italia come paese non esisteva e il francese non era l’unica lingua nella Francia prerivoluzionaria. Gli stati-nazione sono nati come idea, ma anche per necessità di razionalizzazione e riforme. Lingua, religione e territorio divennero il collante dello stato-nazione.

Formazioni di paesi come la Cina e l’India sono altri esempi di unità che vengono gradualmente saldate insieme. Oggi ci sarebbero state dozzine di paesi cinesi con lingue diverse. L’India è un insieme di lingue, religioni e culture, ma alla fine è diventata un paese coeso in un processo storico. L’America Latina avrebbe potuto formare un gigante della federazione, ma forse duecento anni fa la geografia e le comunicazioni costituivano un ostacolo molto grande, nonostante la lingua e la religione comuni.

READ  Il Real Madrid insegue i giocatori italiani di successo

Ciò non significa che Stati federali come gli Stati Uniti e l’India siano modelli naturali a livello globale. Ma con l’Unione Europea hanno dimostrato che è possibile creare entità di alto livello, anche quando non sono supportate da fattori linguistici, religiosi e culturali. Inoltre, l’Unione Europea è un’esperienza storica con Stati indipendenti che hanno creato un’unione faticosa in cui i suoi membri negoziano costantemente il prossimo passo di cooperazione.

Realtà Il mondo di oggi non è affatto così frammentato come a volte si potrebbe immaginare. Alcune tendenze generali indicano un interesse per la dimensione globale. La storia del mondo è un argomento popolare e Yuval Noah Harari Sono state vendute milioni di copie dei suoi libri. Le diverse forme artistiche e culturali di oggi sono transnazionali. L’arte visiva moderna non ha una patria specifica. La gente parla di letteratura mondiale e raramente un buon film è un introverso nazionale. Ci sono migliaia di organizzazioni internazionali che cooperano in molti settori. Non tutti sono efficienti e coordinati come dovrebbero, ma esistono reti utili.

In un certo senso, gli stati nazionali hanno ampliato la loro rete di sicurezza sociale in tutto il mondo sotto forma di assistenza globale. Questa è la prova che ci stiamo gradualmente muovendo verso la responsabilità globale.

Nonostante questi indicatori positivi, ci sono molti ostacoli sulla via di una vera solidarietà e di forme vincolanti di cooperazione.

Nota a piè di pagina Questo è il primo di due articoli sulla globalizzazione.

Bar Steinbach è un ex Segretario di Stato, leader della Croce Rossa e Presidente del Consiglio di amministrazione della New Foreign Policy Association.